Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 285 bis Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Custodia cautelare in istituto a custodia attenuata per detenute madri

Dispositivo dell'art. 285 bis Codice di procedura penale

(1) Nelle ipotesi di cui all'articolo 275, comma 4, se la persona da sottoporre a custodia cautelare sia donna incinta o madre di prole di età non superiore a sei anni, ovvero padre, qualora la madre sia deceduta o assolutamente impossibilitata a dare assistenza alla prole, il giudice può disporre la custodia presso un istituto a custodia attenuata per detenute madri, ove le esigenze cautelari di eccezionale rilevanza lo consentano.

Note

(1) Tale articolo è stato aggiunto dall’art. 1, comma 3, della l. 21 aprile 2011, n. 62.

Ratio Legis

La norma in esame è stata introdotta al fine di limitare il rischio d'insorgenza di problemi legati allo sviluppo della sfera emotiva e relazionale dei figli di soggetti detenuti.

Spiegazione dell'art. 285 bis Codice di procedura penale

L'articolo in oggetto è volto a temperare la gravosità della custodia cautelare nei confronti delle imputati tenuti all'assistenza della prole.

Fatti salvi i consueti limiti di cui agli art. 274 e 275, per cui oltre alla necessaria sussistenza del pericolo di fuga, di inquinamento probatorio e di reiterazione del reato, il giudice deve ritenere che sarà irrogata una pena detentiva superiore ai tre anni, la norma pone ulteriori delimitazioni all'applicabilità della custodia cautelare.

Tramite il richiamo al comma 4 dell'art. 275, si dispone che la donna incinta o madre di prole di età inferiore ai sei anni, oppure il padre, qualora la madre sia impossibilitata ad assistere la prole, possono essere condotti, con gli stessi effetti della custodia cautelare (scomputo del periodo sofferto dalla pena detentiva finale), in un apposito istituto.

Oltretutto, non sono sufficienti le solite esigenze cautelari, ma esse, per contro, devono essere di eccezionale rilevanza, in modo da non consentire in alcun modo una misura cautelare meno afflittiva e restrittiva della libertà personale.

L’istituto a custodia attenuata per detenute madri (ICAM) si impernia su un modello organizzativo di tipo comunitario da realizzare in sedi esterne agli istituti penitenziari, dotate di sistemi di sicurezza non riconoscibili dai bambini e prive dei tradizionali riferimenti all’edilizia carceraria; all’interno dell’istituto, gli stessi agenti di Polizia Penitenziaria operano senza divisa.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.