Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 206 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

[Aggiornato al 28/02/2021]

Assistenza delle parti all'assunzione

Dispositivo dell'art. 206 Codice di procedura civile

Le parti possono assistere personalmente all'assunzione dei mezzi di prova [84 disp. att.] (1).

Note

(1) L'assistenza delle parti deve essere attiva, ossia consistere nella effettiva partecipazione alla prova, personalmente o a mezzo del difensore.
Le parti possono sempre rilasciare dichiarazioni e porre domande al giudice, nonché essere poste a confronto con i testi (tranne nell'interrogatorio informale).
Solo nel caso di ispezione corporale (art. 260 del c.p.c.) è previsto che la parte possa essere esclusa dall'assunzione per evitare la lesione dei diritti di libertà personale e riservatezza del soggetto sottoposto all'esame.

Ratio Legis

La partecipazione attiva delle parti nella fase di assunzione delle prove è espressione del diritto di difesa tutelato dall'art. 24 Cost..

Spiegazione dell'art. 206 Codice di procedura civile

Con questa norma il legislatore ha voluto assicurare che l'assunzione dei mezzi di prova avvenga nel contraddittorio delle parti, e ciò perché il diritto alla prova viene pacificamente riconosciuto come manifestazione del diritto all'azione e alla difesa in giudizio.

Tale diritto deve intendersi sia nel senso di diritto all'ammissione di tutte le prove delle quali le parti dispongano e che possono rivelarsi utili al fine di dimostrare i fatti dalle stesse allegati, sia come diritto all'assunzione di quei mezzi di prova ammessi in quanto considerati rilevanti.
Il mancato rispetto del principio del contraddittorio, anche in fase di assunzione della prova, determina la nullità del procedimento di acquisizione, la quale ha tuttavia carattere relativo (ciò significa che, secondo il disposto del secondo comma dell’art. 157 del c.p.c., la stessa deve essere denunciata dalla parte interessata nella prima istanza o difesa successiva al suo verificarsi o alla sua conoscenza).

Occorre evidenziare, comunque, che la presente norma trova nella prassi scarsa applicazione pratica, in quanto solo raramente le parti sono personalmente presenti all'assunzione.
Essa è applicabile alle sole parti regolarmente costituite a mezzo di procuratore oppure nei giudizi in cui è ammessa la personale comparizione; nel corso dell'assunzione, infatti, potrebbero sorgere incidenti o essere sollevate eccezioni, in relazione ai quali solo la parte costituita potrebbe avere una conoscenza sufficiente od un apprezzabile interesse ad interloquire.

La posizione della parte va tenuta distinta da quella del procuratore che la assiste; su quest’ultimo soltanto grava un vero e proprio onere a comparire all'udienza fissata dal giudice per l'assunzione dei mezzi di prova, mentre le parti sono titolari di una mera facoltà, rimessa alla loro scelta discrezionale.

Solo eccezionalmente il diritto delle parti di assistere può essere escluso, e questo accade, ad esempio, quando si debba procedere ad un'ispezione corporale (ipotesi in cui la presenza delle parti non è conciliabile con il rispetto della persona ispezionata).
Se, invece, le parti dovessero risultare escluse o impedite alla partecipazione senza un valido motivo, la prova ugualmente assunta deve considerarsi nulla.

I poteri spettanti alle parti presenti sono previsti dalle norme che disciplinano l'assunzione dei singoli mezzi di prova; queste possono, previa autorizzazione del giudice (sempre revocabile o modificabile) svolgere osservazioni, fare dichiarazioni, rivolgere domande e proporre istanze a colui che procede all'assunzione, nonché divenire, a loro volta, oggetto di interrogazione o di confronto con i testimoni (è da escludere, invece, l’interrogatorio libero delle parti presenti, poiché esso necessita di uno specifico ordine del giudice).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • La consulenza tecnica nel giudizio arbitrale. Il danno da inadempimento contrattuale

    Editore: Giuffrè
    Collana: Contratti e commercio internazionale
    Data di pubblicazione: ottobre 2016
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €
  • La conciliazione del consulente tecnico d'ufficio. Come e perché il C.T.U. può essere conciliatore della causa

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: ottobre 2015
    Prezzo: 27,00 -5% 25,65 €

    Nell'odierno processo civile, il tentativo di conciliazione della controversia è richiesto sempre più spesso dai giudici. Le prassi consolidate presso gli uffici giudiziari hanno reso l'esperimento conciliativo una delle attività più importanti del C.T.U. in ogni ambito processuale, offrendone apposito riconoscimento nel quesito posto al consulente. Per questo è importante che il consulente sia preparato a rivestire tale importante funzione e a gestire i... (continua)

  • L'istruzione probatoria nel processo civile

    Editore: CEDAM
    Collana: Sapere diritto
    Data di pubblicazione: settembre 2015
    Prezzo: 80,00 -5% 76,00 €
    Categorie: Istruzione

    Il regime probatorio, specie dopo la fondamentale riforma del processo civile, attuata con la L. 26.11.1990, n. 353, e le modifiche apportate all'art. 183 c.p.c., con la L. 14 maggio 2005, n. 80, ha assunto un ruolo primario innanzitutto per il sistema delle preclusioni che, in pratica, delimitano l'attività istruttoria, salvo poche eccezioni, al primo grado del giudizio.

    In questi anni, il maggior impegno del legislatore è stato nel senso di istituire regimi... (continua)

  • La consulenza tecnica nel processo civile

    Collana: Diritto e professione
    Data di pubblicazione: luglio 2015
    Prezzo: 34,00 -5% 32,30 €

    Il volume approfondisce lo studio della figura soggettiva del consulente tecnico d'ufficio, quale collaboratore del giudice, e, più in generale, della consulenza tecnica d'ufficio nel processo civile. L'importanza del ricorso ai cosiddetti "saperi esperti" nell'ambito della giustizia civile è cresciuta di pari passo con l'evoluzione tecnologica e l'iper-specializzazione della società moderna. L'opera è rivolta a tutti coloro che frequentano professionalmente il... (continua)

  • Le consulenze di parte (CTP) dei professionisti tecnici

    Collana: Ambiente territorio edilizia urbanistica. Strumen.
    Pagine: 204
    Data di pubblicazione: marzo 2016
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €

    Il volume si propone di far conoscere ed approfondire la figura ed il ruolo del consulente tecnico di parte (CTP) o, per meglio dire, come sottolineato dall'autore, "della parte" e fornire così un quadro sistematico che sia uno strumento di lavoro, considerato che nasce dall'esperienza professionale in materia dell'autore. Uno strumento di lavoro utile non solo ai professionisti tecnici chiamati a svolgere una CTP, bensì anche ai giuristi ed ai committenti che ad essi si... (continua)