Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 280 Codice dell'ambiente

(D.lgs. 3 aprile 2006, n. 152)

[Aggiornato al 29/04/2022]

Abrogazioni

Dispositivo dell'art. 280 Codice dell'ambiente

1. Sono abrogati, escluse le disposizioni di cui il presente decreto preveda l'ulteriore vigenza e:

  1. a) il decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n. 203;
  2. b) l'articolo 4 della legge 4 novembre 1997, n. 413;
  3. c) l'articolo 12, comma 8, del decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387;
  4. d) il decreto del Ministro dell'ambiente 10 marzo 1987, n. 105;
  5. e) il decreto del Ministro dell'ambiente 8 maggio 1989;
  6. f) il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 21 luglio 1989;
  7. g) il decreto del Ministro dell'ambiente 12 luglio 1990;
  8. h) il decreto del Presidente della Repubblica 25 luglio 1991;
  9. i) il decreto del Ministro dell'ambiente 21 dicembre 1995;
  10. l) il decreto del Ministro dell'ambiente del 16 maggio 1996;
  11. m) il decreto del Ministro dell'ambiente 20 gennaio 1999, n. 76;
  12. n) il decreto del Ministro dell'ambiente 21 gennaio 2000, n. 107;
  13. o) il decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 16 gennaio 2004, n. 44.

Massime relative all'art. 280 Codice dell'ambiente

Cass. pen. n. 35232/2007

In tema di inquinamento atmosferico, il reato di cui all'art. 25 del D.P.R. 24 maggio 1988, n. 203 (oggi abrogato e sostituito dall'art. 279 del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152) che punisce l'esercizio di un impianto esistente in difetto di autorizzazione, č configurabile indipendentemente dalla circostanza che le emissioni superino i valori limite stabiliti, in quanto non si tratta di un reato di danno ma di un reato formale o di condotta che tende a garantire un controllo preventivo da parte della P.A. (In motivazione la Corte, nell'enunciare il predetto principio, ha ulteriormente precisato che il bene tutelato dalla norma penale č l'interesse dell'amministrazione competente a controllare preventivamente la funzionalitą e potenzialitą inquinante degli impianti esistenti o nuovi). (Dichiara inammissibile, Trib. Vicenza, 23 Ottobre 2006).

Cass. pen. n. 40964/2006

La condotta del reato di cui all'art. 25, D.P.R. n. 203/1988 (esercizio di impianto senza richiesta di autorizzazione) č incriminata soltanto quando esista il presupposto previsto dalla legge, che si tratti cioč di un impianto capace di produrre emissioni nell'atmosfera. Mancando questo presupposto, la gestione dell'impianto non č soggetta alla richiesta di autorizzazione. Queste considerazioni diventano ancora pił cogenti dopo l'entrata in vigore del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 (norme in materia ambientale), che con l'art. 280 ha abrogato il D.P.R. n. 203/1988, riordinando, coordinando e integrando la disciplina abrogata in una nuova normativa contenuta nella Parte Quinta (norme in materia di tutela dell'aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera). Invero l'art. 267, comma 1, definisce in modo pił rigoroso e restrittivo il presupposto del reato, che non č pił la generica possibilitą (come nella disciplina previgente), ma la concreta attivitą di produzione delle emissioni da parte dell'impianto. Il reato di esercizio di impianto senza richiesta di autorizzazione, di cui all'art. 25 del D.P.R. 24 maggio 1988 n. 203, si configura soltanto quando l'impianto sia concretamente in grado di produrre emissioni nell'atmosfera, come pił esplicitamente disciplinato dal D.Lgs 3 aprile 2006 n. 152, che con l'art. 280 ha abrogato il citato D.P.R. n. 203, il cui art. 267, comma primo, prevede quale presupposto del reato non la generica possibilitą, ma la concreta attivitą di produzione delle emissioni da parte dell'impianto. (In applicazione di tale principio la Corte ha escluso il reato in un caso nel quale le polveri prodotte durante il ciclo industriale non erano aspirate all'esterno e rimanevano all'interno dello stabilimento). (Rigetta, Trib. lib. Napoli, 19 Settembre 2005).

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto