Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 726 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Domanda per dichiarazione di morte presunta

Dispositivo dell'art. 726 Codice di procedura civile

La domanda per dichiarazione di morte presunta (1) si propone con ricorso [disp. att. 190] (2), nel quale debbono essere indicati il nome, cognome e domicilio dei presunti successori legittimi dello scomparso e, se esistono, del suo procuratore o rappresentante legale e di tutte le altre persone, che, a notizia del ricorrente, perderebbero diritti o sarebbero gravate da obbligazioni, per effetto della morte dello scomparso (3) (4).

Note

(1) La dichiarazione di morte presunta di un soggetto può essere richiesta se sono trascorsi dieci anni dal giorno in cui si è avuta l'ultima notizia dell'assente ai sensi dell'art. 58 del c.c. o anche nei casi in cui sia molto probabile che il soggetto sia deceduto e nei quali la legge prevede un periodo minore di tempo per la concessione del provvedimento richiesto, ad esempio nel caso in cui il soggetto sia scomparso in operazioni belliche è sufficiente che siano trascorsi tre anni dalla fine delle ostilità, o quando il soggetto sia stato fatto prigioniero del nemico è sufficiente che siano trascorsi due anni dall'entrata in vigore del trattato di pace. Inoltre, la dichiarazione di morte presunta non richiede la preventiva dichiarazione di assenza.
(2) Anche in tal caso la competenza spetta al Tribunale ordinario del luogo dell'ultimo domicilio o residenza dell'assente, il procedimento si svolge secondo le forme del rito camerale e si conclude con un provvedimento definitivo che assume la forma di sentenza.
(3) I soggetti legittimati a proporre il ricorso sono il pubblico ministero e tutti coloro che potrebbero chiedere l'immissione nel possesso dei beni dell'assente.
(4) Nel ricorso vanno indicati il nome, il cognome e il domicilio dei presunti eredi dello scomparso, del suo procuratore o rappresentante legale, se esistenti, e di tutte le altre persone che perderebbero diritti o sarebbero gravate da obbligazioni per effetto della morte della persona scomparsa. Inoltre, devono essere allegati i documenti comprovanti lo stato di famiglia, il fatto e il tempo della scomparsa.

Massime relative all'art. 726 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 1588/1962

A norma del combinato disposto degli artt. 48 e 58 c.c., competente a dichiarare la morte presunta è il tribunale dell'ultimo domicilio o dell'ultima residenza dello scomparso. Poiché per «tribunale dell'ultimo domicilio o dell'ultima residenza» deve intendersi quello dell'ultimo domicilio o dell'ultima residenza dello scomparso nel territorio della repubblica, ove questi luoghi non siano conosciuti, la competenza a pronunziare la dichiarazione di morte presunta spetta, in analogia a quanto dispone l'art. 18 c.p.c., al tribunale del luogo in cui risiede colui che ha chiesto tale dichiarazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!