Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 510 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Circostanze aggravanti

Dispositivo dell'art. 510 Codice penale

Quando i fatti preveduti dagli articoli 502 e seguenti sono commessi in tempo di guerra (1), ovvero hanno determinato dimostrazioni, tumulti o sommosse popolari, le pene stabilite negli articoli stessi sono aumentate.

Note

(1) Viene qui presupposto uno stato formale di belligeranza dichiarato oppure un pericolo imminente di guerra, l quale deve poi verificarsi realmente.

Ratio Legis

Il legislatore ha ritenuto che l'ordinamento economico dovesse essere particolarmente tutelato in caso di guerra, di qui l'introduzione di circostanze di carattere oggettivo, speciali, ad efficacia comune.

Spiegazione dell'art. 510 Codice penale

La norma in esame prevede una circostanza aggravante specifica, qualora i fatti di sciopero e serrata siano commessi in tempo di guerra (art. 310), determinando in tal modo un aumento della difficoltà nella gestione della crisi bellica.

La pena è altresì aumentata nel caso in cui lo sciopero o la serrata abbiano causato dimostrazioni, tumulti o sommosse popolari.

La circostanza aggravante in oggetto non ha in pratica mai trovato applicazione, da un lato a causa del riconoscimento costituzionale della libertà di sciopero, e, dall'altro lato, per la difficoltà di riconosce natura causale allo sciopero nei casi in cui avvengano dimostrazioni, tumulti o sommosse popolari.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Delitti contro l'economia pubblica, l'industria e il commercio

    Collana: Trattato di diritto penale
    Pagine: 384
    Data di pubblicazione: marzo 2015
    Prezzo: 56 €

    Un'Italia "premoderna" è quella che appare al lettore del Titolo VIII della parte speciale del codice penale, salvo nelle disposizioni che sono state introdotte negli ultimi tre decenni per contrastare gli abusi di mercato, le infiltrazioni mafiose nell'economia e le violazioni della proprietà industriale e del made in Italy. E la cultura che è sottesa a queste norme è la cultura autoritaria di un regime che rifiuta i principi liberali, che vede nello sciopero e... (continua)