Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 690 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Obblighi dei sostituiti

Dispositivo dell'art. 690 Codice civile

(1)I sostituiti devono adempiere gli obblighi imposti agli istituiti(2) [647 c.c.], a meno che una diversa volontà sia stata espressa dal testatore o si tratti di obblighi di carattere personale(3) [676, 677 c.c.].

Note

(1) Non vi è unanimità di vedute circa l'estensione al sostituto della condizione imposta al primo chiamato. L'opinione maggioritaria non la ritiene ammissibile.
(2) Cioè le obbligazioni quali i legati obbligatori, le clausole modali e il pagamento dei debiti ereditari.
(3) Sono quelli posti a carico dell'istituito in considerazione delle sue possibilità economiche, delle sue capacità ed attitudini, etc...
Es. "nomino mio erede mio nipote Tizio, famoso violinista, a condizione che ogni anno, nel giorno dell'anniversario della mia morte, tenga un concerto in mio onore. Nel caso in cui non possa o non voglia accettare nomino Caio."

Ratio Legis

Il sostituto, accettata l'eredità, diviene erede e, di conseguenza è tenuto all'adempimento di tutti i pesi e gli oneri che gravano sull'eredità.

Spiegazione dell'art. 690 Codice civile

La disposizione compendia, pur senza alterarne la sostanza, quella più complessa dell’art. #897# del vecchio codice del 1865. La sostituzione, in relazione all'unicità sostanziale della vocazione, che si concentra fra più persone alternativamente indicate dal testatore, importa che il sostituito, prendendo il posto dell’istituito, si ponga in una posizione perfettamente identica a quella di lui. Si opera, cioè, una modificazione puramente soggettiva che non altera l’oggettività della successione, come voluta nel suo contenuto dal testatore. Pertanto, gli obblighi ed i pesi che si erano oggettivamente imposti all’eredità, con riferimento alla successione (prima contemplata) dell’istituito, vengono ope legis a gravare sul sostituito, che subentra in luogo del primo nella stessa successione.
Si tratta, peraltro, di una disposizione semplicemente presuntiva, con riferimento a quella che può logicamente pensarsi essere stata al riguardo la volontà del testatore; dunque la norma cede alla prova contraria di una diversa volontà, la quale può desumersi o da una disposizione espressa, o implicitamente, ex re, quando dalla natura del peso o dell’obbligo imposto possa sicuramente dedursi il riferimento individuativo alla persona dell’istituito, inestensibile ad altro soggetto.
Un'applicazione del principio generale posto in questo articolo può essere considerata già la disposizione del capoverso dell’articolo precedente, importante la riproduzione nella sostituzione reciproca della situazione identica di disuguaglianza disposta per l'istituzione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Ambulatoria est voluntas defuncti? Ricerche sui «patti successori» istitutivi

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ. Milano-Fac. di giurisprudenza
    Data di pubblicazione: ottobre 2019
    Prezzo: 37,00 -5% 35,15 €
    Il tema dei patti successori sta assumendo sempre maggiore rilevanza a livello europeo e diverse sono le spinte volte a determinarne l'accoglimento nei Paesi in cui ancora sussiste un divieto di tali convenzioni. Il presente elaborato mira ad approfondire diacronicamente l'istituto (con particolare riferimento ai patti successori istitutivi), così da acquisire una conoscenza 'cumulativa' dello stesso e delle ragioni alla base del suo divieto o del suo accoglimento nei tre ordinamenti... (continua)