Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   PRIVACY

Articolo 387

Codice di Procedura Civile

Non riproponibilità del ricorso dichiarato inammissibile o improcedibile

Dispositivo dell'art. 387 Codice di Procedura Civile

Il ricorso dichiarato inammissibile o improcedibile non può essere riproposto, anche se non è scaduto il termine fissato dalla legge (1).

Note

(1) Si esclude pacificamente l'applicazione della norma al regolamento preventivo di giurisdizione [v. 41], ciò in quanto esso non costituisce un mezzo di impugnazione ma solo uno strumento mediante il quale le parti tendono ad ottenere la definitiva risoluzione di una questione di giurisdizione.

Ratio Legis

La norma sancisce il principio di consumazione del ricorso dichiarato inammissibile o improcedibile. Essa va letta congiuntamente all'art. 358 che riconosce il medesimo principio in materia di appello.

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 5053/2009

Nel caso in cui una sentenza sia stata impugnata con due successivi ricorsi per cassazione, è ammissibile la proposizione del secondo in sostituzione del primo, purché l'improcedibilità o l'inammissibilità di quest'ultimo non sia stata ancora dichiarata, restando escluso che la mera notificazione del primo ricorso comporti, "ex se", la consumazione del potere d'impugnazione. In relazione alla tempestività della seconda impugnazione occorre aver riguardo - in difetto di anteriore notificazione della sentenza - non solo al termine di un anno del deposito della sentenza di cui all'art. 327 cod. proc. civ., ma anche a quello breve, ex art. 325 cod. proc. civ., che decorre dalla data della notifica della prima impugnazione, la quale integra la conoscenza legale della sentenza da parte dell'impugnante.

Cass. n. 23019/2007

In tema di ricorso per cassazione, qualora una società abbia proposto ricorso in persona diversa dal suo legale rappresentante all'epoca e, quindi, in difetto di capacità processuale ai sensi dall'art. 75 c.p.c., l'intervento in causa della società in persona del suo legale rappresentante non può valere, essendosi ormai consumato il diritto di impugnazione, a sanare il vizio originario del ricorso, al quale si sarebbe potuto rimediare solo con la proposizione di un nuovo ricorso nei termini di cui all'art. 387 c.p.c.

Cass. n. 3386/2007

La parte che abbia proposto un ricorso per cassazione improcedibile, per non essere stato depositato nel termine previsto dalla legge, si può validamente proporre un nuovo ricorso per cassazione se nel frattempo il termine per ricorrere non sia scaduto e l'improcedibilità del primo ricorso non sia stata dichiarata, dal momento che, in tale ipotesi, il diritto di impugnazione non può ritenersi consumato.

Cass. n. 24100/2006

Il potere di proporre impugnazione avverso la sentenza del giudice del lavoro non sorge in conseguenza della semplice lettura del dispositivo in udienza (salva l'eccezionale ipotesi prevista dall'art. 433, secondo comma, c.p.c.), ma postula che la sentenza stessa sia completa nei suoi elementi strutturali (fra cui essenziale è la motivazione) e che sia stata depositata in cancelleria a norma degli artt. 430 e 438 c.p.c. Ne consegue che la dichiarazione d'inammissibilità del ricorso per cassazione, erroneamente proposto. (prima che la sentenza acquisti con il deposito giuridica esistenza) contro il dispositivo della sentenza di appello letto in udienza non comporta l'irreparabile consunzione del diritto d'impugnare la sentenza dopo il deposito della stessa, sempreché non siano decorsi i termini previsti dagli artt. 325 e 327 c.p.c. (principio nella specie applicato dalla S.C. al rito locativo).

Cass. n. 18236/2006

Anche se non è scaduto il termine fissato dalla legge per impugnare, la declaratoria di estinzione del giudizio di cassazione emessa, a norma degli artt. 291, ultimo comma, e 307, terzo comma, c.p.c., per inosservanza del termine di rinnovazione della notificazione del ricorso introduttivo, rende inammissibile un ulteriore, analogo ricorso per cassazione avverso la medesima sentenza, in virtù del generale principio della consumazione del diritto di impugnazione (dettato per il giudizio di cassazione) dall'art. 387 c.p.c. e della parallela norma di cui all'art. 358 c.p.c. (dettata per il giudizio di appello), da ritenersi applicabile anche nel caso di dichiarazione di estinzione del processo, la quale determina il passaggio in giudicato della sentenza impugnata, in base all'art. 338 c.p.c., norma che esprime un principio di carattere generale, valido anche per il giudizio di legittimità.

