Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1023 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Ambito della famiglia

Dispositivo dell'art. 1023 Codice civile

Nella famiglia si comprendono anche i figli nati dopo che è cominciato il diritto d'uso o d'abitazione, quantunque nel tempo in cui il diritto è sorto la persona non avesse contratto matrimonio. Si comprendono inoltre i figli adottivi [291 ss.], i figli [naturali] riconosciuti [e gli affiliati] (1), anche se l'adozione, il riconoscimento o l'affiliazione sono seguiti dopo che il diritto era già sorto (2). Si comprendono infine le persone che convivono con il titolare del diritto per prestare a lui o alla sua famiglia i loro servizi (3) [153 disp. att.].

Note

(1) L'art. 77 della l. 4 maggio 1983, n. 184, ha abrogato l'istituto dell'affiliazione, disciplinato dagli artt. 404-413 del codice civile.
(2) Fanno parte dell'ambito familiare i genitori, i fratelli e gli affini, ai quali l'usuario o l'habitator deve gli alimenti (v. art. 433 del c.c.), nonché il convivente more uxorio (ossia colui che, pur non legato da un vincolo matrimoniale giuridicamente riconosciuto è assimilabile al coniuge per la comunione di vita e di affetti che ha stabilito col compagno) ed il figlio naturale non riconoscibile il quale ha, comunque, diritto al mantenimento, all'istruzione ed all'educazione (v. art. 147 del c.c.).
(3) La dottrina qualifica come prestatori di servizi, conviventi col titolare del diritto d'abitazione, anche coloro che, senza essere legati al titolare da un rapporto di subordinazione, hanno la funzione di tenere compagnia all'habitator o gli forniscono assistenza (ad es., la badante di un anziano).

Spiegazione dell'art. 1023 Codice civile

Estensione del concetto di famiglia

Poichè, come si è visto, per la determinazione del limite del godimento bisogna aver riguardo non solo ai bisogni del titolare ma anche a quelli della sua famiglia, sorge il problema di individuare l'ambito della famiglia.

Il vecchio codice si limitava a stabilire che nella famiglia si dovranno comprendere anche i figli nati dopo la costituzione del diritto, quantunque a tale momento il titolare non avesse ancora contratto matrimonio (art. 523), il che dava adito a dubbi sulla composizione della famiglia, dato che manca nella legge un concetto univoco di famiglia.

Il nuovo codice ha risolto alcune questioni aggiungendo la disposizione per la quale si considerano far parte della famiglia i figli adottivi, i figli naturali riconosciuti (si escludono quindi quelli non riconosciuti, a fortiori quelli non riconoscibili), gli affiliati, ancorchè l'adozione, il riconoscimento e l'affiliazione siano posteriori alla costituzione dell'uso e dell'abitazione. Si comprendono pure nella famiglia le persone che convivono col titolare del diritto per prestare a lui o alla sua famiglia i loro servizi (es. domestici).

S'intende però che il presupposto della convivenza col titolare del diritto deve anche sussistere per i figli e per gli affiliati.

Ma l'art. 1023 non esaurisce tutte le categorie di persone che possono considerarsi componenti della famiglia. Non v’è dubbio, infatti, che in essa si comprendano, oltre il coniuge, i genitori del titolare che convivano con lui e probabilmente anche i fratelli.

