Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Dizionario Giuridico

Gestione di affari

Che cosa significa "Gestione di affari"?

Detta anche negotiorum gestio, si ha quanto il gestore assume spontaneamente, senza averne ricevuto incarico dall'interessato, l'amministrazione di uno o più affari patrimoniali altrui (artt. 2028-2032). Si istituisce quindi una relazione di fatto tra i soggetti, cui la legge ricollega determinati effetti giuridici: sorgono obbligazioni, quindi, non da un contratto, ma da un rapporto di fatto.
In generale, si tratta di un'ipotesi di sostituzione di un soggetto nell'attività giuridica altrui, che mira a contemperare due opposte esigenze: da un lato, la tutela della sfera patrimoniale dei singoli da ingerenze altrui; dall'altro, la rilevanza delle situazioni in cui l'ingerenza dei terzi sia riconducibile ai principi di solidarietà e utilità sociale.
La gestione di affari può avere ad oggetto una qualsiasi attività giuridica o materiale, e per aversi devono sussistere i seguenti requisiti:
1) l'absentia domini, ossia l'impedimento dell'interessato;
2) l'utiliter coeptum, cioè la gestione deve essere utilmente iniziata;
3) la mancanza della c.d. prohibitio domini, di un divieto alla gestione da parte del dominus;
4) la spontaneità dell'intervento;
5) animus aliena negotia gerendi, cioè la consapevolezza da parte del gestore che si tratta di un affare altrui, non proprio;
6) la capacità di agire del gestore;
7) la liceità dell'affare gestito.

"Gestione di affari" nelle consulenze legali

Vedi tutte le consulenze

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.