Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 123 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

[Aggiornato al 30/10/2020]

Nomina del traduttore

Dispositivo dell'art. 123 Codice di procedura civile

Quando occorre procedere all'esame di documenti che non sono scritti in lingua italiana (1), il giudice può nominare un traduttore, il quale presta giuramento (2) a norma dell'articolo precedente [122].

Note

(1) La norma in analisi si riferisce in via implicita alla possibilità di produrre nel processo documenti scritti in una lingua straniera, purchè naturalmente non si tratti di atti processuali in senso proprio, vigendo per questi l'obbligo di redazione in lingua italiana di cui all'articolo precedente.
(2) Qualora vengano prodotti documenti il lingua straniera il giudice può nominare con ordinanza un traduttore, il quale, alla pari dell'interprete, acquista la qualifica di organo ausiliario del giudice. Tuttavia, sussiste una sostanziale differenza rispetto all'interprete in quanto il primo deve tradurre una dichiarazione scritta anziché orale, rendendo comprensibile al giudice il documento scritto in un'altra lingua.

Spiegazione dell'art. 123 Codice di procedura civile

L’obbligo sancito dall’art. 122 del c.p.c. di usare nel processo solo la lingua italiana deve intendersi riferito ai soli atti processuali in senso proprio, rimanendone di conseguenza escluse le dichiarazioni probatorie raccolte nel processo, le prove documentali che si può rendere necessario acquisire, gli atti preparatori ed in generale tutti quegli atti che non hanno un’influenza immediata sul rapporto processuale, anche se con esso coordinati.

Incombe sulla parte interessata l’onere (comportante una mera facoltà e non un dovere) di chiedere che si proceda alla traduzione degli atti processuali redatti in lingua non italiana, o in alternativa di richiedere l’intervento di un interprete da cui farsi assistere nella partecipazione alle attività processuali (quest’ultimo non assume la posizione di consulente tecnico, ma di mero ausiliario del giudice).

L’irregolarità nella nomina del traduttore è irrilevante se le parti giungono ad una determinazione concorde in ordine al significato da attribuire alle espressioni contenute nel documento ed alla conformità della traduzione al contenuto del documento stesso.

Qualora il giudice sia a conoscenza della lingua straniera e non ne ravvisi la necessità, il medesimo non può ritenersi obbligato ad accogliere la richiesta di nomina dell’interprete e tale sua decisione non può formare oggetto di censura in sede di legittimità.

L’art. 14 della Legge 218/1995, di riforma del sistema di diritto internazionale privato, dispone che, ai fini della conoscenza della lingua straniera, il giudice italiano può avvalersi, oltre che degli strumenti indicati nelle convenzioni internazionali e delle informazioni acquisite tramite il Ministero della Giustizia, anche di quelle assunte tramite esperti o istituzioni specializzate e, per garantire effettività al diritto straniero applicabile, è possibile ricorrere a qualsiasi mezzo, anche informale.

Particolare interesse ha assunto in giurisprudenza il caso di procura alle liti rilasciata in uno Stato straniero per essere utilizzata nell’ambito di un processo soggetto all’applicazione della legge processuale italiana; al riguardo si afferma che la stessa deve essere tradotta nella lingua italiana, anche se non è necessario che tale traduzione esista al momento della costituzione in giudizio della parte, in quanto trattasi pur sempre di un atto preparatorio e non di un atto processuale a tutti gli effetti.

Massime relative all'art. 123 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 12525/2015

Nel processo tributario, come in quello civile, la lingua italiana è obbligatoria per gli atti processuali in senso proprio e non anche per i documenti prodotti dalle parti, relativamente ai quali il giudice ha, pertanto, la facoltà, e non l'obbligo, di procedere alla nomina di un traduttore ex art. 123 cod. proc. civ., di cui si può fare a meno allorché non vi siano contestazioni sul contenuto del documento o sulla traduzione giurata allegata dalla parte e ritenuta idonea dal giudice, mentre, al di fuori di queste ipotesi, è necessario procedere alla nomina di un traduttore, non potendosi ritenere non acquisiti i documenti prodotti in lingua straniera.

