Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1036 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 31/08/2021]

Attraversamento dei fiumi o di strade

Dispositivo dell'art. 1036 Codice Civile

Se per la condotta delle acque occorre attraversare strade pubbliche o corsi di acque pubbliche, si osservano le leggi e i regolamenti sulle strade e sulle acque [1046](1).

Note

(1) L'immissione dell'acquedotto nella strada o nel corso d'acqua pubblica è possibile per il privato cittadino esclusivamente in ragione di un provvedimento amministrativo. Essa soggiace, pertanto, al potere discrezionale della P.A.

Ratio Legis

Il diritto di cui il privato diviene titolare nei confronti della P.A. sarebbe un diritto di servitù affievolito, in quanto subordinato agli interessi a cui serve il bene demaniale.

Spiegazione dell'art. 1036 Codice Civile

Attraversamento di strade pubbliche e di corsi di acque pubbliche

Con questa norma — corrispondente a quella contenuta nell’ art. 601 del vecchio codice — per le strade, i fiumi e, in genere, i corsi di acque pubbliche, si rinvia alle leggi e ai regolamenti sulle strade e sulle acque.

Questo rinvio è opportuno, poichè una disciplina fissata nel codice avrebbe richiesto una serie di articoli, e avrebbe avuto l'inconveniente di cristallizzare una materia, il cui regolamento, affidato alle leggi speciali, può mutare secondo le necessità.

È da porsi però una questione di preliminare e fondamentale importanza: vi è un diritto del privato all'acquedotto coattivo pur sulle strade e acque pubbliche, con la conseguente possibilità di ottenere la costituzione dell'acquedotto mediante sentenza dell'autorità giudiziaria? La risposta si deve trarre dalle leggi speciali cui il codice rinvia. Non si può vedere nella norma in esame un riconoscimento del diritto, infatti in essa si considera semplicemente la materia e si rinvia alla legislazione speciale. Orbene, da questa allora non può che trarsi una risposta negativa. È necessaria la concessione amministrativa.

Per le strade, tutta la materia è regolata dalla « Legge sulle opere pubbliche », allegato F, alla legge 20 marzo 1865 n. 2248, art. 32,37 capov., 39 capov., 84 e 231, nonchè dal R. D. 8 dicembre 1933, n. 1740, art. 6 segg. Per le acque la materia e regolata dal T.U. 25 luglio 1904, n. 253, art. 93 segg.


Fiumi, torrenti, rivi

Nel codice del 1865 si menzionano, oltre le strade, « i fiumi o torrenti ». Poiché nella legge sulle opere pubbliche (art. 93) si fa riferimento anche ai « rivi pubblici », appariva evidente la disarmonia fra i due testi legislativi. Con il nuovo codice ogni disarmonia è stata eliminata, in quanto si menzionano, in generale, « i corsi di acque pubbliche ».

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto