Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1017 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Perimento della cosa per colpa o dolo di terzi

Dispositivo dell'art. 1017 Codice civile

Se il perimento della cosa non è conseguenza di caso fortuito, l'usufrutto si trasferisce (1) sull'indennità dovuta dal responsabile del danno [1000].

Note

(1) La disposizione in oggetto prevede una conversione dell'usufrutto che da diritto reale diviene usufrutto di credito (v. art. 2025 del c.c.) per cui la relativa riscossione viene equamente divisa tra usufruttario e proprietario.

Spiegazione dell'art. 1017 Codice civile

Perimento della cosa per fatto di terzi

Per quanto la formula di questo articolo non sia la migliore (infatti l'espressione « se il perimento della cosa non è conseguenza di caso fortuito » non è la più idonea a rappresentare l’ ipotesi per cui il legislatore ha ritenuto di dettare la norma), tuttavia il principio in esso affermato risulta sufficientemente chiaro. Quando del perimento della cosa è responsabile un terzo, il quale sia perciò tenuto al risarcimento del danno, l'usufrutto si trasferisce sulla indennità dovuta a titolo di risarcimento. Si ha in altri termini un'ipotesi di surrogazione reale, che importa una modificazione qualitativa dell'oggetto del diritto. La norma si applica, come è ovvio, sia all'ipotesi di perimento totale sia a quello di perimento parziale ed è una ulteriore conferma del principio che l'usufrutto, in caso di perimento della cosa, si estingue quando non solo non residui nulla del perimento, ma anche quando non si possa sostituire alla cosa l'equivalente in denaro per effetto del risarcimento del danno dovuto dal terzo che ha causato it perimento.

La disposizione dell'art. 1016, che non trova riscontro nel vecchio codice, rappresenta una notevole e opportuna innovazione. Nel silenzio del codice del 1865 si doveva ritenere che il proprietario è l'usufruttuario fossero separatamente legittimati a chiedere il risarcimento del danno, l'uno per la perdita della proprietà, l'altro per la perdita dell'usufrutto. Ma l'usufruttuario non conservava il diritto di usufrutto sulla indennità liquidata al proprietario.

Secondo il nuovo codice, l'usufruttuario conserva invece il suo diritto su tutta la indennita, in astratto idonea a compensare la perdita della cosa e del reddito. Di conseguenza fino a quando l'indennita non è pagata si applicheranno le regole sull'usufrutto sui crediti; quando poi si tratta di riscuoterla si applicherà la disposizione dell'art. 1000. Sarà perciò necessario che colui che inizia il giudizio per ottenere la liquidazione dei danni integri il giudizio con la citazione dell'altro interessato, dato il principio per cui nella riscossione del capitale di un credito è necessario il concorso del proprietario e dell'usufruttuario. Può rimanere il dubbio se l'usufruttuario possa, anzichè valersi del disposto dell'art. 1016, chiedere direttamente al terzo responsabile il risarcimento dei danni, in una somma capitale che compensi la perdita del suo diritto ai frutti e al godimento della cosa. Ma io ritengo che tale diritto debba senz'altro riconoscersi all'usufruttuario, dato che l'art. 1016 contiene una norma a suo favore, agli effetti della quale quindi egli può rinunziare. In tal caso però resta l'obbligo dell'usufruttuario, ai sensi dell'art. 1010 primo comma, di denunciare al proprietario il perimento della cosa, affinchè questi possa provvedere alla tutela delle sue ragioni nel medesimo giudizio intentato dall'usufruttuario o in giudizio diverso.

