Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 199 Decreto "Rilancio"

(D.L. 19 maggio 2020, n. 34)

Disposizioni in materia di lavoro portuale e di trasporti marittimi

Dispositivo dell'art. 199 Decreto "Rilancio"

1. In considerazione del calo dei traffici nei porti italiani
derivanti dall'emergenza COVID - 19, le Autorita' di sistema portuale
e l'Autorita' portuale di Gioia Tauro, compatibilmente con le proprie
disponibilita' di bilancio e fermo quanto previsto dall'articolo
9-ter del decreto - legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito con
modificazioni dalla legge 16 novembre 2018, n. 130:
a) possono disporre, la riduzione dell'importo dei canoni
concessori di cui all'articolo 36 del codice della navigazione, agli
articoli 16, 17 e 18 della legge 28 gennaio 1994, n. 84 e di quelli
relativi alle concessioni per la gestione di stazioni marittime e
servizi di supporto a passeggeri, dovuti in relazione all'anno 2020
ed ivi compresi quelli previsti dall'articolo 92, comma 2, del
decreto - legge 17 marzo 2020, n. 18, nell'ambito delle risorse
disponibili a legislazione vigente e nel rispetto degli equilibri di
bilancio, allo scopo anche utilizzando il proprio avanzo di
amministrazione; la riduzione di cui alla presente lettera puo'
essere riconosciuta, per i canoni dovuti fino alla data del 31 luglio
2020, in favore dei concessionari che dimostrino di aver subito nel
periodo compreso tra il 1° febbraio 2020 e il 30 giugno 2020, una
diminuzione del fatturato pari o superiore al 20 per cento del
fatturato registrato nel medesimo periodo dell'anno 2019 e, per i
canoni dovuti dal 1° agosto 2020 al 31 dicembre 2020, in favore dei
concessionari che dimostino di aver subito subito, nel periodo
compreso tra il 1° luglio 2020 e il 30 novembre 2020, una diminuzione
del fatturato pari o superiore al 20 per cento del fatturato
registrato nel medesimo periodo dell'anno 2019;
b) sono autorizzate a corrispondere, nell'ambito delle risorse
disponibili a legislazione vigente, al soggetto fornitore di lavoro
portuale di cui all'articolo 17 della legge 28 gennaio 1994, n. 84,
un contributo, nel limite massimo di 2 milioni di euro per l'anno
2020, pari ad euro 60 per ogni dipendente e in relazione a ciascuna
minore giornata di lavoro rispetto al corrispondente mese dell'anno
2019, riconducibile alle mutate condizioni economiche degli scali del
sistema portuale italiano conseguenti all'emergenza COVID -19. Tale
contributo e' erogato dalla stessa Autorita' di sistema portuale o
dall'Autorita' portuale ed e' cumulabile con l'indennita' di mancato
avviamento (IMA) di cui all'articolo 17, comma 15, della legge 28
gennaio 1994, n. 84.
2. In relazione al rilievo esclusivamente locale della fornitura
del lavoro portuale temporaneo e al fine di salvaguardare la
continuita' delle operazioni portuali presso gli scali del sistema
portuale italiano, compromessa dall'emergenza COVID-19, fermo quanto
previsto all'articolo 9-ter del decreto-legge 28 settembre 2018, n.
109, convertito con modificazioni dalla legge 16 novembre 2018, n.
130, le autorizzazioni attualmente in corso, rilasciate ai sensi
dell'articolo 17 della legge 28 gennaio 1994, n. 84, sono prorogate
di due anni.
3. Al fine di ridurre gli effetti economici derivanti dalla
diffusione del COVID-19 e dalle conseguenti misure di prevenzione e
contenimento adottate:
a) la durata delle autorizzazioni rilasciate ai sensi dell'articolo
16 della legge 28 gennaio 1994, n. 84, attualmente in corso o scadute
tra la data del 31 gennaio 2020 e la data di entrata in vigore del