Cass. n. 677/2005

La riproposizione di un ricorso per cassazione inammissibile per mancata produzione della relata di notificazione e, quindi, per inesistenza della notificazione, è possibile, fino a quando non sia intervenuta la prima declaratoria della inammissibilità, entro il termine di impugnazione lungo, in quanto deve escludersi che in tal caso possa essersi verificata la decorrenza del termine breve, supponendo essa la sussistenza di una valida notificazione del ricorso.

Cass. n. 17411/2004

In tema di giudizio di cassazione, non si verifica consumazione del diritto di impugnazione, ai sensi dell'art. 387 c.p.c., qualora, dopo un primo ricorso non depositato nel termine di cui all'art. 369 del codice medesimo, venga proposto un secondo ricorso prima che sia stata pronunciata l'improcedibilità del precedente e detta riproposizione avvenga, ex art. 325, nel termine di sessanta giorni dalla notificazione del primo ricorso equivalendo questa alla conoscenza legale della sentenza da parte dell'impugnante — e, ex art. 327, nel termine annuale dalla pubblicazione della sentenza impugnata. Nel caso di tempestiva riproposizione, poi, il termine di venti giorni prescritto dagli artt. 370 e 371 per la notificazione del controricorso e del ricorso incidentale deve ritenersi decorrente dalla scadenza del termine stabilito per il deposito del primo ricorso e non del secondo, atteso il suddetto rilievo da attribuire alla data di notificazione di tale primo ricorso — non depositato — ai fini del computo del termine breve per la sua valida riproposizione.

Cass. n. 16162/2002

Stante l'espressa previsione degli artt. 358 e 387 c.p.c., la consumazione del potere di impugnazione presuppone l'esistenza di due impugnazioni della stessa specie nonché, al tempo della proposizione delle seconda, una declaratoria di inammissibilità della precedente; pertanto non si ha consumazione del potere di impugnazione quando il suo esercizio sia stato preceduto da una impugnazione di diversa specie.

Cass. n. 13817/2002

In tema di pluralità di ricorsi per cassazione successivamente proposti avverso la stessa decisione, il principio secondo il quale la proposizione di un primo atto inidoneo a dar vita ad un valido ricorso (per mancanza di alcuno degli elementi prescritti dall'art. 366 c.p.c.) non impedisce alla parte di proporne uno successivo, in sostituzione (e non ad integrazione o modificazione) del precedente sin quando non intervenga una pronunzia dichiarativa dell'inammissibilità o improcedibilità del primo (discendendo, in tal caso, la preclusione dal disposto dell'art. 387 c.p.c.), ed a condizione che non siano scaduti i termini per la proponibilità del gravame si applica alla sola ipotesi del simultaneus processus, al di fuori del quale, per converso, risulta prevalente il principio di cui all'art. 366 c.p.c., secondo cui il ricorso per cassazione deve essere proposto, a pena di inammissibilità, con un unico atto, onde evitare la pendenza di più processi originati da diverse impugnazioni contro la medesima decisione. Ne consegue che, ove non risulti più possibile (come nella specie) la riunione delle più impugnazioni in un solo processo, ex art. 335 c.p.c., perché una di esse sia stata già decisa con sentenza, deve ritenersi che la seconda divenga ipso facto inammissibile.

Cass. n. 12149/1999

Il mancato deposito del ricorso per cassazione nel termine di cui all'art. 369 c.p.c. non comporta consumazione del diritto di impugnazione quando non sia intervenuta pronuncia giudiziale di improcedibilità ed il ricorso sia stato riproposto nel rispetto del termine breve decorrente dalla data di notificazione della prima impugnazione.

