Art. precedente Art. successivo

Articolo 498

Codice di Procedura Penale

Esame diretto e controesame dei testimoni

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 498 Codice di Procedura Penale

1. Le domande sono rivolte direttamente dal pubblico ministero o dal difensore che ha chiesto l'esame del testimone.
2. Successivamente altre domande possono essere rivolte dalle parti che non hanno chiesto l'esame, secondo l'ordine indicato nell'articolo 496 (1).
3. Chi ha chiesto l'esame può proporre nuove domande (2).
4. L'esame testimoniale del minorenne è condotto dal presidente su domande e contestazioni proposte dalle parti. Nell'esame il presidente può avvalersi dell'ausilio di un familiare del minore o di un esperto in psicologia infantile. Il presidente, sentite le parti, se ritiene che l'esame diretto del minore non possa nuocere alla serenità del teste, dispone con ordinanza che la deposizione prosegua nelle forme previste dai commi precedenti. L'ordinanza può essere revocata nel corso dell'esame (3) (4).
4 bis. Si applicano, se una parte lo richiede ovvero se il presidente lo ritiene necessario, le modalità di cui all'articolo 398, comma 5bis (5).
4-ter. Quando si procede per i reati di cui agli articoli 572, 600,600 bis, 600 ter, 600 quater, 600 quinquies, 601, 602,609 bis, 609 ter, 609 quater, 609 octies e 612 bis del codice penale, l'esame del minore vittima del reato ovvero del maggiorenne infermo di mente vittima del reato viene effettuato, su richiesta sua o del suo difensore, mediante l'uso di un vetro specchio unitamente ad un impianto citofonico (6).
4-quater. Quando si procede per i reati previsti dal comma 4-ter, se la persona offesa è maggiorenne il giudice assicura che l'esame venga condotto anche tenendo conto della particolare vulnerabilità della stessa persona offesa, desunta anche dal tipo di reato per cui si procede, e ove ritenuto opportuno, dispone, a richiesta della persona offesa o del suo difensore, l'adozione di modalità protette (7).

Note

(1) Si ricordi che sono inutilizzabili le dichiarazioni del testimone che rifiuti di sottoporsi all'esame o al controesame di una delle parti ex art. 500, comma 3.

(2) Ciò è possibile nel rispetto dei limiti di pertinenza delle domande ex art. 299, comma 6.

(3) La Corte cost., con sent. 30 luglio 1997, n. 283, ha dichiarato l'illegittimità del presente articolo nella parte in cui non consente, nel caso di testimone maggiorenne infermo di mente, che il presidente, sentite le parti, ove ritenga che l'esame del teste ad opera delle parti possa nuocere alla personalità del teste medesimo, ne conduca direttamente l'esame su domande e contestazioni proposte dalle parti.

(4) L'esame in dibattimento delle persone ammesse, in base alla legge, a programmi o misure di protezione anche di tipo urgente o provvisorio si svolge con le cautele necessarie alla tutela della persona sottoposta all'esame, determinate, d'ufficio ovvero su richiesta di parte o dell'autorità che ha disposto il programma o le misure di protezione, dal giudice o, nei casi di urgenza, dal presidente del tribunale o della corte di assise ex art. 147 disp. att. del presente codice.

(5) Il presente comma è stato aggiunto dall'art. 13, della l. 3 agosto 1998, n. 269.

(6) Tale comma è stato aggiunto dall'art. 13, della l. 3 agosto 1998, n. 269, poi modificato prima dall'art. 15, comma 10, della l. 11 agosto 2003, n. 228 e poi dall'art. 9, del D.L. 23 febbraio 2009, n. 11 e dall'art. 2, del D.L. 14 agosto 2013, n. 93. Il testo precedente stabiliva: "4 ter. Quando si procede per i reati di cui agli articoli 600, 600 bis, 600 ter, 600 quater, 600 quinquies, 601, 602, 609 bis, 609 ter, 609 quater, 609 octies e 612-bis del codice penale, l'esame del minore vittima del reato ovvero del maggiorenne infermo di mente vittima del reato viene effettuato, su richiesta sua o del suo difensore, mediante l'uso di un vetro specchio unitamente ad un impianto citofonico. ".

(7) L'ultimo comma è stato inserito dall'art. 2, comma 1, lett. i), n. 2, del D.L. 14 agosto 2013, n. 93 convertito nella l. 15 ottobre 2013, n. 119.


Ratio Legis

L'esame incrociato dei testimoni rappresenta uno degli aspetti più caratteristici del dibattimento di tipo accusatorio, diretto a far emergere gli elementi di conoscenza e verificare l'attendibilità delle persone escusse.

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 6464/2008

L'applicazione, in sede di indagini preliminari, delle particolari cautele dettate dall'art. 498, comma quarto, c.p.p. per l'esame testimoniale del minore è rimessa alla valutazione del giudice che, di volta in volta, ne ravvisi la necessità ai fini della tutela del minore stesso.

Cass. n. 11615/2000

Le particolari cautele dettate dall'art. 498, comma quarto, c.p.p., per l'esame testimoniale del minorenne — la cui adozione è rimessa al potere discrezionale del giudice del dibattimento — non si applicano in sede di sommarie dichiarazioni rese nel corso delle indagini preliminari. (In applicazione di tale principio la Corte ha ritenuto utilizzabili nel giudizio abbreviato le dichiarazioni di un minorenne assunte da un solo operatore di polizia giudiziaria).

Cass. n. 3496/1997

In tema di esame testimoniale, per ragioni di economia processuale e di concentrazione del contraddittorio volte ad evitare interventi «a catena» e senza limiti, non è prevista la possibilità di un ulteriore controesame a seguito delle nuove domande proposte ai sensi del comma 3 dell'art. 498 c.p.p.