presente decreto, e' prorogata di 12 mesi;
b) la durata delle concessioni rilasciate nei porti ai sensi
dell'articolo 36 del codice della navigazione e dell'articolo 18
delle legge 28 gennaio 1994, n. 84, nonche' delle concessioni per la
gestione di stazioni marittime e servizi di supporto a passeggeri,
attualmente in corso o scadute tra la data del 31 gennaio 2020 e la
data di entrata in vigore del presente decreto, e' prorogata di 12
mesi;
c) la durata delle concessioni per il servizio di rimorchio
rilasciate ai sensi dell'articolo101 del codice della navigazione
attualmente in corso o scadute tra la data del 31 gennaio 2020 e la
data di entrata in vigore del presente decreto, e' prorogata di 12
mesi.
4. La proroga di cui alle lettere a) e b) del comma 3 non si
applica in presenza di procedure di evidenza pubblica relative al
rilascio delle autorizzazioni o delle concessioni previste dagli
articoli 16 e 18 della legge 28 gennaio 1994, n. 84 ovvero
dell'articolo 36 del codice della navigazione, gia' definite con
l'aggiudicazione alla data del 23 febbraio 2020.
5. Fermo quanto previsto dall'articolo 1, comma 107, della legge 28
dicembre 2015, n. 208, l'agevolazione di cui ai commi da 98 a 106 del
medesimo articolo 1 si applica anche ai soggetti operanti nei settori
del magazzinaggio e supporto ai trasporti.
6. Al fine di mitigare gli effetti economici derivanti
dall'emergenza COVID - 19 ed assicurare la continuita' del servizio
di ormeggio nei porti italiani, e' riconosciuto alle societa' di cui
all'articolo 14, comma 1- quinquies, della legge 28 gennaio 1994, n.
84, nel limite complessivo di euro 24 milioni per l'anno 2020, un
indennizzo per le ridotte prestazioni di ormeggio rese da dette
societa' dal 1° febbraio 2020 al 31 dicembre 2020 rispetto ai
corrispondenti mesi dell'anno 2019.
7. Per le finalita' di cui ai commi 1 e 6, e' istituito presso il
Ministero delle infrastrutture e dei trasporti un fondo, con una
dotazione complessiva di euro 30 milioni per l'anno 2020, destinato:
a) nella misura di complessivi euro 6 milioni a finanziare il
riconoscimento dei benefici previsti dal comma 1 da parte delle
Autorita' di sistema portuale o dell'Autorita' portuale di Gioia
Tauro, qualora prive di risorse proprie utilizzabili a tali fini;
b) nella misura di complessivi euro 24 milioni all'erogazione, per
il tramite del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti,
dell'indennizzo di cui al comma 6.
8. Con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti,
adottato entro trenta giorni dall'entrata in vigore del presente
decreto, si procede all'assegnazione delle risorse di cui al comma 7,
nonche' alla determinazione delle quote di avanzo di amministrazione,
eventualmente utilizzabili da ciascuna delle Autorita' di sistema
portuale e delle Autorita' portuali per le finalita' del comma 1,
lettera a), nel limite complessivo di 10 milioni di euro per l'anno
2020.
9. Al fine di far fronte alle fluttuazioni dei traffici portuali
merci e passeggeri riconducibili all'emergenza COVID-19, fino allo
scadere dei sei mesi successivi alla cessazione dello stato
d'emergenza, le Autorita' di sistema portuale e l'Autorita' portuale
di Gioia Tauro possono, con provvedimento motivato, destinare
temporaneamente aree e banchine di competenza a funzioni portuali
diverse da quelle previste nei piani regolatori portuali vigenti.
10. Agli oneri derivanti dal presente articolo pari a 30 milioni di
euro in termini di saldo netto da finanziare e a 40 milioni di euro
in termini di fabbisogno e indebitamento, per l'anno 2020, si
provvede ai sensi dell'articolo 265.


