Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1484 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n.262)

Evizione parziale

Dispositivo dell'art. 1484 Codice civile

In caso di evizione parziale della cosa, si osservano le disposizioni dell'articolo 1480 e quella del secondo comma dell'articolo precedente [2921] (1).

Note

(1) Pertanto l'acquirente ha diritto alla risoluzione del contratto solo se deve ritenersi che non avrebbe concluso l'acquisto senza la parte evitta (1480 c.c.), altrimenti ha diritto solo alla riduzione del prezzo ed al risarcimento del danno se ignorava l'altruità del bene.

Ratio Legis

Nel caso in cui l'evizione sia soltanto parziale la situazione non è tanto grave da legittimare la medesima disciplina prevista per l'evizione totale (1483 c.c.) ma, piuttosto, è simile a quella che si determina in caso di vendita di bene parzialmente altrui (1480 c.c.), ciò che ne giustifica la sottoposizione alla medesima disciplina.

Brocardi

Evictio

Spiegazione dell'art. 1484 Codice civile

Evizione parziale della cosa venduta

Per l'evizione parziale vale quanto stabilito dall'art. 1480 cod. civ. per la vendita di cosa parzialmente di altri.
Per il risarcimento dei danni (come gia. rilevato : articoli 1479 e 1483 cod. civ.) sia l'aumento di valore sia la diminuzione di valore della cosa venduta sono a carico del venditore responsabile dell'evizione. Come stabilisce il secondo capoverso dell'art. 1483 cod. civ., nel danno da indennizzare vanno compresi sia il valore dei frutti che il compratore sia tenuto a restituire al rivendicante, sia le spese che l'evitto abbia fatto per la denuncia della lite al venditore, sia le spese che ha dovuto rimborsare all'attore rivendicante.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 1484 Codice civile

Cass. n. 21625/2009

In caso di evizione parziale, qualora sia accertato il fatto che rende operante la relativa garanzia, all'acquirente, convenuto in giudi­zio, compete, ai sensi degli artt. 1483, secondo comma, e 1484 c.c., nei confronti del venditore chiamato in garanzia, il diritto al rimborso delle spese giudiziarie sopportate e di quelle che, a sua volta, abbia dovuto rimborsare al terzo vittorioso; tale diritto compete all'acquirente chiamante in garanzia anche nel caso in cui il giudice gli abbia negato la tutela risarcitoria per la carenza delle restanti condizioni e, segnatamente, per non es­sere stata fornita la prova del danno in concreto subito per effetto dell'evizione stessa.

Cass. n. 2541/1999

Il diritto alla restituzione del prezzo pagato per l'evizione parziale del bene costituisce un credito di valuta, e poiché prescinde dalla colpa, anche solo presunta, del venditore, se il giudice esclude la sussistenza del diritto al risarcimento del danno, e l'acquirente non prova il pregiudizio derivatogli dal ritardo nel riavere la somma, su di essa non può esser riconosciuta la svalutazione monetaria.

Cass. n. 4805/1982

Nel caso in cui il venditore sia convenuto in giudizio dal compratore unitamente ad un terzo che pretende di avere diritti sulla cosa venduta, la partecipazione del primo al processo, qualora contro di lui non sia proposta azione di rivalsa, non ha altro scopo che quello di assoggettare il medesimo alla decisione della controversia pro­mossa dal compratore contro il terzo per fare accertare l'insussistenza degli anzidetti diritti. Il venditore, pertanto, quale parte in causa soggetta alla decisione sul rapporto principale, ha tutti i poteri ed i doveri che competono alle altre parti, ivi compreso il potere di impugnare la decisione sfavorevole al compratore nei confronti del terzo, per evitare che il passaggio in giudicato di tale de­cisione pregiudichi irrimediabilmente la sua po­sizione nei confronti del compratore medesimo, con la conseguenza che, anche se quest'ultimo abbia fatto acquiescenza alla decisione con il con­seguente passaggio in giudicato di essa nei suoi confronti, il venditore, mentre ha interesse ad im­pugnarla limitatamente alla parte in cui estenda i suoi effetti sul rapporto di garanzia, è carente di interesse in ordine ai capi della decisione che su tale rapporto non producono effetti.

Cass. n. 3025/1975

Qualora l'acquirente di una casa d'abitazione venga convenuto in giudizio dal proprietario del fondo contiguo e venga condannato ad eliminare alcune vedute ed a regolarizzare alcune luci, data l'inesistenza di servitù di veduta a favore del suo edificio ed a carico del detto fondo, egli può rivaler­si nei confronti del venditore, esercitando l'azione di evizione parziale, solo se questo ultimo gli abbia garantito la conformità dello stato di fatto della casa, nel momento della vendita, alla situazione di diritto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo