Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 996 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Cose deteriorabili

Dispositivo dell'art. 996 Codice civile

Se l'usufrutto comprende cose che, senza consumarsi in un tratto, si deteriorano a poco a poco, l'usufruttuario ha diritto di servirsene (1) secondo l'uso al quale sono destinate, alla fine dell'usufrutto è soltanto tenuto a restituirle nello stato in cui si trovano [1001].

Note

(1) Secondo la disposizione in esame, l'usufruttuario non può vendere la cosa, e ciò in forza del principio del Nemo plus iuris transferre potest quam ipse habet (nessuno può trasferire ad altri maggiori diritti di quanti ne abbia egli stesso).

Spiegazione dell'art. 996 Codice civile

L'usufrutto su cose deteriorabili
Non è stata cambiata la norma del vecchio codice relativa all'usufrutto su cose che si deteriorano con l'uso, alla quale si è aggiunta una disposizione relativa agli impianti, opifici, macchinari che abbiano una destinazione produttiva.

A rigore tutte le cose sono deteriorabili per effetto dell'uso, ma nel senso in cui è accolta dalla disposizione in oggetto l' espressione « cose deteriorabili » vuole indicare le cose che subiscono per effetto dell'uso un necessario, progressivo deterioramento e in un tempo relativamente breve finiscono col distruggersi. Anche se è stata sopressa l' indicazione esemplificativa dell'art. 484 (biancheria, mobilia) che serviva a rendere il concetto più chiaro, non vi è dubbio che esso è rimasto sostanzialmente immutato: a differenza delle cose consumabili per cui il perimento consegue ad un solo atto di godimento, le cose deteriorabili periscono dopo una serie di atti di godimento ognuno dei quali deteriora la cosa.

L'usufruttuario non assume quindi nessuna responsabilità per il deterioramento derivante dall'uso e neppure del perimento dovuto al protrarsi dell'uso. Secondo la lettera dell'art. 996 egli infatti è tenuto a restituire la cosa nello stato in cui si trova alla fine dell'usufrutto, ma non v'è dubbio che egli sia liberato anche dall'obbligo di restituzione se prima della cessazione dell'usufrutto la cosa è perita. Quest'ultima conseguenza era disposta espressamente nel codice del 1865 (art. 512) a proposito dell'usufrutto su animali singoli (che rientrano certamente nella categoria delle cose deteriorabili), norma che non è stata riprodotta nel codice, ma è ugualmente sicura per il nuovo sistema, dato che essa discende necessariamente dal principio posto nell'art. 996. Dato che infatti non si può eliminare il diritto dell'usufruttuario al godimento e non si è ritenuto di dover attribuire a lui la proprietà della cosa con l'obbligo di restituzione dell'equivalente, è chiaro che il perimento della cosa ricade necessariamente sul proprietario.

Naturalmente perchè l'usufruttuario non sia responsabile nè del deterioramento nè dell'eventuale perimento occorre che egli abbia osservato i limiti del suo godimento e abbia adempiuto gli obblighi che la legge pone a suo carico. Occorre anzitutto che l'usufruttuario si sia servito della cosa secondo la destinazione che ad essa aveva data il proprietario: la riaffermazione che di questo limite generale del godimento dell'usufruttuario fa l'art. 996 a proposito delle cose deteriorabili è un indice dell' importanza che qui assume quel limite. Infatti il grado della deteriorabilità può variare moltissimo a seconda del modo in cui la cosa venga impiegata, e quindi l'usufruttuario deve attenersi rigorosamente all' obbligo di rispettare la destinazione della cosa e di servirsene secondo tale destinazione. In secondo luogo occorre che il deterioramento o eventualmente il perimento sia una conseguenza esclusiva dell'uso per cui la cosa è legittimamente impiegata: se, perciò, pur rispettando la destinazione, l'usufruttuario non usa la cosa con la diligenza del buon padre di famiglia, non adempie all' obbligo di ordinaria manutenzione che la legge pone a suo carico, o in definitiva produce o aggrava il deterioramento col suo fatto doloso o colposo, egli sarà responsabile secondo i principi generali.

