Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1045 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Utilizzazione di fogne o di fossi altrui

Dispositivo dell'art. 1045 Codice civile

I proprietari dei fondi attraversati da fogne o da fossi altrui, o che altrimenti possono approfittare dei lavori fatti in forza dell'articolo precedente, hanno facoltà di servirsene per risanare i loro fondi (1), a condizione che non ne venga danno ai fondi già risanati e che essi sopportino le nuove spese occorrenti per modificare le opere già eseguite, affinché queste siano in grado di servire anche ai fondi attraversati, e inoltre sopportino una parte proporzionale delle spese già fatte e di quelle richieste per il mantenimento delle opere, le quali divengono comuni (2).

Note

(1) Per risanamento dei fondi il legislatore intende riferirsi non solo alla bonifica ma anche alle integrali migliorie dei fondi non fertili.
(2) I costi vengono divisi a seconda del vantaggio che ogni titolare ricava dalla bonifica.

Spiegazione dell'art. 1045 Codice civile

Facoltà di utilizzare fogne e fossi altrui

Con questa norma, che è perfettamente corrispondente a quella contenuta nell'art. 610 del codice del 1865, si vuole rendere agevole e il meno dispendioso possibile il risanamento dei fondi. A tal fine, si dà ai proprietari dei fondi la facoltà di servirsi delle fogne e delle fosse altrui.

Detta facoltà è concessa nei riguardi delle fogne e dei fossi, non nei riguardi degli acquedotti. Essa spetta a condizione che si debba fare uso delle fogne e dei fossi altrui per risanare i propri fondi, pertanto ogni altro scopo non sarebbe sufficiente.

Possono avvalersi della facoltà in parola anzitutto i proprietari dei fondi attraversati dalle fogne e dai fossi, ossia coloro che sono costretti a subire la servitù di scolo, di cui all'art. 1043. Inoltre possono giovarsene coloro che comunque sono in grado di approfittare dei lavori fatti in forza dell'art. [[n1044cc ]], ossia i proprietari dei fondi non attraversati ma contigui o vicini agli attraversati, e persino i proprietari dei fondi vicini a quelli prosciugati, purché di fatto siano in condizione di servirsi delle opere già fatte.


Condizione negativa

L'esercizio della facoltà di servirsi di fossi e fogne altrui è subordinata ad una condizione negativa: bisogna che non ne venga danno ai fondi già risanati. Ciò si giustifica facilmente se si tiene presente la finalità della norma, che è quella di agevolare il prosciugamento e la bonifica dei fondi. Ora tale finalità sarebbe frustrata, se, per estendere ad altri fondi il vantaggio delle opere compiute, si recasse danno a quelli già risanati.


Ripartizione delle spese

Un ingiustificato arricchimento, o per lo meno un ingiusto vantaggio, verrebbe a coloro che chiedono di servirsi delle fogne o dei fossi altrui per risanare i loro fondi se non dovessero sopportare una parte delle spese fatte per la creazione delle opere di cui vogliono servirsi e di quelle necessarie pel mantenimento delle medesime.

Equa è, pertanto, la disposizione che pone a carico dei proprietari dei fondi attraversati, o di coloro che possono altrimenti utilizzare lavori fatti, l'onere della sopportazione di una parte delle spese che furono necessarie per l’ instaurazione delle opere, nonché di quelle necessarie, via via, per il mantenimento delle opere medesime. La ripartizione delle spese è, naturalmente, fatta in proporzione dei rispettivi vantaggi che si traggono. In caso di contrasto, deciderà l'autorità giudiziaria.

Può accadere, inoltre, che occorrono nuove spese per rendere le opere, già eseguite, capaci di essere utilizzate per il risanamento degli altri fondi. Queste nuove spese sono tutte a carico di coloro che chiedono di approfittare delle fogne e dei fossi altrui.

Qui si restringe la portata della disposizione alle spese occorrenti per modificare le opere già eseguite, affinché queste siano in grado di servire, anche ai fondi attraversati. Si ha riguardo cosi ai soli proprietari dei fondi attraversati, mentre, nel principio della norma, si considerano anche i proprietari che altrimenti possono approfittare dei lavori fatti in forza dell'art. 1044: in tal modo sembra escludersi che a vantaggio di questi ultimi si possano avere spese necessarie per modificare le opere esistenti. Ma se il legislatore, contemplando l'id quod plaerumque accidit, ha avuto riguardo all'ipotesi normale della necessità di nuove spese per l'adattamento delle opere (già eseguite) a vantaggio dei proprietari dei fondi attraversati, non è da negare la possibilità che tali nuove spese ricorrano, in un'ipotesi concreta, per rendere adatte le opere (già esistenti) all'utilizzazione da parte dei proprietari dei fondi contigui e vicini. In tal caso, questi hanno pur diritto al compimento delle modifiche, sopportandone le spese. Si tratta di una interpretazione estensiva della norma.