Si deve infine avvertire che la condizione della convivenza se è necessaria è anche sufficiente al fine di stabilire l'appartenenza alla famiglia delle persone sopraindicate. Non occorre cioè che esse siano conviventi a carico del titolare del diritto di uso e di abitazione. Nel silenzio della legge questa condizione non si può considerare richiesta, tanto più che una proposta in senso contrario formulata dalla Commissione delle Assemblee Legislative non è stata accolta nella elaborazione del testo definitivo.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 1023 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Nino D. S. chiede
sabato 06/06/2015 - Abruzzo
“In un paesino di 1800 anime, nel 2008 i miei genitori mi hanno donato la loro casa nella quale hanno sempre vissuto e continuato a viverci, adesso continua a viverci mia madre, mio padre e' deceduto, in sostanza la loro casa di sempre, me lo hanno donata per l'intera proprieta' senza riserva alcuna ne usufrutto, ne altri diritti, nell'atto notarile non viene segnalato nulla, ma solo "donazione intera proprieta". La mia domanda e' la seguente:" chi deve pagare l'imu? mia madre come prima casa oppure io come seconda casa?" vorrei precisare che in questa casa risiede solo mia madre, (da sempre), io risiedo altrove e non in casa di mia proprieta'. Ho sentito parlare di questo benedetto diritto reale di abitazione, ma mi sono reso conto che la confusione e' tanta, chi mi dice una cosa e chi il contrario. Chiedo se per cortesia mi aiutate a capirci, ad avere un po' di chiarezza. Grazie infinite.”
Consulenza legale i 11/06/2015
L'IMU non è dovuta sugli immobili adibiti ad abitazione principale del soggetto passivo o ad essa equiparati, ad eccezione di quelli classificate nelle categorie catastali A1, A8 e A9 che rimangono soggette all'imposta.

Nel caso di specie, il figlio, proprietario di un unico immobile ma che non dimora e non risiede anagraficamente all'interno di esso, è il soggetto passivo dell'imposta e quindi deve pagare l'IMU, poiché non gode dell'esenzione di legge, abitando altrove.

Come accennato nel quesito, è possibile costituire a favore di un altro soggetto il diritto reale di abitazione nell'immobile, rendendo così questa persona soggetto passivo dell'imposta (nel nostro caso, la madre, che in quanto dimorante nell'immobile, sarebbe esentata dal pagamento dell'IMU).

Nessun problema se il diritto di abitazione viene costituito mediante rogito notarile che sia poi trascritto ex art. 2643 c.c.: tale diritto diventa certamente opponibile all'Agenzia delle Entrate e ai Comuni.

La questione che tutt'oggi rimane irrisolta concerne la sufficienza di una scrittura privata autenticata, esclusivamente registrata (che ha costi notevolmente inferiori), a costituire validamente un diritto di abitazione su un immobile ai fini del pagamento come prima casa dell'IMU, in quanto molti comuni sembrano richiedere l'atto pubblico e la trascrizione, ritenendo altrimenti il diritto di abitazione a loro non opponibile.

Ciò, però, contrasta con i principi civilistici, in base ai quali la trascrizione ex art. 2643 c.c. ha un solo scopo di pubblicità dichiarativa, atta a dirimere i conflitti tra più acquirenti dello stesso bene.
In effetti, su un piano meramente giuridico, non sembra fondato il ragionamento relativo all'equiparazione della posizione del comune con quello di un "terzo" cui è opponibile la trascrizione. La costituzione del diritto reale di abitazione è soggetta - da parte del codice civile - al solo onere della forma scritta (art. 1350 del c.c.), che è ben soddisfatta anche da una semplice scrittura privata (registrata al fine di attribuirle la data certa). Tale principio è innegabile. Dovrebbe, quindi, esistere una norma che imponga, ai fini IMU, anche la trascrizione dell'atto, perché a quel punto la volontà del legislatore imporrebbe un ulteriore requisito in deroga alla disciplina generale. Tuttavia, una siffatta norma ad oggi non sembra esistere, giacché il primo comma dell'art. 9 del d.lgs. 23/2011 stabilisce semplicemente, senza altro aggiungere, che "Soggetti passivi dell'imposta municipale propria sono il proprietario di immobili, [...] ovvero il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi".

Non esistendo ancora alcuna posizione ufficiale dell'Agenzia delle Entrate o del Territorio, né posizioni giurisprudenziali nette o indicazioni ministeriali, ogni comune interpreta la questione a modo proprio.
Ad esempio, il Comune di Roma ha accolto la tesi della necessità della trascrizione (v. interpello N. 1-2014 - Costituzione del diritto di abitazione - IMU: "Roma capitale riconosce la traslazione della soggettività passiva dal proprietario al titolare del diritto di abitazione solo nei casi in cui l’atto costitutivo del diritto reale minore sia stato trascritto nei pubblici registri immobiliari").