La persistenza del diritto di proprietà nel costituente importa che l'usufruttuario vada incontro a responsabilità se aliena la cosa o comunque ne dispone come proprietario anche qualora offra al costituente la restituzione dell' equivalente. Naturalmente questa responsabilità per abuso deve essere valutata meno rigorosamente che nei casi normali, perché la restituzione dell'equivalente di una cosa deteriorabile si risolve di regola in un vantaggio per il proprietario, sì che sarebbe spesso eccessivo comminare all' usufruttuario la sanzione dell' estinzione dell'usufrutto o quelle minori stabilite pure dall' art. 1015 del c.c..


L'usufrutto su impianti, opifici, macchinari

In aggiunta alla norma tradizionale relativa alle cose deteriorabili, i1 codice pone una disposizione che per la sede in cui è collocata sembra che sia stata pensata come una deroga alla prima. Essa riguarda gli opifici, i macchinari e .gli impianti aventi una destinazione produttiva e impone all'usufruttuario di riparare e sostituire durante l' usufrutto le parti che si logorano, in modo da assicurare il regolare funzionamento delle cose suddette.

Va subito rilevato che la sede della norma non è stata opportunamente scelta e che essa non rappresenta affatto una deroga al principio posto nel primo comma dell'art. 996. Un opificio o un impianto industriale non possono essere considerate come cose deteriorabili nel senso in cui di queste parla la legge: essi infatti sono complessi di cose (normalmente vere e proprie universalità di fatto) destinati a un certo scopo produttivo, per i quali è ovvio che l'usufruttuario abbia l'obbligo di riparare o sostituire le parti logore e guaste, altrimenti egli mancherebbe al suo obbligo fondamentale di conservare la destinazione economica della cosa.

In verità la norma in oggetto ha un'altra funzione e cioè quella di derogare al principio secondo cui le riparazioni straordinarie sono a carico del proprietario (art. 1005 del c.c.) e che l' usufruttuario, in caso di rifiuto di quello, ha la facoltà ma non l' obbligo di compierle (art. 1006 del c.c.). Infatti la sostituzione o la riparazione deve essere fatta dall'usufruttuario, anche se si tratti di spese che eccedono la manutenzione ordinaria e sono invece relative a riparazioni straordinarie. Inoltre, ancora in deroga all'art. 1006 che stabilisce la misura del rimborso dovuto all'usufruttuario che esegua le riparazioni straordinarie, il capov. dell'art. 996 attribuisce all'usufruttuario il diritto a una congrua indennità invece che al rimborso delle spese per le riparazioni straordinarie. Ora, a parte la questione se tali deroghe siano o meno giustificate, è certo che il contenuto della norma non ha rapporti con il regime dell'usufrutto su cose deteriorabili e può servire, nella sua collocazione attuale, a intorbidare più che a chiarire il senso della prima parte dell'articolo.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

477 Le norme (art. 994 del c.c., art. 995 del c.c. e art. 996 del c.c.) relative all'usufrutto costituito su una mandra o un gregge, all'usufrutto costituito su cose consumabili e a quello costituito su cose deteriorabili, non divergono sostanzialmente dalle norme del codice del 1865 (articoli 483, 484 e 513). Quanto all'usufrutto su cose deteriorabili, non ho però riprodotto la parte finale dell'art. 484 del codice anteriore, poiché l'obbligo dell'usufruttuario di tenere indenne il proprietario delle cose deteriorate per dolo o colpa discende dal principio, successivamente affermato, che l'usufruttuario nel godimento della cosa deve usare la diligenza del buon padre di famiglia (art. 1001 del c.c., secondo comma). Una particolare disposizione (art. 997 del c.c.) è dettata per il caso che l'usufrutto comprenda impianti, opifici o macchinari che abbiano una destinazione produttiva. E' evidente la necessità che di questi beni strumentali, in quanto interessano anche la produzione nazionale, sia conservata la piena efficienza. L'usufruttuario è tenuto pertanto a riparare e a sostituire, durante l'usufrutto, le parti che si logorano: gli è però riconosciuto il diritto verso il proprietario a una congrua indennità, al termine dell'usufrutto, quando abbia sopportato spese che eccedono quelle delle ordinarie riparazioni. La restituzione delle scorte vive e morte del fondo è disciplinata dall'art. 998 del c.c.. Esse devono restituirsi in eguale quantità e qualità: l'eccedenza o la deficienza deve essere regolata in danaro, secondo il loro valore al termine dell'usufrutto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Uso, abitazione e servitù irregolari

