Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1426 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Raggiri usati dal minore

Dispositivo dell'art. 1426 Codice civile

Il contratto non è annullabile, se il minore ha con raggiri occultato la sua minore età; ma la semplice dichiarazione da lui fatta di essere maggiorenne non è di ostacolo all'impugnazione del contratto (1).

Note

(1) E' necessario, ad esempio, che il minore presenti documenti verosimili ma falsi.

Ratio Legis

Nel caso in cui sia il minore (incapace, v. 2 c.c.) ad occultare la minore età, impedendo alla controparte di conoscere la sua incapacità, viene meno l'esigenza di qualsiasi tutela nei suoi confronti. Tuttavia, poichè su ciascun contraente incombe un dovere generico (1176 c.c.) di accertare la capacità della controparte e, quindi, anche la sua età se è dubbia, non è sufficiente ad escludere l'annullabilità il fatto che il soggetto si dichiari minore.

Brocardi

Malitia supplet aetatem

Relazione al Libro delle Obbligazioni

(Relazione del Guardasigilli al Progetto Ministeriale - Libro delle Obbligazioni 1941)

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 1426 Codice civile

Cass. civ. n. 11191/2012

L'art. 1426 c.c., il quale stabilisce la non annullabilità del contratto concluso dal minore, che con raggiri abbia occultato la sua minore età, costituisce una norma di carattere eccezionale. Ne consegue che detta deroga al regime dell'annullabilità per incapacità legale non può essere estesa all'ipotesi del malizioso occultamento del proprio stato da parte dell'interdetto o dell'inabilitato, sia perché la condizione di questi ultimi non è equiparabile a quella del minore, il quale può essere naturalmente capace di intendere e di volere e dimostrare per la sua precocità una particolare astuzia, sia perché tale malizioso occultamento appare difficilmente conciliabile con la situazione di incapacità in cui l'interdetto e l'inabilitato versano, trattandosi di condotta che postula la lucida rappresentazione del proprio stato e la consapevole volontà diretta a mascherarlo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Annullamento d'ufficio e sorte del contratto

    Editore: Cacucci
    Collana: Univ. LUM Jean Monnet. Serie giuridica
    Pagine: 254
    Data di pubblicazione: marzo 2016
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €
    Categorie: Annullabilità

    Il d.lgs. n. 53 del 2010, emanato in attuazione delle ultime direttive ricorsi dell'Unione Europea, è stato accolto con grande entusiasmo e forti aspettative dagli operatori del settore. Si è annunciata, con una certa dose di entusiasmo, "la fine di un problema". Sulla spinta del diritto dell'Unione si è, infatti, tentato di fornire una risposta di diritto positivo a quello che era divenuto oramai lo "stanco" dibattito sulla sorte del contratto in caso di annullamento... (continua)

  • Il contratto. Con CD-ROM
    [volume 3] Le alterazioni patologiche

    Collana: Studi superiori
    Pagine: 556
    Data di pubblicazione: dicembre 2007
    Prezzo: 40,00 -5% 38,00 €
    La visione tradizionale imperniata sull'esame dell'invalidità disgiunto da quello delle anomalie genetiche e funzionali del sinallagma, proprie dei soli contratti a prestazioni corrispettive lascia spazio ad un'impostazione più comprensiva delle varie specie di alterazioni patologiche potenzialmente riferibili all'atto. In tal modo è possibile partire dall'aspetto comparativo afferente a tali condizioni per approcciare alle nozioni di "inesistenza", di nullità e di annullabilità, quest'ultima... (continua)