Cass. n. 1441/1997

Il principio per cui la consumazione del diritto di impugnazione che determina l'improponibilità del ricorso per Cassazione si verifica soltanto se interviene una declaratoria di inammissibilità o di improcedibilità del precedente ricorso (art. 387 c.p.c.), comporta che in difetto di una tale dichiarazione deve ritenersi ritualmente proposto un nuovo ricorso (in sostituzione e non ad integrazione del precedente), nel termine breve decorrente dalla notificazione della prima impugnazione, atteso che detta notifica deve ritenersi equivalente alla notificazione della sentenza, quale atto avente analogo grado di certezza formale e legale.

Cass. sez. un. n. 9409/1994

A norma dell'art. 366 c.p.c., il ricorso per cassazione deve essere proposto, a pena d'inammissibilità, con unico atto avente i requisiti di forma e di contenuto indicati in detta disposizione, con la conseguenza che è inammissibile un nuovo atto successivamente notificato a modifica o ad integrazione del primo, sia se concerna l'indicazione dei motivi, ostandovi il principio della consumazione dell'impugnazione, sia se tendente a colmare la mancanza di taluno degli elementi prescritti, quale l'esposizione dei fatti di causa, essendo possibile la proposizione di un nuovo ricorso (ove non siano decorsi i termini dell'impugnazione) solo in sostituzione — non ad integrazione, né a correzione — di un ricorso viziato ma non ancora dichiarato inammissibile.

Cass. n. 6278/1990

La parte, che abbia già proposto ricorso (principale od incidentale) contro alcune delle statuizioni della sentenza d'appello, nel rapporto con un determinato avversario, non può successivamente presentare un secondo ricorso, nell'ambito dello stesso rapporto, nemmeno se nel frattempo abbia ricevuto notificazione del ricorso di detto avversario, ed a prescindere dal fatto che quest'ultimo possa suggerire un'estensione della contesa anche con riguardo ad altre pronunce relative a quel rapporto, tenendo conto che l'ordinamento non consente il reiterarsi o frazionarsi dell'iniziativa impugnatoria in atti separati (principio della cosiddetta consumazione dell'impugnazione), e che il relativo divieto non trova deroga, per il caso in cui sia sopravvenuta l'impugnazione avversaria, nelle disposizioni di cui all'art. 334 c.p.c., le quali operano solo in favore della parte che, prima dell'iniziativa dell'altro contendente, abbia fatto una scelta di acquiescenza alla sentenza impugnata.

Cass. n. 1855/1989

La consumazione del diritto di impugnazione, per effetto della proposizione del ricorso principale per cassazione, osta a che la stessa parte, ricevuta la notificazione del ricorso di altra controparte, possa introdurre nuovi e diversi motivi di censura con un successivo ricorso incidentale, che resta peraltro valido come controricorso, nei limiti in cui sia rivolto a contrastare la impugnazione avversaria.

Cass. n. 882/1988

Il diritto d'impugnazione in cassazione non si consuma finché non interviene una pronuncia d'inammissibilità e improcedibilità del ricorso e può essere, in conseguenza, proposto nuovo ricorso, in sostituzione di quello viziato, sempre che siano osservati i requisiti di legge e non siano decorsi i termini per impugnare. Per contro, la rituale introduzione del ricorso preclude al ricorrente di denunciare altri vizi o ripetere le stesse censure con un nuovo ricorso, anche se il termine per l'impugnazione non è ancora scaduto.

Cass. n. 3713/1985

La riproposizione del ricorso inammissibile od improcedibile, consentita fino a che non sia intervenuta pronuncia giudiziale di inammissibilità od improcedibilità, è soggetta, in difetto di notificazione della sentenza, al termine breve decorrente dalla data della notificazione dell'impugnazione da rinnovare, atteso che tale notificazione deve ritenersi equipollente, al fine della conoscenza legale della sentenza da parte dell'impugnante, alla notificazione della sentenza medesima.

