Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 15 Codice della strada

(D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285)

Atti vietati

Dispositivo dell'art. 15 Codice della strada

1. Su tutte le strade e loro pertinenze è vietato:

  1. a) danneggiare in qualsiasi modo le opere, le piantagioni e gli impianti che ad esse appartengono, alterarne la forma ed invadere od occupare la piattaforma e le pertinenze o creare comunque stati di pericolo per la circolazione;
  2. b) danneggiare, spostare, rimuovere o imbrattare la segnaletica stradale ed ogni altro manufatto ad essa attinente;
  3. c) impedire il libero deflusso delle acque nei fossi laterali e nelle relative opere di raccolta e di scarico;
  4. d) impedire il libero deflusso delle acque che si scaricano sui terreni sottostanti;
  5. e) far circolare bestiame, fatta eccezione per quelle locali con l'osservanza delle norme previste sulla conduzione degli animali;
  6. f) depositare rifiuti o materie di qualsiasi specie, insudiciare e imbrattare comunque la strada e le sue pertinenze; 1
  7. f-bis) insozzare la strada o le sue pertinenze gettando rifiuti o oggetti dai veicoli in sosta o in movimento; 2
  8. g) apportare o spargere fango o detriti anche a mezzo delle ruote dei veicoli provenienti da accessi e diramazioni;
  9. h) scaricare, senza regolare concessione, nei fossi e nelle cunette materiali o cose di qualsiasi genere o incanalare in essi acque di qualunque natura;
  10. i) gettare dai veicoli in movimento qualsiasi cosa.

2. Chiunque viola uno dei divieti di cui al comma 1, lettere a), b) e g), è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 42 a € 173.

3. Chiunque viola uno dei divieti di cui al comma 1, lettere c), d), e), f), h) ed i), è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da € 26 a € 102.

3-bis. Chiunque viola il divieto di cui al comma 1, lettera f-bis), è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 108 a € 434. 3

4. Dalle violazioni di cui ai commi 2, 3 e 3-bis consegue la sanzione amministrativa accessoria dell'obbligo per l'autore della violazione stessa del ripristino dei luoghi a proprie spese, secondo le norme del capo I, sezione II, del titolo VI. 4

Note

(1) Lettera modificata dalla legge 29 luglio 2010 n.120
(2) Lettera inserita dalla legge 29 luglio 2010 n.120
(3) Comma inserito dalla legge 29 luglio 2010 n.120
(4) Comma modificato dalla legge 29 luglio 2010 n.120

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Cenni sulle sanzioni del codice della strada

    Editore: Egaf
    Collana: In breve
    Pagine: 208
    Data di pubblicazione: giugno 2016
    Prezzo: 16 €
    Le procedure del regime sanzionatorio del Codice della strada si discostano da quelle ordinarie previste dalla legge 24.11.1981, n. 689 che costituisce la base per gli illeciti amministrativi. Proprio per la tipicità di tali sanzioni è necessaria una conoscenza dei principi che regolano il settore con l'analisi delle specifiche problematiche. Questa pubblicazione è propedeutica allo svolgimento dell'attività del servizio di polizia stradale per la cui... (continua)