[[Relazione illustrativa
La norma proposta, in considerazione del calo dei traffici nei porti italiani derivanti dall’emergenza COVID – 19, è finalizzata ad introdurre misure di sostegno agli operatori portuali e alle imprese che operano nel settore portuale e marittimo, prevedendo, in particolare, misure a sostegno della operatività degli scali nazionali In particolare, al comma 1, lettera a), si prevede la facoltà per le Autorità di sistema portuale e per l’ Autorità portuale di Gioia Tauro di disporre, fino all’azzeramento, la riduzione dell’importo dei canoni concessori di cui all’articolo 36 del codice della navigazione e agli articoli 16, 17 e 18 della legge 28 gennaio 1994, n. 84 della legge 28 gennaio 1994, n. 84 e di quelli relativi alle concessioni per la gestione di stazioni marittime e servizi di supporto a passeggeri, dovuti in relazione all’anno 2020 ed ivi compresi quelli previsti dall’articolo 92, comma 2, del decreto – legge 17 marzo 2020, n. 18, nell’ambito delle risorse disponibili a legislazione vigente e allo scopo anche utilizzando il proprio avanzo di amministrazione. Tale misura prevede la possibilità per le Autorità di sistema portuale e l’Autorità portuale di Gioia Tauro di accordare delle riduzioni dei canoni concessori sia per le concessioni dei beni demaniali di cui all’articolo 36 del codice della navigazione, sia per le concessioni per i servizi portuali di cui agli articoli 16, 17 e 18 della legge 28 gennaio 1994, n. 84 della legge 28 gennaio 1994, n. 84, sia infine per i canoni relativi alle concessioni per la gestione di stazioni marittime e servizi di supporto a passeggeri. Detta riduzione può essere riconosciuta, per i canoni dovuti fino alla data del 31 luglio 2020, esclusivamente in favore dei concessionari che dimostino di aver subito nel periodo compreso tra il 1° febbraio 2020 e il 30 giugno 2020, una diminuzione del fatturato pari o superiore al 20 per cento del fatturato registrato nel medesimo periodo dell’anno 2019 e, per i canoni dovuti dal 1° agosto 2020 al 31 dicembre 2020, esclusivamente in favore dei concessionari che che dimostino di aver subito subito, nel periodo compreso tra il 1° luglio 2020 e il 30 novembre 2020, una diminuzione del fatturato pari o superiore al 20 per cento del fatturato registrato nel medesimo periodo dell’anno 2019. Al comma 1, lettera b), per salvaguardare la continuità delle operazioni portuali e la fornitura di lavoro temporaneo e far fronte alle alle mutate condizioni economiche degli scali del sistema portuale italiano conseguenti all'emergenza COVID -19 - si prevede la facoltà per le Autorità di sistema portuale di corrispondere, nell'ambito delle risorse disponibili a legislazione vigente e allo scopo anche utilizzando il proprio avanzo di amministrazione, al soggetto fornitore di lavoro temporaneo portualedi cui all’articolo 17 della legge 28 gennaio 1994, n. 84, un contributo, nel limite massimo di 2 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020 e 2021, pari ad euro 60 per ciascuna minore giornata di lavoro rispetto al corrispondente mese dell'anno 2019. Tale contributo è erogato dalla stessa Autorità di sistema portuale o Autorità portuale ed è cumulabile con l'indennità di mancato avviamento (IMA) di cui all’articolo 17, comma 15, della legge 28 gennaio 1994, n. 84. Al comma 2 si prevede, alla luce del carattere esclusivamente locale della fornitura del lavoro portuale temporaneo e al fine di salvaguardare la continuità delle operazioni portuali presso gli scali del sistema portuale italiano, attualmente compromessa dall'emergenza COVID – 19, che le autorizzazioni attualmente in corso, rilasciate ai sensi dell'articolo 17 della legge 28 gennaio 1994, n. 84, siano prorogate di due anni. La disposizione fa salvo quanto previsto all’articolo 9–ter del decreto–legge 28 settembre 2018, n. 109, convertito con modificazioni dalla legge 16 novembre 2018, n. 130, che già prevede tale facoltà per l’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure occidentale gli scali del Sistema portuale del Mar Ligure occidentale, per gli anni 2018, 2019 e 2020. Sempre al fine di contrastare le conseguenze negative derivanti dalla diffusione del COVID – 19 e dalle conseguenti misure di prevenzione e contenimento adottate, al comma 3, lettera a), si prevede che la durata delle autorizzazioni rilasciate ai sensi dell’articolo 16 della legge 28 gennaio 1994, n. 84, attualmente in corso o scadute in data successiva al 30 gennaio 2020, sia prorogata di 12 mesi. Parimenti, al comma 3, lettera b), si prevede che la durata delle concessioni rilasciate in ambito portuale ai sensi dell’articolo 36 del codice della navigazione e dell’articolo 18 della legge 28 gennaio 1994, n. 84, nonché delle concessioni per la gestione di stazioni marittime e servizi di supporto a passeggeri, attualmente in corso o scadute in data successiva al 30 gennaio 2020, è prorogata di 12 mesi. Tali disposizioni estendono di un anno la durata di tutte le concessioni di aree in ambito portuale, sia per il settore passeggeri e merci (il cui flusso ha subito una drastica riduzione, soprattutto nell'ambito crocieristico), sia per il settore della cantieristica navale (settore anch'esso in sofferenza per contrazione dell'economia di mercato), nonché per quelle turistico ricreative, anche per mantenere e/o ristabilire un equilibrio con i piani economico-finanziari che assistono le concessioni in essere. Al comma 3, lettera c) si prevede