Cass. n. 985/1967

L'impugnazione immediata di sentenza non definitiva, proposta dopo la riserva di gravame, costituisce prematuro esercizio del potere d'impugnazione, ma non lo consuma, onde, dopo la pronuncia della sentenza definitiva, non è preclusa l'ammissibilità della impugnazione anche contro la sentenza non definitiva. Ciò anche quando l'impugnazione immediata sia già stata dichiarata inammissibile o improcedibile.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 387 del c.p.c.

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it. Trattasi di quesiti per cui è stato richiesto il servizio di consulenza legale a pagamento o che presentano particolare interesse giuridico in ragione del quale la redazione ha ritenuto di rispondere gratuitamente.

Ricevi la tua risposta
14/02/2011 Sicilia
leo chiede

In una causa di lavoro, la corte d'appello ha dichiarato con sentenza inammissibile l'appello proposto avverso una precedente decisione già favorevole all'appellato. Quali conseguenze giuridiche produce l'inammissibilità? In particolare, l'appellante può proporre ricorso in Cassazione? O la sentenza può considerarsi passata in giudicato?

Consulenza giuridica i 18/02/2011

Ai sensi dell'art. 358 del c.p.c., l'appello dichiarato inammissibile (o improcedibile) non può essere riproposto, anche se non è decorso il termine fissato dalla legge. Alcune ipotesi di inammissibilità dell'appello sono: proposizione dopo la decorrenza del termine (art. 325 del c.p.c.); nessuna delle parti ha provveduto a integrare il contraddittorio nel termine fissato dal giudice; la sentenza è ex lege inappellabile.

L'art. 357 del c.p.c., che contemplava il reclamo al collegio contro le ordinanze dichiarative di improcedibilità, inammissibilità ed estinzione dell’appello, è stato abrogato: ciò perché in seguito alla riforma del 1990 anche la trattazione dell'appello è affidata al collegio, e non più all'organo monocratico.

Poiché le suddette ordinanze hanno natura decisoria e definitiva, esse si ritengono ricorribili in cassazione ex art. 360 del c.p.c. (Cass. civ., 17 aprile 2001 n. 5610; Cass. civ., 17 maggio 2007 n. 11434).


Testi per approfondire questo articolo

  • Il giudizio civile di cassazione

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 73,00 -10% 65,70 €
    Categorie: Cassazione

    Si tratta dell'opera attualmente più completa sul giudizio civile di cassazione. Essa coniuga le esigenze sistematiche con una casistica giurisprudenziale estremamente ricca così da porsi come strumento indispensabile non solo per lo studioso del diritto, ma pure per l'operatore pratico della giustizia. Il testo è aggiornato alle riforme adottate con il d.l. 22 giugno 2012, n. 83 (conv. con modifiche, nella 1. 7 agosto 2012, n. 134) e con la 1. 28 giugno 2012, n. 92.

    (continua)
  • Diritto processuale civile
    Il processo di cognizione e le impugnazioni

    Editore: Giappichelli
    Pagine: 358
    Data di pubblicazione: ottobre 2013
    Prezzo: 27 €

    Edizione aggiornata al d.l. 21 giugno 2013, n. 69 e alla l. di conv. 9 agosto 2013, n. 98.

    (continua)
  • Codice delle impugnazioni civili: Impugnazioni in generale, regolamento di competenza, appello-Ricorso per cassazione, revocazione, opposizione di terzo

    Editore: neldiritto.it
    Collana: I codici del professionista
    Data di pubblicazione: aprile 2013
    Prezzo: 120,00 -10% 108,00 €

    Giunto alla seconda edizione, il "Codice delle impugnazioni civili" si propone l'obiettivo di fornire agli operatori del diritto (avvocati e magistrati) uno strumento per orientarsi nel modo migliore all'interno della complessa e delicata materia dei rimedi esperibili avverso le sentenze del giudice civile. Una simile guida si rivela particolarmente utile nell'attuale quadro normativo, segnato da alcuni importanti provvedimenti di riforma. Tra i più recenti, si segnala il d.l. 22... (continua)

  • Le impugnazioni civili

    Collana: Argomenti del diritto
    Data di pubblicazione: settembre 2013
    Prezzo: 72,00 -10% 64,80 €

