Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1774 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Luogo di restituzione e spese relative

Dispositivo dell'art. 1774 Codice civile

Salvo diversa convenzione, la restituzione della cosa deve farsi nel luogo in cui doveva essere custodita (1) [1182].

Le spese per la restituzione sono a carico del depositante [1196] (2).

Note

(1) Nello specifico, può trattarsi sia del luogo di deposito sia di quello in cui la cosa si trova effettivamente alla restituzione (1182 2 c.c.).
(2) Se, invece, il bene si trova, alla scadenza, in un luogo diverso da quello in cui deve essere restituita, le spese di trasporto sono a carico del depositario.

Ratio Legis

Il luogo di restituzione è determinato con favore verso il depositario, ciò, presumibilmente, a causa della natura gratuita che ha, di regola, il deposito (1767 c.c.).

Spiegazione dell'art. 1774 Codice civile

Luogo e spese della restituzione

Il codice determina come luogo della restituzione quello in cui la cosa doveva essere custodita, e formula in termini generali la regola dell'incidenza delle spese di restituzione sul depositante.

La prima regola è opportuna per evitare ogni possibile dubbio circa l'applicazione della regola generale di esecuzione dell'obbligo di consegna di cosa certa e determinata "nel luogo in cui l'obbligo medesimo è sorto" (art. 1182 cpv.). Essa coincide praticamente con la regola del codice abrogato — luogo in cui la cosa si trova — quando il luogo della custodia non sia stato oggetto di apposita pattuizione né risulti determinato onde il debitore è libero di tenerla in deposito dove
vuole; e nuova, invece, in quanto dispone che, quando la custodia debba svolgersi in un luogo comunque determinato, la restituzione deve farsi nello stesso.
Al riguardo possono farsi le seguenti due osservazioni: a) in caso di mutamento ingiustificato del luogo della custodia, ed in quanto sussista un interesse pratico del depositante a ricevere la cosa in un luogo anziché nell'altro, debbono far carico al depositario, malgrado la generica dizione del capoverso dell'art. 1774, le spese di trasporto, perché provocate dalla sua inadempienza rispetto al luogo convenzionale di custodia; b) se, viceversa, il mutamento del luogo della custodia sia stato determinato, nell'interesse del depositante, dalle circostanze urgenti previste dall'art. 1770 cpv., deve ritenersi legittima la restituzione nel luogo attuale, essendo ormai questo il luogo a in cui "la cosa doveva essere custodita", o quanto meno prestandosi tale dizione all'interpretazione suggerita, conforme ad equità.

L'incidenza delle spese di restituzione sul depositante costituisce un capovolgimento della regola generale (art. 1196), giustificato dai normali caratteri del deposito, cioè la gratuità e l'esclusivo interesse del depositante il che naturalmente non autorizza a considerate non scritta la norma ove questi caratteri in concreto non sussistano, ma dimostra la natura dispositiva della norma medesima, cioè la possibilità di un diverso regolamento convenzionale delle spese.

L'art. 1774 si applica anche al deposito di denaro. La diversa regola dettata in via generale dell'art. 1182, 2°cpv., sull'adempimento nel domicilio del creditore delle obbligazioni di somme di denaro, si riferisce infatti alle obbligazioni pecuniarie in senso proprio, e non a quelle di consegnare, o restituire, le monete come specie individue, come necessariamente quelle che formano oggetto del deposito (regolare) di denaro. Qui l'obbligazione di restituzione va trattata come obbligo di consegnare cose certe e determinate, assoggettato in principio alla regola del primo capoverso del citato art. 1182, derogata, per essa, dalla disposizione in esame.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 1774 Codice civile

Cass. pen. n. 8997/2015

Qualora la richiesta di patteggiamento, proposta a seguito della notifica del decreto di giudizio immediato, venga rigettata, resta preclusa all'imputato la possibilità di richiedere che si proceda con giudizio abbreviato, se tale istanza non sia stata formulata in via subordinata, unitamente a quella di patteggiamento, nei termini di legge. (Nella specie, la richiesta di patteggiamento presentata tempestivamente, era stata rigettata perché proposta da soggetto recidivo ai sensi dell'art. 99, quarto comma, cod. pen., in riferimento a pena detentiva superiore ai due anni).

Cass. civ. n. 3912/1968

A norma dell'art. 1774 c.c., in mancanza di una diversa pattuizione, al ritiro della cosa depositata deve provvedere, a propria cura e a proprie spese, il depositante. Tuttavia il depositario può essere ritenuto inadempiente ai suoi obblighi se, con il proprio comportamento, impedisca o ritardi il ritiro della cosa da parte del depositante.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo