Cassazione penale Sez. II sentenza n. 25828 del 4 luglio 2007

(3 massime)

(massima n. 1)

La persona offesa del delitto di usura non puō rispondere, in concorso con l'erogatore del prestito usurario, di ricettazione del denaro ricevuto, per l'impossibilitā di individuare nella sua condotta il perseguimento di un ingiusto profitto, elemento finalistico del dolo di ricettazione.

(massima n. 2)

Non č configurabile in capo alla persona offesa del delitto di usura, il concorso con l'autore di tale reato nel delitto di ricettazione avente ad oggetto il denaro del prestito usurario. Nel delitto di ricettazione infatti l'elemento del profitto č connotato del requisito dell'ingiustizia, che richiede un dolo specifico, non ipotizzabile nel caso di vittima di usura che si presta all'eventuale ricettazione. (Mass. redaz.).

(massima n. 3)

Tra l'art. 648 ter c.p. e l'art. 648 c.p. esiste rapporto di specialitā, in quanto tutti gli elementi generali di cui al delitto di ricettazione (art. 648 c.p.) sono previsti anche nel reato di impiego di denaro di provenienza delittuosa (art. 648 ter), il quale contiene in sé un elemento specializzante costituito da un'attivitā ulteriore rispetto alla ricezione del denaro o di altra utilitā e, cioč, dal relativo impiego in attivitā economiche o finanziarie. (Mass. redaz.).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.