l’estensione di dodici mesi delle concessioni di rimorchio rilasciate ai sensi dell’articolo 101 del codice della navigazione. Il dispositivo si applica a quelle attualmente in corso o scadute in data successiva al 30 gennaio 2020 e ciò anche in considerazione del fatto che, tra gli elementi da porre a base di gara, c'è il fatturato recente e il numero delle prestazioni eseguite dal concessionario “uscente”. Con la drastica riduzione dei traffici dovuti all’attuale emergenza, rappresenta una criticità per le Autorità marittime, che operano quali stazioni appaltanti, calcolare in modo coerente il fatturato delle società concessionarie che rappresenta uno degli elementi essenziali per l’impostazione della gara e la determinazione dell’offerta. Il comma 4 della disposizione prevede che la proroga disposta dalle lettere a) e b) del comma 3 non si applichi alle procedure di evidenza pubblica relative al rilascio delle autorizzazioni o delle concessioni previste dagli articoli 16 e 18 della legge 28 gennaio 1994, n. 84 ovvero dell’articolo 36 del codice della navigazione, già definite con l’aggiudicazione alla data del 23 febbraio 2020. Al comma 5 si prevede che, fermo quanto previsto dall’articolo 1, comma 107, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, l’agevolazione di cui ai commi da 98 a 106 del medesimo articolo 1, si applica anche ai soggetti operanti nei settori del magazzinaggio e supporto ai trasporti. Tale disposizione si rende necessaria al fine di chiarire che, per ciò che concerne il settore dei trasporti, ai sensi del Regolamento UE 651/2014, si intendono escluse dal credito d’imposta le sole classi di Codice ATECO 49, 50 e 51 della sezione H Trasporto e Magazzinaggio. Si ritiene necessario chiarire che, tra le attività incentivabili all’interno delle Zona Economica Speciale, che hanno come obiettivo fondamentale l’aumento della competitività delle imprese insediate, l’attrazione di investimenti, l’incremento delle esportazioni, la creazione di nuovi posti di lavoro e il più generale impulso alla crescita economica e all’innovazione, sono ricomprese quelle relative al settore della logistica, in particolare quelle classificate con il codice 52. “MAGAZZINAGGIO E ATTIVITÀ DI SUPPORTO AI TRASPORTI”. Al riguardo si evidenzia che il citato Regolamento UE 651/2014 chiarisce che per «settore dei trasporti» si intende: “trasporto di passeggeri per via aerea, marittima, stradale, ferroviaria e per vie navigabili interne o trasporto di merci per conto terzi”. Più in particolare, il «settore dei trasporti» comprende le seguenti attività ai sensi della NACE Rev. 2: a) NACE 49: Trasporto terrestre e trasporto mediante condotte, escluse le attività NACE 49.32 Trasporto con taxi, 49.42 Servizi di trasloco e 49.5 Trasporto mediante condotte; b) NACE 50: Trasporti marittimi e per vie d'acqua; c) NACE 51: Trasporto aereo, esclusa NACE 51.22 Trasporto spaziale. Tale classificazione viene ripresa nel nostro ordinamento dall’ISTAT con ATECO 2007. Con la seguente proposta emendativa, pertanto, si intende chiarire che il codice ATECO “52. MAGAZZINAGGIO E ATTIVITÀ DI SUPPORTO AI TRASPORTI” rientra nell’applicazione dell’agevolazione di cui ai commi da 98 a 106 dell’articolo 1,della citata legge 28 dicembre 2015, n. 208. Il comma 6 prevede, al fine di mitigare le conseguenze economiche derivanti dalla diffusione del COVID – 19 ed assicurare la continuità del servizio di ormeggio nei porti italiani, è riconosciuto alle società di cui all’articolo 14, comma 1- quinquies, della legge 28 gennaio 1994, n. 84, nel limite complessivo di euro 24 milioni per l’anno 2020 e fino ad esaurimento delle risorse stanziate, un indennizzo per le ridotte prestazioni di ormeggio rese da dette società dal 1° febbraio 2020 al 31 dicembre 2020 rispetto ai corrispondenti mesi dell’anno 2019. Per le finalità di cui ai commi 1 e 6, il comma 7 prevede l’istituzione presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti un fondo, con una dotazione complessiva di euro 30 milioni per l’anno 2020, destinato: a) nella misura di complessivi euro 6 milioni a finanziare il riconoscimento dei benefici previsti dal comma 1 da parte delle Autorità di sistema portuale o dell’Autorità portuale di Gioia Tauro, qualora prive di risorse proprie utilizzabili a tali fini; b) nella misura di complessivi euro 24 milioni all’erogazione, per il tramite del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, dell’indennizzo di cui al comma 6. Il comma 8 stabilisce che, con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, adottato entro trenta giorni dall’entrata in vigore del decreto, si procede all’assegnazione delle risorse di cui al comma 7. La disposizione di cui al comma 9 prevede, al fine di far fronte alle fluttuazioni dei traffici portuali merci e passeggeri riconducibili all’emergenza COVID-19, che fino allo scadere dei sei mesi successivi alla cessazione dello stato d’emergenza, le Autorità di sistema portuale e l’Autorità portuale di Gioia Tauro possono, con provvedimento motivato, destinare temporaneamente aree e banchine di competenza a funzioni portuali diverse da quelle previste nei piani regolatori portuali vigenti. La disposizione di cui al comma 10 reca la copertura finanziaria degli oneri di cui al comma 7 che prevede l’istituzione presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti di un fondo, con una dotazione complessiva di euro 34 milioni per l’anno 2020 (nel testo si parla di 30 milioni).]]

