Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2124 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n.262)

Certificato di lavoro

Dispositivo dell'art. 2124 Codice civile

Se non è obbligatorio il libretto di lavoro, all'atto della cessazione del contratto, qualunque ne sia la causa, l'imprenditore deve rilasciare un certificato con l'indicazione del tempo durante il quale il prestatore di lavoro è stato occupato alle sue dipendenze e delle mansioni esercitate [2133, 2246].

Ratio Legis

La norma indica il contenuto obbligatorio del certificato di lavoro e, di conseguenza, esclude l'indicazione della causa della cessazione del rapporto.
Tale certificato sostituisce il libretto di lavoro, ove questo non sia obbligatorio a norma della L. 112/1935.
Scopo comune di entrambi i suddetti documenti è quello di fornire al lavoratore un quadro completo della sua carriera professionale al fine di reperire un nuovo impiego.

Massime relative all'art. 2124 Codice civile

Cass. civ. n. 2627/2004

Il certificato di lavoro che, ai sensi dell'art. 2124 c.c., ove non sia obbligatorio il libretto di lavoro di cui all'art. 3 della legge n. 112 del 1935, l'imprenditore deve rilasciare all'atto della cessazione del rapporto di lavoro, qualunque ne sia la causa, indicandovi il tempo durante il quale il lavoratore è stato occupato alle sue dipendenze e le mansioni esercitate, sostituisce il predetto libretto — e, specularmente, può dallo stesso essere sostituito, — in quanto entrambi hanno la funzione di consentire al lavoratore di disporre di una documentazione sulla cessata attività lavorativa, e, più in generale, di offrire un quadro completo ed unitario della vita professionale del lavoratore, ai fini di regolarne e facilitarne il collocamento o di consentire gli opportuni controlli per quanto attiene all'assistenza professionale e sociale; ne consegue che ove il datore di lavoro abbia consegnato al lavoratore, all'atto della cessazione del rapporto, il libretto di lavoro, non ha alcun obbligo di rilasciare anche il certificato di lavoro.

Cass. civ. n. 9290/2000

Le annotazioni e le dichiarazioni contenute nel libretto di lavoro (istituito con finalità meramente burocratiche dalla legge 10 gennaio 1935 n. 112), aventi natura di scrittura privata e consistenti in dichiarazioni unilaterali del datore di lavoro, non valgono da sole a dimostrare con certezza la durata e il contenuto del rapporto di lavoro, pur potendo al riguardo costituire un valido indice presuntivo in concorso con altri idonei elementi; tali indicazioni perciò possono essere contrastate con ogni altro mezzo di prova e il giudice di merito può apprezzarle in rapporto alle altre risultanze istruttorie nell'ambito del suo potere di valutazione discrezionale della prova ex art. 116 c.p.c. (Fattispecie relativa ad azione di risarcimento danni per omissione contributiva; il giudice di merito, con la sentenza confermata dalla S.C., aveva rigettato la domanda tenuti presenti altri elementi probatori da cui si evinceva la mancanza di retribuzione, e quindi la presumibile sospensione del rapporto, nei periodi per i quali vi era scopertura contributiva).

Cass. civ. n. 8950/1991

Le annotazioni sul libretto di lavoro — aventi natura di scrittura privata e consistenti in attestazioni unilaterali del datore di lavoro — costituiscono, quanto meno, indice presuntivo della durata e del contenuto del rapporto di lavoro.

Cass. civ. n. 510/1988

Le indicazioni contenute nel libretto di lavoro — consistenti in attestazioni unilaterali del datore di lavoro — non valgono, da sole, a dimostrare con certezza la durata ed il contenuto del rapporto di lavoro subordinato, pur potendo al riguardo costituire un valido indice presuntivo in concorso con altri idonei elementi; esse, inoltre, ben possono essere contrastate con la prova testimoniale, in quanto il divieto sancito dall'art. 2722 c.c. è limitato alla prova contro documenti aventi valore di convenzione fra le parti.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Problemi nuovi della «vecchia» legge fallimentare. Aspettando la Riforma Rordorf

    Editore: CEDAM
    Collana: Orizzonti e approdi nella crisi d'impresa
    Data di pubblicazione: giugno 2018
    Prezzo: 28,00 -10% 25,20 €
    Oggi una grande possibilità di rinnovamento del metodo giuridico può venire dal diritto della crisi d'impresa, proprio perché esso impone il superamento della tradizionali categorie della dogmatica giuridica, elaborate sulla base della concorsualità e della responsabilità patrimoniale del debitore ex art. 2740 c.c. Si pensi per converso alla disciplina dello scioglimento dei contratti pendenti, oppure al pagamento integrale dei crediti anteriori nel corso... (continua)
  • Profili tipologici delle garanzie personali

    Autore: Renna Mario
    Editore: Aracne
    Collana: Studi sul diritto delle imprese
    Pagine: 312
    Data di pubblicazione: agosto 2018
    Prezzo: 16 €
    Lo studio esamina le principali forme di garanzia elaborate nella prassi commerciale attraverso la prospettiva dell'autonomia d'impresa. Questa impostazione legittima e impone una riconsiderazione di alcuni capisaldi del diritto comune dei contratti (come le regole che definiscono gli elementi della causa e dell'oggetto) e permette di rivisitare la tenuta delle norme imperative previste per il tipo fideiussorio, alla luce di un confronto con il tipo di interessi ritenuti meritevoli secondo il... (continua)
  • Jobs act e procedure concorsuali

    Collana: Diritto delle crisi delle imprese
    Data di pubblicazione: giugno 2018
    Prezzo: 65,00 -10% 58,50 €
    La relazione ministeriale al disegno di legge delega, presentato alla Camera dei Deputati, evidenzia l'inevitabile conflitto fra la disciplina del diritto concorsuale e del lavoro, in ragione del fatto che regolano entrambi ordinamenti speciali che, per diversa impostazione, derogano alle regole del codice civile. L'opera, a tal fine, costituisce una guida indispensabile nell'individuazione della disciplina applicabile, esaminando le problematiche connesse ai mutamenti soggettivi, alla... (continua)
  • L' impresa e le società, la tutela dei diritti, la prescrizione

    Autore: Gallo Paolo
    Editore: Giappichelli
    Collana: Trattato di diritto civile
    Data di pubblicazione: settembre 2018
    Prezzo: 65,00 -10% 58,50 €
    L'impresa e le società, la tutela dei diritti, la prescrizione, è l'VIII del "Trattato di diritto civile" di Paolo Gallo. Si tratta di un'opera che condensa i risultati di oltre un trentennio di studi e considerazioni dedicate ai temi più svariati del diritto civile. Il libro "L'impresa e le società, la tutela dei diritti, la prescrizione", costituisce un vero e proprio Trattato di diritto civile, rivolto in particolare ai professionisti, avvocati, magistrati e... (continua)
  • Operazioni straordinarie e tutela degli investitori. Tra rimedi compensativi e rimedi ostativi

    Editore: Giappichelli
    Collana: Studi di diritto dell'impresa
    Pagine: 392
    Data di pubblicazione: luglio 2018
    Prezzo: 49,00 -10% 44,10 €
    La monografia "Operazioni straordinarie e tutela degli investitori. Tra rimedi compensativi e rimedi ostativi" affronta il tema della tutela degli investitori in occasione di operazioni straordinarie. L'opera offre una proposta di categorizzazione dei rimedi a disposizione degli investitori secondo la distinzione tra "rimedi compensativi" e "rimedi ostativi". Il problema indagato, ricorrente nelle operazioni esaminate (aumento di capitale e fusione in presenza di più categorie di... (continua)