Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Capo III - Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 28/02/2021]

Dell'azione di disconoscimento e delle azioni di contestazione e di reclamo dello stato di figlio

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)
139 In questa sezione due punti sono stati oggetto di rilievi: la trasmissibilità dell'azione di disconoscimento in caso di morte del marito (art. 246 del c.c.) e la disciplina dell'azione di contestazione della legittimità (art. 248 del c.c.). Sul primo punto è stato ritenuto troppo lato il criterio del progetto definitivo che ammetteva la trasmissibilità dell'azione di disconoscimento anche in favore dei parenti chiamati all'eredità e si è proposto di consentirla soltanto in favore dei discendenti e degli ascendenti, a cui possa derivare un pregiudizio patrimoniale o morale. Riesaminata la questione, si è riconosciuto più opportuno il criterio restrittivo. L'azione di disconoscimento ha carattere personalissimo e, come tale, potrebbe anche dichiararsi intrasmissibile. La trasmissibilità dell'azione può essere giustificata dalla necessità di provvedere alla tutela degli interessi morali della famiglia. E' stata perciò modificata la disposizione del progetto, ammettendosi ad esercitare l'azione soltanto i discendenti e gli ascendenti che, come strettissimi congiunti del marito, devono essere considerati i naturali rappresentanti degli interessi familiari. Ma non si è creduto di subordinare la legittimazione ad agire alla prova di un pregiudizio patrimoniale o morale, poiché un pregiudizio morale, giuridicamente apprezzabile, è insito nella stessa qualità di discendente o ascendente del marito. Sull'altro punto, riflettente l'azione di contestazione di legittimità, si era suggerito dí specificare che la stessa si riferisce all'ipotesi del figlio nato oltre il termine di trecento giorni dallo scioglimento o annullamento del matrimonio. Non è stata accolta la proposta, perché l'azione di contestazione di legittimità ha una portata più ampia e riflette non solo la ipotesi del figlio nato oltre quel termine, ma anche quelle della supposizione di parto, della sostituzione del neonato e della nullità del matrimonio. Nondimeno tale rilievo ha tratto a considerare che l'art. 255 del progetto definitivo era formulato in maniera poco chiara. Nella redazione dell'art. 248 del c.c., che tratta dell'azione di contestazione di legittimità, si è avuto perciò cura di enunciare esplicitamente le varie ipotesi, alle quali la norma si riferisce. E' chiaro che anche nel caso della nullità del matrimonio, posta come fondamento dell'azione di contestazione della legittimità, restano ferme le norme stabilite circa i soggetti legittimati ad impugnare il matrimonio e i1 termini per la proponibilità dell'impugnazione. A proposito di questa stessa disposizione, è stato manifestato qualche dubbio circa la esattezza della formula del secondo comma dell'articolo, che dichiara l'azione imprescrittibile, perché non si sarebbe nell'ambito dell'istituto della prescrizione, bensì in quello della decadenza, per modo che dovrebbesi stabilire che la impugnazione può essere proposta in ogni tempo. Non è sembrato che si possa invocare contro l'esercizio dell'azione l'istituto della decadenza, perché, per regola generale, qualsiasi termine di decadenza deve essere espressamente stabilito dalla legge. Il dubbio può nascere, invece, in relazione all'istituto della prescrizione, in vista appunto del principio che tutte le azioni sono prescrittibili; onde, per affermare il concetto che l'azione di contestazione della legittimità può essere esercitata in ogni tempo, conviene, dal punto di vista pratico, far riferimento alla prescrizione e dichiarare senz'altro che tale azione è imprescrittibile. Il medesimo criterio è stato seguito in relazione all'art. 249 del c.c. e all'art. 263 del c.c..

Testi per approfondire "Dell'azione di disconoscimento e delle azioni di contestazione e di reclamo dello stato di figlio"

  • Identità del figlio e diritto di conoscere le proprie origini

    Editore: Giappichelli
    Collana: Comparazione e Diritto Civile
    Pagine: 207
    Data di pubblicazione: luglio 2015
    Prezzo: 24,00 -5% 22,80 €
    Categorie: Filiazione

    L'identità, intesa come sentimento della persona che rimane la medesima attraverso il tempo, è il presupposto del diritto di conoscere le proprie origini. Il tema attiene, in particolare, alla filiazione elettiva: adottato, nato da procreazione medicalmente assistita e da maternità surrogata. Anche il nome e lo status contribuiscono all'identità personale. Il contrasto tra verità biologica e anonimato della madre si risolve, in una visione moderna e... (continua)

  • Veridicità della filiazione ed errore nella procreazione assistita

    Data di pubblicazione: maggio 2018
    Prezzo: 27,00 -5% 25,65 €

    Nello scenario dell’attuale sviluppo tecnologico che amplia i fenomeni legati alla procreazione, il giurista è chiamato a confrontarsi con i problemi connessi al governo di tali fenomeni, tra cui in primo luogo l’accertamento della genitorialità sulla base della razionalità propria dei criteri di interpretazione della legge.

    L’applicazione del principio di verità nella filiazione, se ricostruito sul tracciato di una vicenda solo... (continua)

  • Filiazione. Status, diritti e doveri, responsabilità

    Editore: Giuffrè
    Collana: Pratica professionale. Famiglia
    Data di pubblicazione: giugno 2019
    Prezzo: 60,00 -5% 57,00 €
    L'opera esamina la disciplina relativa alla filiazione, ossia la relazione intercorrente tra il nato e il genitore, nella quale si compone quel complesso di doveri, diritti, responsabilità e soggezione alla luce di un nuovo ruolo oggi qualificato come responsabilità genitoriale. Il volume si sofferma sulla genitorialità sociale, approfondendo i temi dell'affido condiviso ed esclusivo e seguendo il percorso intrapreso dalle relazioni familiari dopo la creazione di un unico... (continua)
  • La filiazione

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: ottobre 2018
    Prezzo: 23,00 -5% 21,85 €
    Categorie: Filiazione
    Il manuale "La filiazione" è destinato agli studenti universitari, agli avvocati, ai magistrati, ai notai e agli altri operatori pratici come gli assistenti sociali. Esso tratta di tutti i profili della filiazione, con particolare riguardo al fondamento dello stato di figlio, alle azioni di stato, agli strumenti di tutela del minore di età, ai profili successori e risarcitori. Il volume "La filiazione" si sofferma anche sulla genitorialità sociale, sulla trascrizione... (continua)
  • Le azioni di stato. Diritti e procedimenti dopo la riforma della filiazione

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: luglio 2015
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    Categorie: Filiazione

    Un approfondimento della disciplina della filiazione dentro e fuori del matrimonio e della sua recente riforma, organizzato in modo "dinamico", attraverso le azioni di stato, e le domande, le istanze, le richieste di autorizzazione, nei loro presupposti sostanziali, nei loro effetti e nelle relative problematiche processuali. Le innovazioni della riforma, l'unitarietà dello stato dei figli, le azioni di stato, con un'attenta disamina di ciascuna di esse (disconoscimento di... (continua)


→ Altri libri su Dell'azione di disconoscimento e delle azioni di contestazione e di reclamo dello stato di figlio ←