    La trattazione ha ad oggetto la disciplina delle impugnazioni, considerata nella sua globalità. Sono quindi presi dapprima in esame i profili attinenti alla parte generale delle impugnazioni, e quindi al giudicato formale, nonché alla legittimazione ed all’interesse ad impugnare, alla pluralità di parti, alle vicende anomale (inammissibilità, improcedibilità ed estinzione), ed infine all’effetto espansivo interno ed esterno. Segue... (continua)

  • Le novità in materia di impugnazioni. Atti dell'Incontro di studio (Firenze, 12 aprile 2013)

    Pagine: 240
    Data di pubblicazione: giugno 2014
    Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €

    RELAZIONI

    Giampiero Balena, Le novità relative all’appello

    Mauro Bove, Ancóra sul controllo della motivazione in Cassazione

    Angelo Converso, Il filtro. La prassi delle Corti d’appello

    INTERVENTI

    Vittoria Barsotti

    Girolamo Monteleone.

    Andrea Graziosi.

    Cinzia Gamba

    Roberto Poli

    Giuliano Scarselli

    Antonio Carratta

    Francesco P. Luiso

    Gian Franco Ricci

    (continua)
  • Le impugnazioni nel processo civile

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria e pratica del diritto. Maior
    Data di pubblicazione: maggio 2014
    Prezzo: 54,00 -10% 48,60 €
    Categorie: Appello, Cassazione

    Il volume misura lo stato dell'arte, in continua evoluzione, del cantiere Giustizia, relativo alle impugnazioni civili, sottoponendo a disamina meticolosa i vari profili che ne occupano il non facile spazio. L'opera offre riferimenti certi per un approccio realistico alle tematiche che interessano la sfera dei mezzi impugnatori attraverso l'analisi dei più recenti approdi giurisprudenziali e dottrinali, sviluppando così una trattazione esaustiva tale da costituire un valido... (continua)

  • La cassazione civile. Lezioni dei magistrati della Corte suprema italiana

    Editore: Cacucci
    Pagine: 600
    Data di pubblicazione: aprile 2015
    Prezzo: 48,00 -10% 43,20 €
    Categorie: Cassazione

    La seconda edizione di un libro è di solito indice del suo successo. Nel nostro caso però non sarebbe potuto accadere diversamente perché ci troviamo di fronte a un dialogo tra generazioni, giudici che "parlano" ad altri giudici, in un'aula virtuale dove si costruisce un nuovo sapere con un patrimonio di esperienze che dona la propria forza fecondante a un futuro che cresce. Sulla cattedra di quest'aula non salgono professori inclini a illustrare dottrine e astratte... (continua)

  • L'evoluzione giurisprudenziale nelle decisioni della Corte di Cassazione
    Anno 2013

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 90,00 -10% 81,00 €
    Categorie: Cassazione, Cassazione
  • Ricorso e controricorso per Cassazione in materia civile

    Editore: CEDAM
    Collana: Sapere diritto
    Pagine: 1050
    Data di pubblicazione: giugno 2013
    Prezzo: 90,00 -10% 81,00 €
    Categorie: Cassazione

    La nuova edizione dell'opera si propone di offrire all'operatore del diritto un manuale dal taglio pratico e dalla consultazione veloce. Il volume, pur non trascurando gli indispensabili principi dottrinali, tiene conto soprattutto della pratica giurisprudenziale.

    Primaria nella redazione del volume è stata l'attenzione all'applicazione operativa del diritto sostanziale e processuale, nonché alle esigenze di coloro che debbono ricorrere o resistere in Cassazione.

    ... (continua)
  • Commentario del codice di procedura civile
    Articoli 323-394

    Data di pubblicazione: settembre 2013
    Prezzo: 130,00 -10% 117,00 €

    Il volume è un commentario articolo per articolo o per gruppi di articoli alle norme del codice, alle principali leggi collegate e alla normativa speciale. Il testo di ogni articolo è scomposto in "frammenti" numerati e ad ogni numero corrisponde un paragrafo del commento in cui gli autori analizzano la norma nel dettaglio. Questa impostazione consente una lettura veloce, per individuare rapidamente le informazioni necessarie per affrontare un caso concreto, ma non preclude... (continua)