Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 54 Codice dei beni culturali e del paesaggio

(D.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42)

[Aggiornato al 29/04/2022]

Beni inalienabili

Dispositivo dell'art. 54 Codice dei beni culturali e del paesaggio

1. Sono inalienabili i beni del demanio culturale di seguito indicati:

  1. a) gli immobili e le aree di interesse archeologico;
  2. b) gli immobili dichiarati monumenti nazionali a termini della normativa all'epoca vigente;
  3. c) le raccolte di musei, pinacoteche, gallerie e biblioteche;
  4. d) gli archivi;
  5. d-bis) gli immobili dichiarati di interesse particolarmente importante ai sensi dell'articolo 10, comma 3, lettera d);
  6. d-ter) le cose mobili che siano opera di autore vivente o la cui esecuzione non risalga ad oltre settanta anni, se incluse in raccolte appartenenti ai soggetti di cui all'articolo 53.

2. Sono altresì inalienabili:

  1. a) le cose appartenenti ai soggetti indicati all'articolo 10, comma 1, che siano opera di autore non più vivente e la cui esecuzione risalga ad oltre settanta anni, fino alla conclusione del procedimento di verifica previsto dall'articolo 12. Se il procedimento si conclude con esito negativo, le cose medesime sono liberamente alienabili, ai fini del presente codice, ai sensi dell'articolo 12, commi 4, 5 e 6 ;
  2. [b) le cose mobili che siano opera di autore vivente o la cui esecuzione non risalga ad oltre cinquanta anni, se incluse in raccolte appartenenti ai soggetti di cui all'articolo 53;](1)
  3. c) i singoli documenti appartenenti ai soggetti di cui all'articolo 53, nonché gli archivi e i singoli documenti di enti ed istituti pubblici diversi da quelli indicati al medesimo articolo 53;
  4. [d) le cose immobili appartenenti ai soggetti di cui all'articolo 53 dichiarate di interesse particolarmente importante, ai sensi dell'articolo 10, comma 3, lettera d);](1)

3. I beni e le cose di cui ai commi 1 e 2 possono essere oggetto di trasferimento tra lo Stato, le regioni e gli altri enti pubblici territoriali. Qualora si tratti di beni o cose non in consegna al Ministero, del trasferimento è data preventiva comunicazione al Ministero medesimo per le finalità di cui agli articoli 18 e 19.

4. I beni e le cose indicati ai commi 1 e 2 possono essere utilizzati esclusivamente secondo le modalità e per i fini previsti dal Titolo II della presente Parte.

Note

(1) Lettera abrogata dal D.Lgs. 26 marzo 2008, n. 62.

Massime relative all'art. 54 Codice dei beni culturali e del paesaggio

C. Conti n. 113/2014

Tra le norme in materia di valorizzazione del patrimonio pubblico, rientrano anche quelle sull'attribuzione agli enti territoriali di beni immobili a titolo non oneroso (D.Lgs. n. 85 del 2010 e art. 56-bis, L. n. 98 del 2013). Con riferimento specifico ai beni culturali, già prima dell'avvio del "federalismo demaniale", era prevista analoga possibilità. In particolare, l'art. 54, comma 3, D.Lgs. n. 42 del 2004, stabilisce che i beni del demanio culturale "possono essere oggetto di trasferimento tra lo Stato, le regioni e gli altri enti pubblici territoriali" (quindi anche province/comuni). La norma non specifica la natura onerosa o gratuita del trasferimento, ma in assenza d'indicazioni legislative, si ritiene che il trasferimento possa avvenire anche a titolo gratuito, con congrua motivazione. L'intera normativa indicata è funzionale non solo a un migliore utilizzo del patrimonio pubblico (anche di rilevanza culturale), ma anche a un'effettiva attuazione del principio di sussidiarietà di cui all'art. 118 Cost. Nessun ostacolo è frapposto al trasferimento gratuito in argomento dall'art. 12, L. n. 111 del 2011 (che per gli enti pubblici ha limitato, in generale, solo acquisti e vendite a titolo oneroso), anche in virtù della specialità dell'art. 54 citato. Ciò premesso, in linea di massima, si ritiene legittimo il trasferimento, a titolo gratuito, previa apposita convenzione, di beni di rilevanza culturale da una Provincia a un Comune. È necessario però che tale trasferimento, congruamente motivato, non determini la perdita di demanialità del bene e che sia conservata la destinazione culturale del bene stesso. In varie occasioni, con alcune cautele, la Corte dei Conti si è espressa in senso favorevole all'attribuzione gratuita a terzi (anche soggetti privati) di beni pubblici se tale attribuzione era finalizzata al soddisfacimento di un adeguato interesse per la collettività insediata sul territorio. Negli atti di trasferimento occorrerà evidenziare adeguatamente le motivazioni e le finalità pubblicistiche perseguite. Si precisa, infine, che non costituisce ostacolo al trasferimento in argomento l'inalienabilità dei beni demaniali (art. 823 c.c.): è infatti generalmente ammesso il trasferimento di un bene demaniale da un ente pubblico territoriale ad un altro ente pubblico territoriale, purché non venga meno la demanialità del bene trasferito. È legittimo il trasferimento a titolo gratuito, effettuato sulla base di un'apposita convenzione, di cespiti immobiliari fra enti territoriali; ciò purché esso venga adeguatamente motivato, non determini la perdita della demanialità del bene e ne sia inoltre conservata, con riferimento al caso specifico, la destinazione culturale. La legittimazione è infatti fornita, in tale ambito, dall'art. 54, c. 3, D.Lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, mentre ulteriori disposizioni in tema di valorizzazione del patrimonio pubblico in generale - quali l'art. 56-bis della legge 9 agosto 2013, n. 98, di conversione del D.L. 21 giugno 2013, n. 69, nonché lo stesso D.Lgs. 28 maggio 2010, n. 85, relativo al federalismo demaniale - si pongono nella stessa ottica.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto