Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 367 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Memorie e richieste dei difensori

Dispositivo dell'art. 367 Codice di procedura penale

1. Nel corso delle indagini preliminari, i difensori hanno facoltà di presentare memorie [121] e richieste scritte al pubblico ministero (1).

Note

(1) Si ricordi che è possibile presentare memorie e richieste anche al giudice ex art. 121.

Ratio Legis

Si tratta di una delle modalità di esplicazione del diritto dell'indagato alla difesa tecnica durante la fase delle indagini preliminari.

Spiegazione dell'art. 367 Codice di procedura penale

La norma in oggetto, al fine di permettere una efficace attività difensiva, permette al difensore di presentare memorie e richieste al pubblico ministero. Ciò consente una certa collaborazione con l'organo inquirente, soprattutto in ottica preventiva.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • La ricostruzione del fatto nelle investigazioni penali

    Editore: CEDAM
    Collana: Problemi attuali della giustizia penale
    Pagine: 268
    Data di pubblicazione: giugno 2012
    Prezzo: 24,00 -5% 22,80 €

    La fase investigativa risulta, oggi, sempre più rilevante per la ricostruzione del fatto; anche perché le nuove tecnologie, messe a disposizione dalla scienza, hanno radicalmente trasformato l’accertamento giudiziario, incrementando le possibilità di sviluppare le indagini. Queste, oramai, da un atto iniziale, progrediscono continuamente, e consentono di ricercare, acquisire, far interagire nuove conoscenze che incidono sulla dinamica investigativa, modificandone... (continua)