Si consiglia di chiedere al comune dove è situato l'immobile quale è la prassi adottata dall'ente.

Testi per approfondire questo articolo

  • Usufrutto, uso, abitazione

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: luglio 2010
    Prezzo: 85,00 -5% 80,75 €

    Il volume attualizza il tradizionale ambito dei diritti reali di usufrutto, uso ed abitazione, alla luce dei nuovi orientamenti offerti dalla giurisprudenza.
    In particolare, ampio risalto è concesso alle “nuove” figure del diritto reale d'uso, “ope legis”, sulle aree a parcheggio e dei diritti d'uso e d'abitazione a favore del coniuge superstite.
    Completa l'opera la disamina della nuova disciplina della mediazione civile (D.lgs. n. 28 del 4.3.2010),... (continua)

  • Rapporti familiari ed esigenze abitative. (Le risposte in uno studio comparato)

    Pagine: 262
    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 15,00 -5% 14,25 €

    La casa di abitazione familiare è al centro in questa indagine, finanziata in parte dal MIUR, volta a ricostruire e rendere conoscibili la normativa vigente in materia in vari paesi dell'area europea, e a verificare il più possibile la sua attuazione nella realtà concreta. Il gruppo di ricerca modenese (C.Æ.DI.C Centro Æmilia di Diritto Comparato) ha approntato un questionario su argomenti di particolare interesse giuridico, statistico e sociologico,... (continua)

  • Uso, abitazione e servitù irregolari

    Editore: Zanichelli
    Collana: Strumenti del diritto
    Pagine: 632
    Data di pubblicazione: dicembre 2012
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €

    I diritti di uso e di abitazione si rivelano strumenti utili per i privati, nonché per il legislatore e per la giurisprudenza che ne hanno ampliato notevolmente l'ambito di applicazione: si è risposto così non solo a questioni di diritto immobiliare (si pensi al diritto di uso delle aree a parcheggio), ma anche di diritto di famiglia e delle successioni (come nel caso dei diritti di uso e abitazione in capo al coniuge superstite e per alcuni dell'assegnazione della... (continua)

  • Il diritto all'abitazione nella prospettiva dell'housing sociale

    Collana: Quaderni della Rassegna di dirit. civile
    Pagine: 208
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 24 €
    Categorie: Uso e abitazione
    Le migrazioni, le emergenze legate al nomadismo, e più in generale la domanda diffusa e delusa di case, suggeriscono una rimodulazione del diritto all'abitazione, declinato come diritto all'alloggio e come diritto all'ospitalità. Ne consegue una apertura del predicato della normatività a nuove modalità espressive, a misura di emergenti profili di rilevanza della persona. L'housing sociale è, allo stato, un insieme eterogeneo di esperienze, dalla prima accoglienza all'alloggio, situate... (continua)
  • Il «consumatore» acquirente di immobili da costruire fra diritto al risparmio e diritto all'abitazione

    Collana: Consumatori oggi
    Pagine: 264
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 28 €
    In un momento storico in cui l'attenzione del legislatore per chi si trova a rivestire il ruolo di contraente debole e/o di consumatore è particolarmente sentita, anche la tutela dell'acquirente di beni immobili segna traguardi importanti. La rilevanza sociale del fenomeno è vasta - come è testimoniato dal numero delle famiglie vittime, in circa dieci anni, dei fallimenti di costruttori immobiliari, superiore a 200.000 unità - mentre i rimedi specifici esistenti sino a poco tempo fa nel... (continua)
  • I diritti reali
    [volume 3] Usufrutto, uso, abitazione, superficie

    Collana: Trattato di diritto civile
    Pagine: 256
    Data di pubblicazione: ottobre 2009
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €

    Un’opera approfondita e completa della materia che fornisce una lettura teorico-pratica della normativa contenuta nel codice e l’analisi di tutta la casistica più significativa.

    PIANO DELL’OPERA

    I diritti sulle cose limitati nel tempo
    I problemi
    La costituzione dell’usufrutto
    Il contenuto dell’usufrutto
    I poteri di disposizione
    La conservazione della cosa e i carichi di godimento
    L’estinzione(continua)