Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE
Responsabilitą da reato degli enti -

La responsabilitą da reato dell'ente: oltre la logica punitiva

AUTORE:
ANNO ACCADEMICO: 2019
TIPOLOGIA: Tesi di Laurea Magistrale
ATENEO: Universitą degli Studi di Bologna
FACOLTÀ: Giurisprudenza
ABSTRACT
Partendo dalla difficoltà di inquadrare la responsabilità degli enti, si è delineato il sistema del D. lgs. 231/2001 (Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche).
Ci si è, in particolare, soffermati sul tema della non punibilità. Nell’elaborato vengono affrontanti tre passaggi logici fondamentali: la non punibilità dell’ente a seguito dei retaggi della tradizione (“societas delinquere non potest”), la punibilità dopo il D. lgs 231/2001, e ancora la non punibilità, a determinate condizioni, come interpretazione analitica della natura del decreto legislativo appena ricordato.
Questo iter garantisce la necessità di concludere con equilibrio la questione della responsabilità dell’ente da reato, da una parte evitando un carico punitivo sproporzionato, dall’altra scongiurando un'eccessiva ampiezza deflattiva. Si dovrebbe, anzi, raggiungere una condizione di certezza applicativa, che possa garantire la pena laddove necessaria e il ripristino della situazione originaria senza “traumi” per la società, ove sia consentito. Concludendo, si sostiene la possibilità di una effettiva attuazione, anche per gli enti, di tutte quelle misure di non punibilità o di premialità valide per le persone fisiche, seppure con i necessari adattamenti.

Indice (COMPLETO)Apri

Bibliografia (ESTRATTO)Apri

Tesi (ESTRATTO)Apri