Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 280 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Contenuto e disciplina dell'ordinanza del collegio

Dispositivo dell'art. 280 Codice di procedura civile

Con la sua ordinanza il collegio fissa l'udienza per la comparizione delle parti davanti al giudice istruttore o davanti a sé nel caso previsto dall'articolo seguente (1).

Il cancelliere inserisce l'ordinanza nel fascicolo di ufficio e ne dà tempestiva comunicazione alle parti a norma dell'articolo 176 secondo comma (2).

Per effetto dell'ordinanza il giudice istruttore è investito di tutti i poteri per l'ulteriore trattazione della causa.

Note

(1) Con l'ordinanza collegiale si riapre la fase istruttoria: le parti sono reinvestite delle loro facoltà processuali ed il giudice istruttore può esercitare di tutti i poteri relativi alla trattazione della causa, dovendo però sottostare ai limiti individuati nell'ordinanza collegiale.
(2) L'ordinanza collegiale deve essere tempestivamente comunicata alle parti dal cancelliere, mediante biglietto di cancelleria, ai sensi dell'art. 176 del c.p.c., a meno che la legge ne prescriva la notificazione, come nel caso del provvedimento ammissivo del giuramento decisorio, che deve essere personalmente notificato alla parte chiamata a prestarlo (in questo caso, la notificazione è curata dalla parte che ha deferito il giuramento e non dal cancelliere).

Massime relative all'art. 280 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 11272/1995

L'ordinanza collegiale che, per qualsiasi ragione, rimette la causa dinnanzi all'istruttore determina la riapertura della fase istruttoria nella quale, essendo restituiti al giudice istruttore tutti i poteri per l'ulteriore trattazione della causa (art. 280 c.p.c.), anche le parti debbono essere necessariamente investite, senza limitazioni di sorta, di tutte le facoltà che esse possono normalmente esercitare in tale fase e della facoltà, quindi, di modificare le domande (emendatio libelli), le eccezioni e conclusioni in precedenza formulate e di produrre nuovi documenti e nuove prove.

Cass. civ. n. 5806/1982

Nel sistema del codice di rito, le ordinanze collegiali hanno lo stesso carattere delibativo e provvisorio che hanno quelle del giudice istruttore, mirando all'unico fine di provvedere all'istruzione della causa, sicché esse, salve le limitazioni di cui all'art. 177 c.p.c., sono sempre modificabili e revocabili mediante la successiva sentenza, che rimane così il tipico e definitivo provvedimento decisorio, l'unico che debba essere impugnato per impedire il passaggio in giudicato di tutte le questioni che solo in essa hanno trovato definitiva soluzione.

Cass. civ. n. 4378/1982

Le ordinanze, anche se emesse dal collegio, conservano il carattere strumentale insito nella loro natura e funzione processuale, pur quando involgano questioni attinenti al merito, sicché non possono produrre effetti preclusivi o altrimenti pregiudizievoli per la decisione della causa e sono sempre modificabili e revocabili anche per implicito (salve le limitazioni di cui all'art. 177 c.p.c.) mediante la successiva sentenza, la quale rimane definitivo provvedimento decisorio. Né è configurabile un vizio di contraddittorietà tra la sentenza e la precedente ordinanza, risolvendosi il contrasto in una implicita revoca di quest'ultima.

Cass. civ. n. 5079/1978

L'ordinanza con la quale il collegio, decidendo una delle due cause riunite, disponga l'ulteriore istruzione riguardo all'altra causa, ha contenuto esclusivamente istruttorio ed è pertanto insuscettibile di ricorso per cassazione ai sensi dell'art. 111 della Costituzione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Contributo allo studio degli atti processuali tra forma e linguaggio giuridico

    Autore: Querzola Lea
    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: giugno 2018
    Prezzo: 33,00 -5% 31,35 €
    Il volume "Contributo allo studio degli atti processuali tra forma e linguaggio giuridico" è una monografia scientifica rivolta specificamente agli studiosi dei temi trattati e alla comunità accademica. La prima parte dell'opera è dedicata alla materia degli atti processuali, con particolare riguardo alla disciplina delle sanzioni (nullità, inesistenza, inammissibilità, improcedibilità). La seconda parte approfondisce il tema della lingua giuridica e... (continua)
  • Prova legale e libero convincimento del giudice

    Autore: Russo Marco
    Editore: Giappichelli
    Collana: Biblioteca di diritto processuale civile
    Pagine: 304
    Data di pubblicazione: maggio 2017
    Prezzo: 36,00 -5% 34,20 €
    Categorie: Istruzione
  • La contumacia nel processo civile

    Editore: Zanichelli
    Pagine: 176
    Data di pubblicazione: novembre 2018
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Il volume è destinato agli studenti del corso universitario di diritto processuale civile, ed ha lo scopo di accostarli all'approfondimento dei molti istituti, centrali nella loro formazione, coinvolti nel grande tema della contumacia. Il target spiega alcune scelte espositive da parte di chi, come l'autrice, in qualità di titolare del corso di Diritto processuale civile presso il «DiGiES» dell'Università «Mediterranea» di Reggio Calabria,... (continua)
  • ART. 395-403. Revocazione

    Autore: Russo Marco
    Editore: Zanichelli
    Collana: Commentario Codice di procedura civile
    Pagine: 224
    Data di pubblicazione: aprile 2018
    Prezzo: 43,00 -5% 40,85 €
    Le disposizioni commentate nel volume raccolgono la disciplina di quel particolare mezzo d'impugnazione con il quale l'esito di una decisione formalmente valida può essere rimesso in discussione per esigenze che, secondo un'antica e autorevole dottrina, «ineriscono alla funzione stessa della giustizia», e che, nei casi di revocazione straordinaria, possono travolgere anche il giudicato. Di tale mezzo ci si occupa prima di tutto, nell'ambito del commento all'art. 395 cod.... (continua)
  • Il nuovo appello civile

    Editore: Zanichelli
    Collana: Strumenti del diritto
    Pagine: 400
    Data di pubblicazione: maggio 2017
    Prezzo: 80,00 -5% 76,00 €
    Categorie: Appello
    Dopo l'intensa rielaborazione normativa dell'istituto, culminata nella legge 134 del 2012, e la stagione giurisprudenziale che ha preceduto e seguito la riforma, per quasi cinque anni, il volume tenta una ricostruzione sistematica dell'appello civile, con particolare attenzione alle parallele evoluzioni degli ordinamenti europei, alcune delle quali, almeno nelle intenzioni del legislatore, sono state il modello a cui ha attinto l'ordinamento italiano. Per gli evidenti riflessi sistematici,... (continua)