Cass. civ. n. 2217/1984

Qualora si renda necessario procedere all'esame di documenti che non sono scritti in lingua italiana, la nomina di un traduttore, ai sensi dell'art. 123 c.p.c., non costituisce un dovere del giudice del merito, ma una sua facoltà discrezionale, sicché la mancata nomina del traduttore (nella specie, per essere stata la traduzione operata da tale giudice) non può formare oggetto di censura in sede di legittimità.

Cass. civ. n. 3400/1973

Quando occorre procedere all'esame di documenti che non siano in lingua italiana, l'art. 123 c.p.c. non obbliga, ma faculta il giudice a nominare un traduttore; del quale, pertanto, può farsi a meno qualora il documento prodotto sia accompagnato da una traduzione che, esibita dalla parte e ritenuta idonea dal giudice di merito, non sia stata oggetto di specifiche contestazioni della controparte. (Nella specie, trattandosi di procura ad lites rilasciata dal legale rappresentante dell'attrice, una «ditta statale» ungherese, con attestazione degli scopi istituzionali di questa e della qualità nonché dei poteri del rappresentante legale, con traduzione da parte di organo ufficiale ungherese e sua certificazione di conformità della traduzione all'originale, la convenuta aveva sollevato solo generiche e soggettive riserve circa la fedeltà della traduzione, ma aveva poi dedotto in cassazione l'inattendibilità della procura predetta sia in ordine alla lingua in cui era redatta, sia con riguardo ai poteri del legale rappresentante che l'aveva rilasciata. La Suprema Corte, nel rigettare tali deduzioni, ha enunciato il principio di cui in massima).

Cass. civ. n. 1991/1969

Quando si tratti di lingua universalmente nota, come il francese, e se il giudice dimostri di averne perfetta conoscenza, non occorre la nomina di un traduttore, prevista dall'art. 123 c.p.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Contributo allo studio degli atti processuali tra forma e linguaggio giuridico

    Autore: Querzola Lea
    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: giugno 2018
    Prezzo: 33,00 -5% 31,35 €
    Il volume "Contributo allo studio degli atti processuali tra forma e linguaggio giuridico" è una monografia scientifica rivolta specificamente agli studiosi dei temi trattati e alla comunità accademica. La prima parte dell'opera è dedicata alla materia degli atti processuali, con particolare riguardo alla disciplina delle sanzioni (nullità, inesistenza, inammissibilità, improcedibilità). La seconda parte approfondisce il tema della lingua giuridica e... (continua)
  • Commentario al codice di procedura civile. Artt. 75-162
    Parti e difensori. Esercizio dell'azione. Poteri del giudice. Atti proc.

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: maggio 2012
    Prezzo: 210,00 -5% 199,50 €

    La trattazione di ogni articolo si apre con una breve descrizione degli istituti coinvolti per poi delineare l'importanza operativa della norma e delle relative fonti, le questioni principali e le sue applicazioni, anche alla luce delle pronunce giurisprudenziali più significative. Questo strumento associa alla versione cartacea una consultazione online arricchita da un archivio di formule. In particolare, il volume è aggiornato alle più recenti novità... (continua)

  • Commentario del codice di procedura civile
    Articoli 99-162

    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 130,00 -5% 123,50 €

    Il volume è un commentario articolo per articolo o per gruppi di articoli alle norme del codice, alle principali leggi collegate e alla normativa speciale. Il testo di ogni articolo è scomposto in "frammenti" numerati e ad ogni numero corrisponde un paragrafo del commento in cui gli autori analizzano la norma nel dettaglio. Questa impostazione consente una lettura veloce, per individuare rapidamente le informazioni necessarie per affrontare un caso concreto, ma non preclude... (continua)