Art. precedente Art. successivo

Articolo 25

Costituzione

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 25 Costituzione

Nessuno può essere distolto dal giudice naturale precostituito per legge [101 2, 102, 103, 105, 107; 1, ss. c.p.c] ; 1 ss. c.p.p.] (1) (2).
Nessuno può essere punito se non in forza di una legge che sia entrata in vigore prima del fatto commesso [1, 2 c.p.] (3) (4).
Nessuno può essere sottoposto a misure di sicurezza se non nei casi previsti dalla legge (5).

Note

(1) La garanzia del giudice naturale implica che sia solo la legge a dettare i criteri in base ai quali individuare, prima del giudizio, il giudice competente, inteso sia come tribunale sia come singolo. In ordine al primo aspetto vengono in rilievo i parametri della materia e del valore (artt. 7 ss. c.p.c.; della sola materia per i processi penali, art. 5 ss. c.p.p.) nonchè del territorio (artt. 18 ss. c.p.c.; artt. 8 ss. c.p.p.). In ordine al secondo aspetto, l'assegnazione dei singoli giudizi avviene sulla scorta di tabelle predisposte dal Presidente del Tribunale in base a criteri predeterminati.

(2) La rigida applicazione del principio del giudice naturale, tuttavia, potrebbe condurre al risultato, che la legge vuole evitare, di incardinare il giudizio davanti ad un organo non imparziale (ad esempio perchè ha già giudicato su quella vicenda o perchè legato alla parte da particolari rapporti). Per evitare ciò la legge prevede specifici istituti che sono l'incompatibilità, l'astensione e la ricusazione (51 ss. c.p.c.; 34, 35 c.p.p.).

(3) Viene qui disciplinato il principio di legalità delle pene il quale si articola nei principi di riserva di legge, tassatività, determinatezza ed irretroattività. La riserva di legge implica che solo la legge ordinaria, emanata dal Parlamento quale organo che esprime la volontà popolare, possa emanare norme incriminatrici; in particolare, è ammesso che fonti regolamentari possano introdurre solo delle specificazioni tecniche (c.d. riserva tendenzialmente assoluta). Questa volontà deve essere espressa in modo completo, cioè la fattispecie deve essere determinata nei suoi elementi essenziali: solo così si consente ai singoli di conoscere quali condotte siano lecite e quali non lo siano e si evita che i giudici possano usare discrezionalità nell'applicare la legge. A queste esigenze risponde anche la tassatività, che indica la necessità che il sistema sia chiuso, atteso che la legge penale è insuscettibile di applicazione analogica (art. 14 prel.). Infine, irretroattività significa divieto di applicare la norma incriminatrice a fatti commessi prima della sua entrata in vigore (art. 11 prel.; art. 2 c.p.).

(4) A livello comunitario il principio di legalità è sancito dall'art. 49 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea, con previsione più ampia della norma in commento atteso che l'art. 49 contiene anche il principio di proporzionalità tra reato e pena, ciò cui nel nostro ordinamento è giunta l'elaborazione della Corte Costituzionale.

(5) Si tratta del principio di legalità delle misure di sicurezza, cioè delle misure applicate nei confronti di soggetti considerati socialmente pericolosi senza che sia stato accertato se hanno commesso un reato. L'estensione ad esse del principio in esame è volto ad evitare che possano diventare strumenti usati per allontanare i soggetti non graditi, come accadde nel periodo fascista.


Ratio Legis

La garanzia del giudice naturale ed il principio di legalità vengono previsti per tutelare i singoli da possibili abusi o favoritismi, sulla scorta dell'esperienza fascista che, eliminate le garanzie, aveva istituito tribunali appositi per reprimere le opposizioni al regime.

Relazione al Progetto della Costituzione

(Relazione del Presidente della Commissione per la Costituzione Meuccio Ruini che accompagna il Progetto di Costituzione della Repubblica italiana, 1947)

25L'enunciazione dei diritti civili è completata da principî, alcuni dei quali potevano sembrare indiscutibili; ma l'esperienza amara ammonisce di trincerarli nella costituzione: il diritto di agire e difendersi in giudizio, di non essere distolti dal giudice naturale o puniti con legge retroattiva. Vietate le pene crudeli e disumane, la prima costituzione repubblicana d'Italia sancisce il principio dell'abolizione della pena di morte, che in molti sensi può dirsi italiano, e che, ribadito nelle fasi e nei regimi di libertà del nostro paese, è stato rimosso nei periodi di reazione e di violenza.

Brocardi collegati a questo articolo

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!