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 199 Decreto "Rilancio"

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Sigismondo R. chiede
venerdė 14/08/2020 - Puglia
“Buongiorno, sono il legale rappresentante di una srl sita nel porto di Bari e che svolge attività di rimessaggio imbarcazioni. La società è attiva dal 16 ottobre 2019, data del rilascio della licenza di concessione per cui non può rappresentare il valore del reddito conseguito dal 1° febbraio al 31 luglio 2019. Per tale motivo sembra che l'autorità portuale non riconosca gli estremi per valutare la riduzione del canone concessorio di cui all'art. 199 della legge 17.07.2019 n. 77. Leggo però che nell'art. 25 (contributo a fondo perduto) per le P.Iva che hanno iniziato l’attività dopo il 1° gennaio 2019, il contributo spetta anche in assenza del requisito del calo di fatturato/corrispettivi. Se la ratio della legge è la stessa ritengo che tale concetto sia da applicare anche nel caso dell'art. 199. Attendo vs. considerazioni in merito, grazie.”
Consulenza legale i 26/08/2020
La legge n. 77 del 17.07.2020 (il riferimento al 2019 è sicuramente un errore!) ha convertito, con modificazioni, il Decreto Legge n. 34/2020, c.d. “Decreto Rilancio”.
Il citato decreto ha introdotto una serie di «Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19» a sostegno delle imprese, dei lavoratori autonomi e, in generale, a favore dei cittadini finalizzate, da un lato, a fronteggiare la crisi di liquidità venutasi a determinare a seguito dell’adozione delle misure di contenimento dell’emergenza sanitaria da COVID 19 e, dall’altro, a ristorare i soggetti che svolgono un’attività economica e/o professionale, delle spese, sostenute e che sosterranno, per la realizzazione di interventi imposti dalle prescrizioni sanitarie adottate per contrastare l’emergenza epidemiologica.
Tra queste, rientrano sicuramente tanto quella di cui all’art. 25 del decreto, con cui è stato istituito un contributo a fondo perduto che, come riconosciuto dallo stesso legislatore e dall’Agenzia delle Entrate, che lo ha gestito, rappresenta un’agevolazione avente come finalità quella di compensare, almeno in parte, i gravi effetti economici e finanziari che hanno subito determinate categorie di operatori economici a seguito della pandemia; nonché quella di cui all’art. 199, anch’essa di natura agevolativa ma specificamente destinata a coloro che operano nel comparto dei lavori portuali e dei trasporti marittimi.
Anche in questo caso, la norma trova il suo fondamento nella volontà del legislatore di sopperire in qualche modo e parzialmente al danno economico che questi soggetti hanno subito per effetto del calo dei traffici nei porti italiani, dovuta alla proclamazione dello stato di emergenza per effetto del COVID-19.
Come evidenziato nella relazione illustrativa del decreto la norma è, infatti, finalizzata ad introdurre misure di sostegno a favore degli operatori portuali e delle imprese che operano nel settore portuale e marittimo prevedendo, in particolare, misure a sostegno dell’operatività degli scali nazionali.

