Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 153 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 28/02/2020]

Notificazioni e comunicazioni al pubblico ministero

Dispositivo dell'art. 153 Codice di procedura penale

1. Le notificazioni al pubblico ministero sono eseguite, anche direttamente dalle parti o dai difensori, mediante consegna di copia dell'atto nella segreteria. Il pubblico ufficiale addetto annota sull'originale e sulla copia dell'atto le generalità di chi ha eseguito la consegna e la data in cui questa è avvenuta.

2. Le comunicazioni di atti e provvedimenti del giudice al pubblico ministero sono eseguite a cura della cancelleria nello stesso modo, salvo che il pubblico ministero prenda visione dell'atto sottoscrivendolo. Il pubblico ufficiale addetto annota sull'originale dell'atto la eseguita consegna e la data in cui questa è avvenuta.

Ratio Legis

Unitamente a quanto dispone l'art. 151, che attribuisce alla segreteria del pubblico ministero una funzione atipica di organo notificatore, consentendo così la consegna di copia dell'atto all'interessato, la disposizione in esame riconosce a questa anche le funzioni di destinatario.

Spiegazione dell'art. 153 Codice di procedura penale

Premesso che le disposizione in esame, relativa alle notificazioni ed alle comunicazioni al pubblico ministero, non risolve la questione circa l'autonomia concettuale delle comunicazioni, relative solo ad atti del giudice, la presenza di queste ultime all'interno del modello accusatorio si giustifica con il fatto che il p.m. è essenzialmente un organo pubblico, per il quale non si delineano profili di irreperibilità.

Diversamente dagli atti provenienti dalle parti o dai difensori, i quali vanno notificati al pubblico ministero, quelli del giudice vanno invece comunicati dal cancelliere personalmente, a mezzo posta o tramite ufficiale giudiziario. Tuttavia si ricordi che nella prassi giudiziaria a tali formali comunicazioni si sostituiscono le c.d. annotazioni per presa visione o per presa visione e ricevuta copia, preferite per la loro natura semplificata.

Ad ogni modo, il legislatore consente alle parti ed ai difensori di eseguire direttamente le notificazioni mediante consegna di copia dell'atto nella segreteria del pubblico ministero. Per quanto riguarda invece le comunicazioni, in chiara ottica antiformalistica, si equipara la consegna della copia in segreteria alla diretta presa visione dell'atto da parte del pubblico ministero seguita da sottoscrizione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Il «render noto» nel processo penale

    Editore: Giuffrè
    Collana: Studi di diritto processuale penale
    Pagine: 372
    Data di pubblicazione: giugno 2012
    Prezzo: 40,00 -5% 38,00 €
    Categorie: Notifiche

    L'istituto delle notificazioni, che nel passaggio dall'ignoto al noto ricerca l'obiettivo di rendere pubblicità al singolo di un atto interno al processo, non sempre assicura la presenza dell'imputato al processo, non garantendo la sua autodifesa. Il rito degli irreperibili, non superato dalle norme sul c.d. giusto processo, reca il segno della contraddizione del sistema, di un processo penale celebrato al di fuori della partecipazione dell'imputato, e senza che ciò risalga... (continua)

  • Notificazioni e processo senza imputato. Vizi e difetti della comunicazione nel procedimento penale

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria e pratica del diritto. Maior
    Data di pubblicazione: giugno 2015
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €
    Categorie: Notifiche

    Il volume analizza i meccanismi di comunicazione nel procedimento penale, con particolare riguardo all'istituto delle notificazioni, includendone le nuove forme (tra cui quella telematica). La trattazione non può prescindere dall'analisi della l. n. 67/2014, che suscita delicate criticità interpretative dovute, da un lato, alla necessità di superare l'istituto della contumacia, virando verso la conoscenza effettiva della vocatio in iudicium senza però,... (continua)