Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 376 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 30/10/2020]

Accompagnamento coattivo per procedere a interrogatorio o a confronto

Dispositivo dell'art. 376 Codice di procedura penale

1. Quando si tratta di procedere ad atti di interrogatorio [65, 375] o confronto, l'accompagnamento coattivo è disposto dal pubblico ministero su autorizzazione del giudice [132](1).

Note

(1) Nel caso in cui non si tratti di interrogatorio o confronto e la persona sottoposta ad indagine non si presenta senza addurre un legittimo impedimento, l'accompagnamento coattivo è disposto direttamente dal P.M. ai sensi dell'art. 375.

Ratio Legis

Il giudice per le indagini preliminari non ha potere di conduzione dell'inchiesta, in quanto la sua posizione all'interno del procedimento si spiega in un'ottica garantista, diretta quindi a tutelare alcuni diritti fondamentali dell'individuo.

Spiegazione dell'art. 376 Codice di procedura penale

Per qualsiasi atto che richiede la presenza della persona ad indagini (interrogatorio, confronto, individuazione ecc.), il pubblico ministero deve notificare un invito a presentarsi (v. art. 375).

Tale provvedimento deve contenere gli elementi elencati dal comma 2, soprattutto per quanto concerne la possibilità che il pubblico ministero, in caso di inottemperanza all'invito a presentarsi, disponga l'accompagnamento coattivo, a meno che non sia addotto un legittimo impedimento.

Nel caso in cui l'atto consista in un interrogatorio o in un confronto, l'accompagnamento coattivo da disporsi in caso di mancata presentazione va disposto dal pubblico ministero, previa autorizzazione del giudice per le indagini preliminari, il quale ne valuta dunque l'ammissibilità e la praticabilità.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

Testi per approfondire questo articolo

  • Rapporti tra Pubblico Ministero, polizia giudiziaria e difensore nelle indagini preliminari

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica diritto. Penale e process.
    Data di pubblicazione: settembre 2013
    Prezzo: 27,00 -5% 25,65 €

    L'opera, arricchita dai più recenti riferimenti normativi e giurisprudenziali, presenta un quadro preciso e completo dei vari soggetti coinvolti nell'azione penale, delineando un impianto in forte sinergia, secondo il rispetto dei principi dell'obbligatorietà dell'azione penale, della disponibilità diretta e dipendenza funzionale della Polizia Giudiziaria nei confronti dell'Autorità Giudiziaria e dedicando ampia disamina anche al ruolo del difensore, parte in... (continua)