Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 51 Costituzione

Dispositivo dell'art. 51 Costituzione

Tutti i cittadini dell'uno o dell'altro sesso [3] possono accedere agli uffici pubblici e alle cariche elettive in condizioni di eguaglianza (1), secondo i requisiti stabiliti dalla legge [97 ss.] (2). A tale fine la Repubblica promuove con appositi provvedimenti le pari opportunità tra donne e uomini (3) (4).
La legge può, per l'ammissione ai pubblici uffici e alle cariche elettive, parificare ai cittadini gli italiani non appartenenti alla Repubblica.
Chi è chiamato a funzioni pubbliche elettive ha diritto di disporre del tempo necessario al loro adempimento e di conservare il suo posto di lavoro (5).

Note

(1) La disposizione si riferisce sia agli uffici pubblici, ai quali si accede, di regola, per concorso (v. art. 97 Cost.) sia alle cariche elettive. L'eguaglianza in esame indica non solo le medesime possibilità di accesso ma anche lo stesso trattamento (mansioni, retribuzione, trattamento previdenziale ecc.). Uno dei problemi che si pongono in relazione all'eguaglianza in tali ambiti è quello delle discriminazioni tra uomo e donna. Il legislatore ordinario, sulla scorta del dettato costituzionale, ha introdotto varie leggi per eliminare il problema: legge 9 febbraio 1963, n. 66; legge 9 dicembre 1977, n. 903; più recentemente, d.lgs. 11 aprile 2006, n. 196 (Codice delle pari opportunità tra uomo e donna).
(2) In particolare, la legge detta requisiti di eleggibilità sia positivi che negativi. I primi indicano ciò che il soggetto deve possedere per essere eleggibile (ad esempio la cittadinanza italiana, l'età), i secondi ciò che non deve possedere a tale scopo. In relazione a questi ultimi, particolare importanza rivestono le categorie dell'ineleggibilità, dell'incompatibilità e della più recente incandidabilità. L'ineleggibilità indica l'assoluto contrasto tra una carica ed un ufficio ricoperto e se sussiste rende nulla l'elezione. L'incompatibilità impedisce che due cariche possano coesistere nel medesimo soggetto, cui è imposto di scegliere. Con la l. 6 novembre 2012, n. 190, è stata introdotta l'incandidabilità che matura per coloro che riportano condanne definitive per specifici reati o con pene superiori a determinate soglie (su di essa si basa la nota vicenda Berlusconi, decaduto da senatore il 27 novembre 2013). Infine, si consideri che è necessario che il soggetto non sia stato privato del diritto di elettorato attivo perchè in questo caso viene meno anche quello passivo.
(3) Quest'ultimo periodo è stato aggiunto dalla L.Cost. 30 maggio 2003, n. 1.
(4) Anche prima della modifica del 2001 il problema della rappresentanza femminile nelle cariche elettive era sentito e per farvi fronte il legislatore aveva dettato norme che garantivano quote di riserva, vale a dire che nelle liste elettorali sarebbe stato presente un certo numero di candidati donna. Tuttavia la Corte Costituzionale censurò questa pratica ritenendo che essa non avrebbe portato al risultato di parificare l'accesso alle cariche tra uomo e donna bensì a quello di assicurare un certo numero di donne elette. Con la modifica operata dalla citata l. Cost. 30 maggio 2003, n. 1, le eventuali norme che si sostanzino nelle c.d. azioni positive (azioni volte a cancellare la diseguaglianza in determinati settori tra donne e uomini) hanno un fondamento costituzionale. Esempio ne è la l. 8 aprile 2004, n. 90, che ha introdotto le c.d. quote rosa in relazione alle elezioni del Parlamento Europeo.
(5) Lo scopo perseguito da tale ultimo comma è quello di consentire anche a chi non goda di patrimoni ingenti di ricoprire cariche pubbliche, in quanto gli viene garantito il diritto di mantenere il posto di lavoro mediante l'istituto dell'aspettativa (sospensione del rapporto per un periodo durante il quale il soggetto non matura il diritto alla retribuzione). A livello ordinario, la previsione è stata riprodotta dall'art. 31 dello Statuto dei lavoratori (l. 20 maggio 1970, n. 300).

Ratio Legis

L'eguale accesso ai pubblici uffici ed alle cariche elettive è espressione del generale principio di uguaglianza di cui all'art. 3 Cost., cardine di un ordinamento democratico.

Relazione al Progetto della Costituzione

(Relazione del Presidente della Commissione per la Costituzione Meuccio Ruini che accompagna il Progetto di Costituzione della Repubblica italiana, 1947)

51 Non sembra inutile, per l'accesso agli uffici pubblici, il richiamo all'eguaglianza, che trova il suo solo limite naturale nelle attitudini; ed ogni limite deve essere stabilito per legge.

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!