Comunione delle opere

Notevole è il mutamento nella situazione di diritto reale, che ha luogo in forza di questa norma. Le opere, siano o meno modificate, diventano comuni. Tale costi tuzione della comunione ha luogo, naturalmente, a condizione che si eserciti dai proprietari dei fondi attraversati o contigui la facoltà di utilizzare le opere esistenti. Altrimenti vi e solo una servitù a carico dei proprietari dei fondi attraversati (art. 1044 del c.c.). La comunione è limitata alle opere: il suolo e il sottosuolo non diventano comuni. Essa nasce con la convenzione, con cui si raggiunge l'accordo sull'esistenza degli estremi richiesti dalla legge e sulla ripartizione delle spese. In caso di dissidio, è la sentenza che costituisce la comunione. È superfluo dire che la comunione sorge per quote proporzionali ai rispettivi vantaggi: gli oneri, per conseguenza, sono e saranno rispondenti alle quote.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Le servitù di passaggio

    Editore: Giuffrè
    Collana: Scenari. Nuova serie
    Data di pubblicazione: settembre 2012
    Prezzo: 34,00 -5% 32,30 €
    Categorie: Servitù

    Servitù di passaggio ovvero diritto di transitare nella proprietà altrui per poter utilizzare o godere al meglio del proprio fondo. La servitù è un diritto reale di godimento su cosa altrui. Come distinguere una servitù da una così detta servitù irregolare? Quando la servitù può dirsi volontaria e quando coattiva? Che cosa significa utilitas? Qual è l'impatto della mediaconciliazione sul procedimento giudiziario di... (continua)

  • Le servitù prediali

    Editore: Giuffrè
    Collana: Trattati
    Data di pubblicazione: aprile 2013
    Prezzo: 85,00 -5% 80,75 €
    Categorie: Servitù

    L'opera affronta in modo completo e approfondito la tematica delle servitù prediali, tenendo conto della dottrina più attuale ed autorevole, nonché degli orientamenti giurisprudenziali più significativi e recenti. Dopo un inquadramento dell'istituto, la trattazione si sofferma sui principi generali della materia per poi analizzare nel dettaglio le diverse figure, quali: le servitù coattive, volontarie, acquistate per usucapione, le servitù di... (continua)

  • Le servitù prediali

    Editore: CEDAM
    Collana: Il giurista europeo
    Data di pubblicazione: dicembre 2007
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €
    Categorie: Servitù
  • Uso, abitazione e servitù irregolari

    Editore: Zanichelli
    Collana: Strumenti del diritto
    Pagine: 632
    Data di pubblicazione: dicembre 2012
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €

    I diritti di uso e di abitazione si rivelano strumenti utili per i privati, nonché per il legislatore e per la giurisprudenza che ne hanno ampliato notevolmente l'ambito di applicazione: si è risposto così non solo a questioni di diritto immobiliare (si pensi al diritto di uso delle aree a parcheggio), ma anche di diritto di famiglia e delle successioni (come nel caso dei diritti di uso e abitazione in capo al coniuge superstite e per alcuni dell'assegnazione della... (continua)

  • Proprietà e diritti reali
    Azioni petitorie. Servitù. Possesso. Usucapione. Azione possessorie

    Collana: Il diritto privato nella giurisprudenza
    Pagine: 752
    Data di pubblicazione: aprile 2012
    Prezzo: 75,00 -5% 71,25 €

    L’opera, in 3 volumi, commenta tutta la disciplina in tema di proprietà: i singoli volumi, attraverso il raffronto analitico della giurisprudenza e della dottrina maggiormente accreditata, trattano gli istituti del corpus normativo codicistico, sia per quanto riguarda la parte sostanziale che quella processuale e previdenziale.

    Nel terzo ed ultimo volume si analizza in maniera completa ed approfondita gli istituti della prelazione, dei procedimenti ablatori,... (continua)