È vero che tanto l’art. 25 quanto l’art. 199 prevedono meccanismi di calcolo dell’agevolazione che, in entrambi i casi, sono basati su una comparazione tra il dato relativo al periodo emergenziale, dovuto al COVID-19, ed il dato del corrispondente periodo dell’anno precedente, non interessato dallo stato di emergenza.
In entrambi i casi il riferimento è al fatturato realizzato nei due diversi periodi e tende a remunerare, almeno in parte, la differenza negativa tra il fatturato dell’anno in cui è stato dichiarato lo stato di emergenza e quello dell’anno precedente.

Resta, tuttavia, il fatto che le due norme hanno presupposti oggettivi e soggettivi totalmente diversi e, al di là del riferimento al fatturato, totalmente diversi sono pure i meccanismi applicativi; pertanto, già solo per questo, sarebbe impossibile applicare estensivamente l’una norma all’altra fattispecie.
Occorre, poi, considerare che, in entrambi i casi, si tratta di norme agevolative che, in quanto tali, non sono suscettibili di applicazione analogica.
In tema di analogia, infatti, il riferimento normativo non può che farsi all’art. 12 delle preleggi. In base a tale disposizione, il ricorso all’analogia è ammesso solo nei casi un cui una determinata fattispecie non sia disciplinata da una norma.
In questo caso, infatti, potrà farsi riferimento alla norma sussistente in relazione a fattispecie analoghe, espressamente disciplinate. Condizione necessaria e sufficiente, quindi, per potere fare ricorso all’analogia è la mancanza di una disposizione specifica ossia un vuoto normativo.

Ora è evidente che, in materia di norme agevolative non è rinvenibile un’ipotesi di vuoto normativo proprio in considerazione del fatto che la norma agevolativa costituisce, in genere, una disposizione speciale che, in quanto tale, deroga ad una norma generale e disciplina sempre una fattispecie ben determinata.
Ne deriva che, se anche una determinata fattispecie non fosse presa in considerazione dalla norma agevolativa speciale, non può farsi riferimento ad altra norma agevolativa anch’essa speciale e riferita ad altra specifica fattispecie ma, al contrario e per effetto di quanto sin qui detto, occorrerà fare riferimento alla norma generale.
In definitiva, se una determinata fattispecie non rientra tra quelle contemplate dalla norma agevolativa, che è norma speciale (art. 199), non potrà farsi riferimento, in via analogica, ad altra norma agevolativa/speciale (art. 25), in quanto quest’ultima farà necessariamente riferimento ad altre fattispecie specifica e diversa dalla prima.
Occorrerà, invece, riferirsi alla norma generale.

Pertanto, se il caso prospettato non rientra tra quelli contemplati dall’art. 199, per mancanza di uno dei presupposti individuati dalla norma agevolativa, non potrà farsi riferimento in via analogica all’art. 25, che disciplina altra fattispecie agevolativa e che costituisce legge speciale in riferimento ad altra fattispecie; ma, occorrerà riferirsi alla norma generale che prevede la corresponsione dell’intero canone concessorio, senza alcuna riduzione.