Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2165 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Durata

Dispositivo dell'art. 2165 Codice civile

La colonia parziaria [2164] è contratta per il tempo necessario affinché il colono possa svolgere e portare a compimento un ciclo normale di rotazione delle colture praticate nel fondo(1).

Se non si fa luogo a rotazione di culture, la colonia non può avere una durata inferiore a due anni [1630, 2143].

Note

(1) L'art. 34, L. 3 maggio 1982, n. 203 prevede che i contratti di colonia parziaria non convertiti in affitto hanno durata di sei anni e di dieci anni a seconda del tipo di causa che ha impedito la conversione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Il nuovo diritto civile e penale della crisi d'impresa e dell'insolvenza

    Collana: I focus di Neldiritto
    Pagine: 384
    Data di pubblicazione: marzo 2019
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €
    In sinergia con l'introduzione del codice della crisi, determinata dall'esigenza non più procrastinabile di operare una razionalizzazione organica della materia del diritto fallimentare, il legislatore è, altresì, intervenuto su alcuni profili del diritto societario e del diritto penale. Con riferimento al primo aspetto, la relazione all'impianto normativo di nuovo conio ha chiarito come le modifiche al codice civile si siano rese necessarie nell'ottica di... (continua)
  • Il nuovo codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza

    Editore: Giuffrè
    Collana: Speciali. Il civilista
    Pagine: 98
    Data di pubblicazione: giugno 2019
    Prezzo: 19,00 -5% 18,05 €
    Il decreto legislativo 12 gennaio 2019, n. 14, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 14 febbraio 2019, n. 38 ed emanato in attuazione della legge delega n. 155/2017, racchiude il Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza, destinato a soppiantare definitivamente il R.D. 16 marzo 1942, n. 267, il quale conteneva la "Disciplina del fallimento, del concordato preventivo, dell'amministrazione controllata e della liquidazione coatta amministrativa". L'autore continua l'analisi del nuovo... (continua)
  • La competitività nel concordato preventivo

    Autore: Aiello Marco
    Editore: Giappichelli
    Collana: Diritto commerciale interno e internazionale
    Data di pubblicazione: giugno 2019
    Prezzo: 40,00 -5% 38,00 €
    La monografia verte sulla competitività nel concordato preventivo e, in particolare, sugli istituti delle proposte e delle offerte concorrenti, alla luce tanto della c.d. "miniriforma" del 2015 quanto del nuovo codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza. Muovendo dall'enucleazione degli interessi protetti e delle finalità della disciplina (migliorare il recovery ratio e incentivare il mercato dei distressed assets), vengono affrontati tutti i principali snodi problematici e... (continua)
  • Compendio di diritto della crisi di impresa e dell'insolvenza. Aggiornato al D.Lgs. 14-1-2019, n. 14 (Codice della crisi di impresa e dell'insolvenza)

    Collana: Compendi
    Pagine: 313
    Data di pubblicazione: aprile 2019
    Prezzo: 22,00 -5% 20,90 €
    Il nuovo Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza, introdotto con il D.Lgs. 12 gennaio 2019, n. 14 rappresenta una svolta epocale nella disciplina della crisi d'impresa che già da diversi anni risente della volontà del legislatore di privilegiare la continuità aziendale e la possibilità di conservare le aziende, evitando il fallimento. È per questo che si è intervenuti a ridisegnare l'impianto di una normativa ormai datata rivedendo in chiave... (continua)