Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1060 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 31/08/2021]

Servitù costituite dal nudo proprietario

Dispositivo dell'art. 1060 Codice Civile

Il proprietario può, senza il consenso dell'usufruttuario, imporre sul fondo le servitù che non pregiudicano il diritto di usufrutto [1078](1).

Note

(1) Tale disposizione si può applicare per analogia anche al diritto di superficie (artt. 952 ss. c.c.).

Spiegazione dell'art. 1060 Codice Civile

Imposizione di servitù da parte del proprietario su fondo in usufrutto

Il principio era identico già nel codice abrogato (art. 635): usufrutto e proprietà stanno in tale rapporto che rappresentano ognuno un grado di disponibilità della cosa, il confine è segnato dalla linea oltre la quale sorgerebbe un conflitto fra le due disponibilità. Ma dove la disposizione da una parte non intacca la disponibilità dalla parte opposta, è lecita ed attuabile. L'usufruttuario ha l'interesse, tutelato esclusivamente per lui, di godere il fondo in tutte le utilità che può dare: ma se il fondo, offrendo all'usufruttuario tutte le proprie utilità, può riservare qualche utile ad altri, che non diminuisca il godimento del primo, per questa parte può essere fatto oggetto di una servitù ad opera del proprietario. Il limite di questa possibilità è che il godimento dell'usufruttuario non venga menomato: così, per es., una servitù di prospetto potrà essere concessa dal proprietario sul fondo in usufrutto, quando l'usufruttuario non ne soffre pregiudizio in quanto non può costruire, dovendo conservare una destinazione economica che consente il prospetto a favore di un terzo senza diminuzione del godimento consentito all'usufruttuario.


Consenso dell'usufruttuario per le servitù che menomano il godimento

Il nuovo codice non riproduce la disposizione del codice precedente (art. 635), secondo la quale col consenso dell'usufruttuario potevano essere imposte anche servitù menomatrici del suo godimento. Come fu rilevato dalla Commissione Reale (Rel., pag. 89), una tale dichiarazione, nel sistema di oggi, è del tutto superflua: pertanto è caduta la lettera, ma il principio è rimasto.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto