Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 976 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/09/2020]

Locazioni concluse dall'enfiteuta

Dispositivo dell'art. 976 Codice Civile

Per le locazioni concluse dall'enfiteuta si applicano le norme dell'articolo 999 [954, 1596, 1599].

Spiegazione dell'art. 976 Codice Civile

La sorte delle locazioni concluse dall'enfiteuta alla cessazione dell'enfiteusi

Questo articolo colma una lacuna del codice del 1865: infatti regola la sorte delle locazioni concluse anteriormente dall'enfiteuta, dopo che l'enfiteusi sia cessata. Ora, in questo caso, se la loro anteriorità fosse risultata da scrittura di data certa, non c’era ragione di adottare una disciplina diversa da quella seguita nel caso delle locazioni concluse dall'usufruttuario (art. 999 del c.c.), perciò il legislatore rinvia a tali norme.

Quindi si ha che per le locazioni in corso al tempo della cessazione dell'enfiteusi, esse continuano per la durata stabilita, ma non oltre il quinquennio dalla cessazione dell'usufrutto, purché però esse derivino, come si è detto, da atto pubblico o da scrittura privata di data certa anteriore. Nel caso invece di cessazione dell'enfiteusi per la scadenza del termine stabilito, le locazioni possono durare soltanto per l'anno in corso, e nei soli casi di fondi rustici, dei quali il principale raccolto è biennale o triennale, la locazione può protrarsi per il biennio o triennio in corso all'epoca in cui cessa l'enfiteusi.


Locazioni fatte in frode dei diritti del direttario

La Commissione reale per la riforma dei codici aveva previsto anche, nelle sue proposte, il caso delle locazioni fatte in frode dei diritti del direttario, presumendo la frode, qualora il fitto fosse stato di un terzo inferiore a quello risultante da perizia o da locazioni precedenti. E in tale ipotesi stabiliva tassativamente che le locazioni dovessero senz'altro annullarsi.

Ma anche se questo non è esplicitamente previsto dalle disposizioni del nuovo codice, ma non c’è dubbio che, in tal caso, le locazioni fatte in frode del diritto del direttario non possano essere mantenute in vigore.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

464 Circa la sorte delle locazioni concluse dall'enfiteuta, dopo che l'enfiteusi sia cessata, l'art. 976 del c.c., colmando una lacuna del codice del 1865, rinvia alle norme (art. 529) che regolano le locazioni concluse dall'usufruttuario. Non si scorge, infatti, alcuna ragione che consigli di adottare una diversa disciplina.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!