Cass. n. 10284/1996

In tema di esame testimoniale, la parte che non ha indicato il teste a suo favore non può porre, in sede di controesame di quello introdotto da altra parte, domande su circostanze diverse da quelle specificate da chi ne ha richiesto l'esame al momento della presentazione della relativa lista; se così non fosse, verrebbero frustrati i termini temporali ed i limiti di ammissibilità prescritti dal codice di rito per l'ingresso in processo delle prove indicate dalle parti, nonché le regole concernenti le modalità di assunzione delle stesse.

Cass. n. 6922/1992

Le dichiarazioni testimoniali assunte non secondo le prescrizioni dell'art. 498 c.p.p. (che prevede l'esame diretto e il controesame dei testimoni), ma mediante semplice conferma, a richiesta del presidente, delle dichiarazioni già rese in dibattimento, davanti ad un precedente collegio venuto meno per la morte di uno dei componenti, non sono inutilizzabili, trattandosi non di prove assunte in violazione di divieti di legge, ma di prove assunte con modalità diverse da quelle previste dalla legge. Un tal modo di procedere, poi, pur se non ortodosso, non dà tuttavia luogo neppure ad alcuna nullità, non essendovi alcuna norma specifica che la preveda, non potendosi inquadrare la violazione in esame in alcuna tra le previsioni di cui all'art. 178 c.p.p. Ne consegue che esclusa la inutilizzabilità e la nullità, gli atti in questione non possono che essere considerati come validi, ancorché irregolari, e quindi legittimamente valutati ai fini del decidere.

Cass. n. 6916/1992

Le forme dell'esame e controesame diretto delle parti nell'assunzione dei testi, previste dall'art. 498 c.p.p., non trovano applicazione in sede di rinnovazione dell'istruzione dibattimentale ex art. 603 stesso codice. La struttura del giudizio di appello, infatti, aprendosi con la relazione del presidente (o del consigliere delegato) e proseguendo con la lettura degli atti del giudizio di fasi precedenti (art. 602 c.p.p.), risulta chiaramente incompatibile con l'applicazione delle regole sull'esame dei testi previste per il giudizio di primo grado.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

Attività preparatorie del contraddittorio dibattimentale

Editore: Giappichelli
Collana: Procedura penale. Studi
Data di pubblicazione: aprile 2010
Prezzo: 37,00 -10% 33,30 €

Il presente studio osserva un problema cruciale del processo penale: come preparare un dibattimento in contraddittorio che si ispiri all'idea del giusto processo. Dunque, non la fase degli atti preliminari al dibattimento in senso descrittivo o organizzativo, bensì come punta di iceberg di una più ampia attività preparatoria svolta anche in altre fasi. Spesso vengono trascurati alcuni aspetti essenziali della realtà processuale, riconosciuti invece dall'art. 111... (continua)

Il proscioglimento predibattimentale

Autore: Iai Ivano
Editore: Giuffrè
Collana: Studi di diritto processuale penale
Data di pubblicazione: ottobre 2009
Prezzo: 16,00 -10% 14,40 €

Origini dell'istituto - La fase degli atti preliminari al dibattimento nel giudizio di primo grado - Il proscioglimento nella fase degli atti preliminari al dibattimento di primo grado - Il proscioglimento predibattimentale e le impugnazioni (L'impugnazione della sentenza predibattimentale - La problematica del proscioglimento nel predibattimento d'appello, di cassazione e di rinvio) - Conclusione - Appendice bibliografica.

(continua)
Difesa e dibattimento penale. Suggerimenti argomentativi

Editore: Giuffrè
Collana: Il processo penale accusatorio
Data di pubblicazione: dicembre 2008
Prezzo: 17,00 -10% 15,30 €

E' possibile dire che la verità che emerge dal processo è la tesi del P.M., non falsificata dalla critica opposta dalla difesa? Oppure la verità affermata in sentenza è la trasposizione della tesi difensiva avverso la quale la prospettazione accusatoria nulla ha potuto? O quanto contenuto nella sentenza corrisponde a quanto storicamente accaduto?
In questa opera gli autori cercano di fornire alcuni spunti di riflessione sul ruolo che il difensore ha in... (continua)

Il dibattimento nel processo penale

Autore: Lupoli Luca
Editore: Aracne
Collana: Diritto novità
Pagine: 136
Data di pubblicazione: ottobre 2014
Prezzo: 9,00 -10% 8,10 €

Il presente volume analizza il dibattimento quale fulcro del processo penale italiano, sottolineando l'assoluta centralità ad esso conferita dal sistema accusatorio, introdotto nel nostro Paese dalla riforma del 1988. Procede al confronto tra quest'ultimo ed il sistema inquisitorio, affrontando altresì l'evoluzione storica del processo penale dall'Unità d'Italia all'entrata in vigore del Codice "Vassalli" e le differenti fasi che scandiscono il primo grado del vigente... (continua)

Eccezioni e questioni preliminari nel processo penale

Editore: Giuffrè
Data di pubblicazione: febbraio 2012
Prezzo: 55,00 -10% 49,50 €

L'opera contiene un catalogo completo delle eccezioni e delle altre questioni procedurali che possono essere proposte nella fase degli atti preliminari al dibattimento. In particolare, vengono analiticamente trattate le eccezioni di inammissibilità, nullità e inutilizzabilità di atti. Per ciascun istituto preso in considerazione, sono state richiamate le norme che lo regolano e illustrate le modalità di formulazione delle relative questioni o eccezioni, con il... (continua)