Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2800 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Condizioni della prelazione

Dispositivo dell'art. 2800 Codice civile

Nel pegno di crediti la prelazione non ha luogo, se non quando il pegno risulta da atto scritto [1350 n. 13] e la costituzione di esso è stata notificata al debitore del credito dato in pegno ovvero è stata da questo accettata [1264, 1265] con scrittura avente data certa [2704] (1) (2).

Note

(1) La disposizione ha ad oggetto il credito, e pertanto si differenzia dal pegno dei titoli di credito (v. art. 1992), pur prevedendo la consegna del documento (v. art. 2801). Si costituisce tramite contratto avente forma scritta, che deve essere notificato e accettato dal debitore del credito sottoposto a garanzia. Si deve poi aggiungere che tale credito può avere ad oggetto, oltre che una prestazione di dare, anche una di facere.
(2) A questa peculiare modalità di pegno viene applicata la medesima disciplina del pegno di beni mobili (v. 812): al debitore non è consentito di porre in essere il pagamento al creditore pignoratizio, sempre che intanto lo stesso credito non addivenga a scadenza, nel qual caso dovrà essere restituito al creditore pignorante l'eventuale residuo eccedente la somma che concretamente gli spetta.

Ratio Legis

La norma in esame si occupa del pegno di credito, cosiddetto pignus nominus, il quale trasferisce il diritto di prelazione sul ricavato del credito pignorato senza però che ne sia contestualmente trasferita la titolarità.

Brocardi

Pignus nominis

Relazione al Libro delle Obbligazioni

(Relazione del Guardasigilli al Progetto Ministeriale - Libro delle Obbligazioni 1941)

598 Circa la costituzione del pegno di crediti, ho creduto opportuno (art. 698) tornare al sistema del codice (art. 1881), il quale richiede sempre l'atto scritto, mentre la Commissione reale richiedeva questo requisito solo per i pegni di valore superiore alle lire duemila (art. 697). La diversità di trattamento per il pegno su cose corporali è giustificata dal fatto che, per quello la consegna, apparente e costitutiva, basta per la esistenza del privilegio, mentre sarebbe insufficiente per il pegno di crediti, nei quali la consegna dell'eventuale documento è esecutiva e non perfezionativa, come si desume dal testo dell'art. 699.
Non ho ritenuto necessario richiedere che lo scritto abbia data certa, perché tale certezza risulta dal fatto che la costituzione del pegno deve essere notificata formalmente al debitore del credito dato in pegno o deve essere da lui accettata con scrittura avente data certa (art. 698).

Massime relative all'art. 2800 Codice civile

Cass. civ. n. 7214/2009

L'art 2800 cod. civ., il quale condiziona l'esistenza della prelazione, nel pegno di credito, alla notificazione della costituzione del pegno medesimo al debitore ovvero alla sua accettazione con atto di data certa, non trova applicazione nell'ipotesi del pegno di titoli di credito, tanto regolare quanto irregolare, ove per la costituzione del vincolo pignoratizio sono sufficienti, ai sensi degli artt.1997 e 2786 cod. civ., la consegna del titolo (nella specie, certificato di deposito al portatore) al creditore pignoratizio ed il correlativo spossessamento del debitore.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo