Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 58 bis Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

[Aggiornato al 09/08/2019]

Procedibilitą per i reati commessi col mezzo della stampa

Dispositivo dell'art. 58 bis Codice penale

Se il reato commesso col mezzo della stampa è punibile a querela, istanza o richiesta, anche per la punibilità dei reati preveduti dai tre articoli precedenti è necessaria querela, istanza o richiesta.

La querela, la istanza o la richiesta presentata contro il direttore o il vice-direttore responsabile, l'editore o lo stampatore, ha effetto anche nei confronti dell'autore della pubblicazione per il reato da questo commesso (1).

Non si può procedere per i reati preveduti nei tre articoli precedenti se è necessaria una autorizzazione di procedimento per il reato commesso dall'autore della pubblicazione, fino a quando l'autorizzazione non è concessa. Questa disposizione non si applica se l'autorizzazione è stabilita per le qualità o condizioni personali dell'autore della pubblicazione (2).

Note

(1) Quanto previsto non deve essere inteso come un'applicazione specifica della regola di cui all'art. 123 del c.p., che prevede che la querela presentata contro uno dei concorrenti si estende anche agli altri. Si tratta invece di una disposizione particolare, relativa ad una specifica categoria di reati quali quelli commessi a mezzo stampa.
(2) La norma è stata introdotta dalla legge 4 marzo 1958, n.127 (art.3).

Ratio Legis

La norma trova la propria ratio nelle previsioni degli articoli precedenti che trattano, con una disciplina peculiare, i reati commessi a mezzo stampa.

Spiegazione dell'art. 58 bis Codice penale

La norma in oggetto chiarisce le condizioni di procedibilità per i reati commessi a mezzo stampa, disponendo che per essi valgono le regole previste per il reato commesso.

Inoltre, quando la querela, l'istanza o la richiesta sono presentate nei confronti del direttore, del vice-direttore, dell'editore o dello stampatore, queste hanno effetto anche nei confronti dell'autore della pubblicazione per il reato da questo commesso.

Quando per i reati per cui si procede è richiesta una autorizzazione ex art. 313, non si può procedere finchè essa non viene concessa. L'autorizzazione, solitamente, è richiesta per reati che attingono diritti politici o che offendono personalità politiche dello Stato italiano o di uno Stato estero.


Massime relative all'art. 58 bis Codice penale

Cass. pen. n. 4595/2000

n tema di diffamazione a mezzo stampa, la querela a carico del giornalista non si estende al direttore del giornale, ai sensi dell'art. 123 c.p., atteso che tale norma prevede l'estensione a tutti coloro che sono individuabili come autori del medesimo reato, mentre l'omesso controllo sulla pubblicazione di un articolo offensivo, costituisce reato distinto dalla diffamazione e considerato che l'art. 58 bis c.p., che prevede che la querela proposta contro il direttore abbia effetto anche nei confronti dell'autore dello scritto, ha natura eccezionale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Dall'«utile» al «giusto». Il futuro dell'illecito dell'ente da reato nello 'spazio globale'

    Editore: Giappichelli
    Collana: Processo penale e politica criminale
    Data di pubblicazione: aprile 2018
    Prezzo: 28,00 -5% 26,60 €
    Lo scopo del volume risiede nella ricerca delle ragioni che ostacolano la piena affermazione dell'illecito dell'ente da reato e delle possibili soluzioni, in particolare nella prospettiva di un'armonizzazione della relativa disciplina su scala globale. La quale non può concepirsi con approccio miope nel concluso e ristretto giardino dei singoli Stati; ma in un'ottica globalizzata che garantisca la circolazione di parametri comuni di responsabilità in grado di favorire scambi... (continua)