    Editore: Zanichelli
    Collana: Strumenti del diritto
    Pagine: 632
    Data di pubblicazione: dicembre 2012
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €

    I diritti di uso e di abitazione si rivelano strumenti utili per i privati, nonché per il legislatore e per la giurisprudenza che ne hanno ampliato notevolmente l'ambito di applicazione: si è risposto così non solo a questioni di diritto immobiliare (si pensi al diritto di uso delle aree a parcheggio), ma anche di diritto di famiglia e delle successioni (come nel caso dei diritti di uso e abitazione in capo al coniuge superstite e per alcuni dell'assegnazione della... (continua)

  • Il diritto all'abitazione nella prospettiva dell'housing sociale

    Collana: Quaderni della Rassegna di dirit. civile
    Pagine: 208
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 24 €
    Categorie: Uso e abitazione
    Le migrazioni, le emergenze legate al nomadismo, e più in generale la domanda diffusa e delusa di case, suggeriscono una rimodulazione del diritto all'abitazione, declinato come diritto all'alloggio e come diritto all'ospitalità. Ne consegue una apertura del predicato della normatività a nuove modalità espressive, a misura di emergenti profili di rilevanza della persona. L'housing sociale è, allo stato, un insieme eterogeneo di esperienze, dalla prima accoglienza all'alloggio, situate... (continua)
  • Il «consumatore» acquirente di immobili da costruire fra diritto al risparmio e diritto all'abitazione

    Collana: Consumatori oggi
    Pagine: 264
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 28 €
    In un momento storico in cui l'attenzione del legislatore per chi si trova a rivestire il ruolo di contraente debole e/o di consumatore è particolarmente sentita, anche la tutela dell'acquirente di beni immobili segna traguardi importanti. La rilevanza sociale del fenomeno è vasta - come è testimoniato dal numero delle famiglie vittime, in circa dieci anni, dei fallimenti di costruttori immobiliari, superiore a 200.000 unità - mentre i rimedi specifici esistenti sino a poco tempo fa nel... (continua)
  • Usufrutto, uso, abitazione

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: luglio 2010
    Prezzo: 85,00 -5% 80,75 €

    Il volume attualizza il tradizionale ambito dei diritti reali di usufrutto, uso ed abitazione, alla luce dei nuovi orientamenti offerti dalla giurisprudenza.
    In particolare, ampio risalto è concesso alle “nuove” figure del diritto reale d'uso, “ope legis”, sulle aree a parcheggio e dei diritti d'uso e d'abitazione a favore del coniuge superstite.
    Completa l'opera la disamina della nuova disciplina della mediazione civile (D.lgs. n. 28 del 4.3.2010),... (continua)

  • I diritti reali
    [volume 3] Usufrutto, uso, abitazione, superficie

    Collana: Trattato di diritto civile
    Pagine: 256
    Data di pubblicazione: ottobre 2009
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €

    Un’opera approfondita e completa della materia che fornisce una lettura teorico-pratica della normativa contenuta nel codice e l’analisi di tutta la casistica più significativa.

    PIANO DELL’OPERA

    I diritti sulle cose limitati nel tempo
    I problemi
    La costituzione dell’usufrutto
    Il contenuto dell’usufrutto
    I poteri di disposizione
    La conservazione della cosa e i carichi di godimento
    L’estinzione(continua)

  • Rapporti familiari ed esigenze abitative. (Le risposte in uno studio comparato)

    Pagine: 262
    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 15,00 -5% 14,25 €

    La casa di abitazione familiare è al centro in questa indagine, finanziata in parte dal MIUR, volta a ricostruire e rendere conoscibili la normativa vigente in materia in vari paesi dell'area europea, e a verificare il più possibile la sua attuazione nella realtà concreta. Il gruppo di ricerca modenese (C.Æ.DI.C Centro Æmilia di Diritto Comparato) ha approntato un questionario su argomenti di particolare interesse giuridico, statistico e sociologico,... (continua)