Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1658 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Fornitura della materia

Dispositivo dell'art. 1658 Codice civile

La materia necessaria a compiere l'opera deve essere fornita dall'appaltatore, se non è diversamente stabilito dalla convenzione o dagli usi.

Ratio Legis

La norma è espressione della regola per cui l'appaltatore deve organizzare i mezzi necessari all'appalto (1655 c.c.).

Spiegazione dell'art. 1658 Codice civile

Fornitura della materia

Poco vi è da dire su questa prescrizione semplice e chiara.

Dobbiamo tuttavia rilevare che nel progetto ministeriale del 1940, al corrispondente art. 647, era aggiunto un comma, il quale stabiliva che la fornitura della materia non mutava il contratto d'appalto in compravendita se non nel caso nel quale le parti avessero avuto prevalentemente in considerazione la prestazione della materia. Con l'applicazione di questo comma sarebbe rimasto al criterio delle parti o al prudente arbitrio del giudice valutare l'elemento della «prevalenza » e ciò avrebbe potuto dar luogo a discussioni ed indagini non sempre agevoli, come quelle nelle quali si tratta di interpretare la volontà dei contraenti.

Tolto l'inciso dal testo definitivo del codice, non è a dire che non possa sorgere l'applicazione di esso nei casi pratici; però la trasformazione del contratto d'appalto in compravendita deve avvenire con patto esplicito e quindi sono da ritenere tolte le incertezze nascenti dal criterio della « prevalenza ». Comunque se avviene tale mutazione il contratto di vendita impone l'obbligo dell'immediata verifica, e la quietanza dell'effettuato pagamento vale come liberazione reciproca, vale a dire libera l'acquirente da un nuovo pagamento, ma libera altresì l'appaltatore da responsabilità per difetti che l'altra parte doveva accertare e non accertò. Sono salvi, si intende, i casi di frode o di vizi occulti ed è sempre salva la responsabilità decennale.

Relazione al Libro delle Obbligazioni

(Relazione del Guardasigilli al Progetto Ministeriale - Libro delle Obbligazioni 1941)

472 L'articolo 1634 del codice, sostanzialmente riprodotto dall'articolo 508 del progetto preliminare, disponendo che si può pattuire che la materia sia fornita dal committente o dell'appaltatore, non aveva un vero e proprio contenuto normativo perché si esauriva in un puro e semplice rinvio all'autonomia delle parti e non si preoccupava di integrare una eventuale lacuna del contratto. Ho ritenuto perciò necessario trasformare la dizione della norma dandole un contenuto dispositivo: la sua applicazione deve accedere a una diversa statuizione del contratto o eventualmente degli usi i quali hanno in questa materia importanza spesso decisiva. La regola che in linea dispositiva il progetto pone, è che la materia debba essere fornita dall'appaltatore essendo questa l'ipotesi più frequente in pratica.
Immutato è invece rimasto articolo 509 del progetto del 1936 (articolo 536, secondo comma), diretto a risolvere il vecchio e agitato problema della distinzione fra vendita e locazione di opere con somministrazione della materia. Mi è parso infatti che il territorio subiettivo accolto dal progetto sia, malgrado tutto, il più accettabile, in quanto permette al giudice un'indagine completa delle circostanze del comportamento e delle intenzioni delle parti senza inutili e arbitrari apriorismi.

Massime relative all'art. 1658 Codice civile

Cass. civ. n. 468/2014

In tema di appalto, sussistendo, ai sensi dell'art. 1658 cod. civ., la presunzione che la materia necessaria a compiere l'opera venga fornita dall'appaltatore, incombe sul committente l'onere di provare di aver venduto i materiali all'appaltatore, anche ai fini dell'incidenza di tale circostanza sulla determinazione del corrispettivo dell'appalto.

Cass. civ. n. 252/1996

Nell'ipotesi in cui l'impresa produttrice di un materiale, che l'appaltatore si è obbligato con il committente ad utilizzare nell'esecuzione dell'appalto, si obblighi a sua volta con il committente stesso a garantire per difformità vizio difetti il risultato dell'opera realizzata con il materiale da lei prodotto, si crea tra i due contratti un rapporto di accessorietà e, nel caso che sorga controversia tra impresa produttrice e committente per il cattivo risultato dell'opera, l'onere probatorio sarà ripartito in modo che il committente, che agisce per l'adempimento di una obbligazione, dovrà provare i fatti costitutivi della stipulazione dei due contratti e dell'esistenza di difformità, vizi o difetti dell'opera, mentre chi ha garantito dovrà provare il fatto impeditivo della mancata utilizzazione del materiale da parte dell'appaltatore, ai sensi dell'art. 2697, comma 2, c.c.

Cass. civ. n. 4882/1981

Poiché a norma dell'art. 1658 c.c. la materia necessaria a compiere l'opera si presume fornita dall'appaltatore, incombe al committente, il quale deduca di avere fornito tale materia, di dare la relativa prova.

Cass. civ. n. 1823/1974

Nell'appalto mobiliare, quando la materia è fornita dall'appaltatore, la proprietà della res nova passa al committente solo con l'accettazione o con un comportamento equipollente.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Gravi difetti degli edifici condominiali

    Editore: Giuffrè
    Collana: Officina. Civile e processo
    Pagine: 78
    Data di pubblicazione: aprile 2013
    Prezzo: 15,00 -5% 14,25 €

    Tra gli argomenti trattati: Eventi patologici nell'esecuzione del contratto di appalto. Legittimazione dei condomini ad agire a tutela dei beni comuni e ruolo dell'amministratore. Certificato di agibilità. Fessurazioni, cavillature e distacco dei pavimenti: casistica giurisprudenziale. Vizi del suolo e responsabilità dell'appaltatore.

