Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2587 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Brevetto dipendente da brevetto altrui

Dispositivo dell'art. 2587 Codice civile

Il brevetto per invenzione industriale, la cui attuazione implica quella di invenzioni protette da precedenti brevetti per invenzioni industriali ancora in vigore, non pregiudica i diritti dei titolari di questi ultimi, e non può essere attuato né utilizzato senza il consenso di essi.

Sono salve le disposizioni delle leggi speciali [2590, 2591].

Ratio Legis

La norma disciplina la novità intrinseca che deriva da una precedente idea, con la conseguenza che non sarà necessaria una assoluta novità e creatività rispetto alla precedente nozione, ma basterà un miglioramento delle tecniche preesistenti, un progresso delle idee tali da risolvere problemi e soddisfare interessi industriali prima non risolti.

Spiegazione dell'art. 2587 Codice civile

Al fine della brevettabilità di un'invenzione industriale, il requisito della novità intrinseca non postula un grado di creatività ed originalità assolute, rispetto a precedenti cognizioni od invenzioni, ma ricorre anche in un progresso o miglioramento di idee e tecniche preesistenti, idoneo a risolvere problemi ed a soddisfare interessi industriali prima non risolti o soddisfatti, come si verifica nel caso di coordinamento originale ed ingegnoso di elementi e mezzi già conosciuti con risultato tecnicamente nuovo ed economicamente utile (cosiddetta invenzione di combinazione), ovvero nel caso della risoluzione in forme diverse e più convenienti di problemi tecnici precedentemente risolti in altro modo (cosiddetta invenzione di perfezionamento), ovvero nel caso di trasposizione di un principio noto o di una precedente invenzione in un diverso settore e con un diverso risultato finale (cosiddetta invenzione di traslazione).
Non configura una nuova invenzione autonomamente brevettabile l'applicazione di una precedente invenzione ad un campo diverso da quello in cui l'invenzione originaria è stata concepita, quando un tecnico medio del settore possa senza difficoltà procedere all'adattamento, atteso che l'attività inventiva presuppone la «non evidenza» della soluzione del problema per il tecnico medio del settore.
Il perfezionamento, la combinazione o la traslazione di elementi già acquisiti con precedenti invenzioni industriali possono configurare autonoma invenzione brevettabile (cosiddetta invenzione derivativa) qualora realizzino una novità, rispetto alla normale utilizzazione del patrimonio comune della tecnica ed all'ordinario sviluppo delle pregresse invenzioni, che vada oltre l'incremento quantitativo dell'efficacia e comodità di impiego, proprio del modello di utilità, e presenti caratteri qualitativi, nel senso cioè che la novità medesima si traduca in un salto originale della tecnica, con riferimento sia al momento della creazione intellettuale sia a quello della sua pratica trasfusione in un risultato economico-industriale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Il marchio d'impresa

    Editore: Aracne
    Pagine: 544
    Data di pubblicazione: settembre 2014
    Prezzo: 26 €
    Categorie: Marchi e brevetti

    Il presente lavoro ha come finalità quella di offrire una rassegna ragionata della giurisprudenza della Corte di Cassazione sull'istituto del marchio d'impresa, la cui normativa (interna, comunitaria e internazionale) si è andata modificando di pari passo con l'evolversi del mercato e delle connesse innovazioni tecniche. L'analisi consente di prendere in esame le problematiche applicative sulle quali si sono registrati i più significativi contrasti, con la enucleazione... (continua)

  • La questione brevettuale all'inizio del XXI secolo

    Collana: Lezioni magistrali
    Pagine: 80
    Data di pubblicazione: aprile 2017
    Prezzo: 10,00 -5% 9,50 €
    Categorie: Marchi e brevetti
  • Manuale pratico dei marchi e dei brevetti

    Collana: I prontuari giuridici
    Pagine: 684
    Data di pubblicazione: novembre 2019
    Prezzo: 66,00 -5% 62,70 €
    Categorie: Marchi e brevetti
    Questa nuova edizione dell'opera analizza in modo completo la disciplina dei marchi, dei segni distintivi, dei brevetti per invenzioni e modelli e degli altri diritti di privativa industriale, tenuto conto dei più recenti indirizzi giurisprudenziali e delle numerose novità legislative, in larga parte derivanti dalla necessità di adeguare il sistema nazionale alle disposizioni dettate dall'Unione europea. Il volume è aggiornato agli ultimi interventi normativi, che... (continua)
  • Brevettabilità e biodiversità

    Autore: Magni Antonio
    Collana: Quaderni della Rassegna di dirit. civile
    Pagine: 120
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 13 €
    Categorie: Marchi e brevetti
    La materia vivente e la politica ambientale internazionale, della quale la Convenzione sulla biodiversità è principale ispiratrice, conduce ad un inevitabile scontro tra le imprese che operano nel settore biotecnologico ed i Governi degli Stati in via di sviluppo. L'attesa di questi ultimi per la condivisione dei benefici derivanti dalla commercializzazione dei prodotti biotecnologici, ottenuti attraverso la lavorazione di risorse genetiche locali, impedisce il progresso dei medesimi. Il... (continua)
  • Brevetti e impresa

    Autore: Pallini Diego
    Editore: Ipsoa
    Collana: Gestione aziendale e management
    Pagine: 544
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    Categorie: Marchi e brevetti

    Proteggersi dalle imitazioni costituisce, oggi più che mai, l’elemento essenziale di una strategia capace di tradurre la creatività di una azienda in un reale successo commerciale.
    Il deposito e l’ottenimento di un brevetto o di un modello, rappresenta il passo fondamentale per assicurare al titolare la facoltà di vietare la riproduzione e lo sfruttamento non autorizzato dell’invenzione.

    BREVETTI E IMPRESA analizza i fondamenti... (continua)

  • Il marchio di colore e di forma. Industrial design, packaging e sfumature cromatiche

    Autore: D'Aleo Ilenia
    Editore: Aracne
    Pagine: 76
    Data di pubblicazione: novembre 2018
    Prezzo: 6 €
    L'opera è rivolta a chiunque desideri approfondire e aggiornare delicate tematiche in materia di diritto commerciale, industriale e della concorrenza, e si compone di quattro capitoli. Il primo offre una panoramica sul presunto riconoscimento del marchio di colore nell'ordinamento vigente. Il secondo affronta la scottante tematica dell'estensione del diritto autoriale alle opere di industrial design già oggetto di privativa industriale, nota agli esperti come "questione del... (continua)
  • Il marchio nella giurisprudenza

    Editore: Giuffrè
    Collana: Raccolta sistematica di giur. comment.
    Data di pubblicazione: giugno 2009
    Prezzo: 28,00 -5% 26,60 €
    Categorie: Marchi e brevetti

    L'opera ha per oggetto l'istituto del marchio nel quadro della normativa del Codice della proprietà industriale, istituito con d.lgs. 10 febbraio 2005, n. 30, che disciplina la materia dei marchi registrati senza innovare in modo significativo rispetto al r.d. n. 929/1942, come modificato dal d.lgs. 4 dicembre 1992, n. 480 e dal d.lgs. 19 marzo 1996, n. 198 in attuazione di direttive comunitarie e degli accordi TRIP's.
    Il testo riporta alcune delle sentenze più... (continua)