Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2207 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Modificazione e revoca della procura

Dispositivo dell'art. 2207 Codice civile

Gli atti con i quali viene successivamente limitata o revocata la procura devono essere depositati, per l'iscrizione nel registro delle imprese, anche se la procura non fu pubblicata [1396](1).

In mancanza dell'iscrizione, le limitazioni o la revoca non sono opponibili ai terzi, se non si prova che questi le conoscevano al momento della conclusione dell'affare [19, 2193, 2298, 2384].

Note

(1) La norma richiama la disciplina prevista dall'art. 1396 per la rappresentanza in generale, dalla quale si differenza per la forma di pubblicità, ai fini dell'opponibilità ai terzi: pubblicità legale per l'art. 2207 e pubblicità di fatto per l'art. 1396.

Ratio Legis

La norma costituisce una conferma di ciò che è pressoché pacifico in dottrina e giurisprudenza, vale a dire del fatto che né la procura né la pubblicità di essa siano necessarie per la sussistenza della preposizione.

Spiegazione dell'art. 2207 Codice civile

La disposizione per cui la pubblicità deve essere effettuata anche se non ci fu l'iscrizione della procura iniziale, è posta a tutela dei terzi e conferma che la preposizione institoria può manifestarsi anche in forma diversa dal rilascio della procura.
Il secondo comma dell'articolo costituisce un'applicazione del principio dell'efficacia negativa della pubblicità (v. art. 2193).

Mancando la richiesta pubblicità alla revoca della procura institoria, l'imprenditore è obbligato per le cambiali emesse dall'institore revocato enon è applicabile a favore dell'imprenditore l'art. 1993.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Il nuovo codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza

    Editore: Giuffrè
    Collana: Speciali. Il civilista
    Pagine: 98
    Data di pubblicazione: aprile 2019
    Prezzo: 19,00 -5% 18,05 €
    Il decreto legislativo 12 gennaio 2019, n. 14, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 14 febbraio 2019, n. 38 ed emanato in attuazione della legge delega n. 155/2017, racchiude il Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza, destinato a soppiantare definitivamente il R.D. 16 marzo 1942, n. 267, il quale conteneva la "Disciplina del fallimento, del concordato preventivo, dell'amministrazione controllata e della liquidazione coatta amministrativa". L'autore continua l'analisi del nuovo... (continua)