    (continua)
  • Imprese pubbliche e settori speciali. L'autonomia contrattuale e le regole dell'evidenza pubblica

    Editore: Giappichelli
    Collana: Quaderni Cesifin. Nuova serie
    Data di pubblicazione: aprile 2018
    Prezzo: 39,00 -5% 37,05 €
    La finalità del lavoro monografico è quella di tracciare la fisionomia delle imprese pubbliche che operano nei settori speciali in modo da definirne l'assoggettabilità o meno al regime dell'evidenza pubblica. Il quadro complessivo emerso dagli studi condotti non può dirsi lineare. Sia da un punto di vista soggettivo, sia da un punto di vista oggettivo è, infatti, difficile indicare i confini dell'applicazione delle regole dell'evidenza pubblica. Sullo sfondo... (continua)
  • Vizi e difformità delle opere. Responsabilità dell'appaltatore, del direttore dei lavori e del progettista nell'appalto privato e di opere pubbliche

    Editore: Giuffrè
    Collana: Risposte giurisprudenziali
    Data di pubblicazione: settembre 2013
    Prezzo: 42,00 -5% 39,90 €

    L'opera, adottando un taglio pratico-operativo, passa in rassegna le questioni giuridiche di maggiore rilevanza nella pratica sottese a quello che può certo dirsi uno dei contratti più diffusi nel mondo produttivo: l'appalto. Accanto alla figura dell'appalto privato - della quale sono trattati i temi tradizionali della difformità e dei vizi dell'opera, del contenuto della garanzia per i difetti, della rovina e dei difetti di cose immobili, della responsabilità... (continua)

  • Struttura dell'appalto e responsabilità dell'appaltatore

    Editore: Giuffrè
    Collana: Temi diritto privato e diritto pubblico
    Data di pubblicazione: marzo 2016
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €
  • I contratti di appalto fra privati. Con aggiornamento online

    Editore: Fag
    Collana: Legale
    Pagine: 125
    Data di pubblicazione: gennaio 2015
    Prezzo: 15,00 -5% 14,25 €
    Categorie: Appalto

    Il contratto di appalto è stato disciplinato direttamente nel codice civile dallo stesso legislatore. Questi ha considerato, in primis, l'esecuzione di opere e, in particolare, di beni immobili e, solo sussidiariamente, quello di servizi; per questi ultimi solo pochi articoli di quelli che ineriscono all'appalto, da 1655 a 1677, si riferiscono anche alla prestazione di servizi. Considerata, inoltre, la peculiarità di questo contratto, normalmente di durata, la quale importa... (continua)

  • Tutele e sottotutele del lavoro negli appalti privati

    Autore: Lozito Marco
    Editore: Cacucci
    Collana: Ricerche diritto lavoro e relaz. industr.
    Pagine: 230
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €

    L'ordinamento, con l'art. 41 Cost., riconosce la libertà di iniziativa economica privata, che nel suo nucleo essenziale comprende le scelte qualitative e quantitative dell'imprenditore sull'attività da effettuare. In particolare, spetta all'imprenditore, nella fase iniziale dell'attività, decidere quali e quanti dipendenti assumere e, successivamente, valutare se incrementare o ridurre il proprio organico. In ragione della predetta libertà, l'imprenditore... (continua)

  • Appalto e claim

    Editore: CEDAM
    Collana: Le monografie di Contratto e impresa
    Pagine: 364
    Data di pubblicazione: aprile 2018
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €
    La fuga sempre più frequente dalle aule giudiziarie, l'importanza internazionale acquisita dai modelli contrattuali (AIA Documents) di construction contract e le modifiche apportate sia ad essi, sia al nostro codice degli appalti e ai rimedi alternativi alla tutela giurisdizionale ivi recentemente introdotti, hanno offerto lo spunto per una rivisitazione del tema della gestione delle sopravvenienze nel contratto di appalto. Muovendo da un'analisi delle sopravvenienze giuridicamente... (continua)
  • Appalto

    Collana: Trattato dir. civ. Cons. naz. notariato
    Pagine: 440
    Data di pubblicazione: luglio 2015
    Prezzo: 40 €
    Categorie: Appalto

    Gli innumerevoli profili applicativi legati alla disciplina dell'appalto privato ricevono organica sistemazione nell'impianto trattatistico dell'opera. Particolare attenzione è dedicata alle piú recenti tendenze dottrinali e giurisprudenziali e all'individuazione di soluzioni adeguate ai mutamenti dell'impalcatura ordinamentale e della realtà economica. L'approccio all'istituto, oltre a determinare inevitabili interferenze con le principali questioni di teoria generale... (continua)

  • Il contratto di appalto

    Collana: Collana dei contratti
    Data di pubblicazione: ottobre 2016
    Prezzo: 43,00 -5% 40,85 €
    Categorie: Appalto
    Il contratto di appalto, indubbiamente tra i più importanti contratti d'impresa, continua ad essere oggetto di penetranti interventi giurisprudenziali e dottrinali. In relazione a questo tipo contrattuale, non poche sono le questioni ancora aperte o non completamente risolte. Si pensi, ad esempio, alla complessità dell'obbligazione dell'appaltatore che, non di rado, risulta necessariamente frazionata nella sua esecuzione, come nel caso in cui l'appalto sia realizzabile solo con... (continua)