È ovvio che la disposizione dell'art. 1016 non si applica se responsabile del perimento della cosa è lo stesso proprietario. In tal caso questi sarà tenuto a risarcire i danni all'usufruttuario secondo le regole generali e non potrà liberarsi obbligandosi di pagare gli interessi sulla somma corrispondente al valore della cosa perita.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

486 Le disposizioni dell'art. 1015 del c.c., art. 1016 del c.c. e art. 1018 del c.c., concernenti gli abusi dell'usufruttuario nell'esercizio del suo diritto, il patimento parziale della cosa soggetta all'usufrutto e il perimento dell'edificio, riproducono, salvo qualche emendamento di carattere formale, quelle corrispondenti del codice del 1865 (articoli 516, 519 e 520). Si prevede l'ipotesi di perimento della cosa per colpa di terzi e si dispone che in tal caso l'usufrutto si trasferisce sull'indennità dovuta dal responsabile del danno (art. 1017 del c.c.). Lo stesso trasferimento si opera se la cosa sia requisita o espropriata per pubblico interesse (art. 1020 del c.c.). Anche nel caso di assicurazione si applica la regola della surrogazione reale: l'usufrutto si trasferisce sull'indennità dovuta dall'assicuratore, quando l'usufruttuario ha povveduto all'assicurazione della cosa o al pagamento dei premi per la cosa già assicurata (art. 1019 del c.c., primo comma). Se si tratta di un edificio, il proprietario ha facoltà di destinare la somma alla ricostruzione di esso, nel qual caso l'usufrutto grava sull'edificio ricostruito; se però il proprietario impiega nella ricostruzione una somma maggiore di quella spettante in usufrutto, il diritto dell'usufruttuario è limitato in proporzione di quest'ultima (art. 1019, secondo comma).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • I diritti reali
    [volume 3] Usufrutto, uso, abitazione, superficie

    Collana: Trattato di diritto civile
    Pagine: 256
    Data di pubblicazione: ottobre 2009
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €

    Un’opera approfondita e completa della materia che fornisce una lettura teorico-pratica della normativa contenuta nel codice e l’analisi di tutta la casistica più significativa.

    PIANO DELL’OPERA

    I diritti sulle cose limitati nel tempo
    I problemi
    La costituzione dell’usufrutto
    Il contenuto dell’usufrutto
    I poteri di disposizione
    La conservazione della cosa e i carichi di godimento
    L’estinzione(continua)

  • Rapporti familiari ed esigenze abitative. (Le risposte in uno studio comparato)

    Pagine: 262
    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 15,00 -5% 14,25 €

    La casa di abitazione familiare è al centro in questa indagine, finanziata in parte dal MIUR, volta a ricostruire e rendere conoscibili la normativa vigente in materia in vari paesi dell'area europea, e a verificare il più possibile la sua attuazione nella realtà concreta. Il gruppo di ricerca modenese (C.Æ.DI.C Centro Æmilia di Diritto Comparato) ha approntato un questionario su argomenti di particolare interesse giuridico, statistico e sociologico,... (continua)

  • Uso, abitazione e servitù irregolari

    Editore: Zanichelli
    Collana: Strumenti del diritto
    Pagine: 632
    Data di pubblicazione: dicembre 2012
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €

    I diritti di uso e di abitazione si rivelano strumenti utili per i privati, nonché per il legislatore e per la giurisprudenza che ne hanno ampliato notevolmente l'ambito di applicazione: si è risposto così non solo a questioni di diritto immobiliare (si pensi al diritto di uso delle aree a parcheggio), ma anche di diritto di famiglia e delle successioni (come nel caso dei diritti di uso e abitazione in capo al coniuge superstite e per alcuni dell'assegnazione della... (continua)

  • Il «consumatore» acquirente di immobili da costruire fra diritto al risparmio e diritto all'abitazione

    Collana: Consumatori oggi
    Pagine: 264
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 28 €
    In un momento storico in cui l'attenzione del legislatore per chi si trova a rivestire il ruolo di contraente debole e/o di consumatore è particolarmente sentita, anche la tutela dell'acquirente di beni immobili segna traguardi importanti. La rilevanza sociale del fenomeno è vasta - come è testimoniato dal numero delle famiglie vittime, in circa dieci anni, dei fallimenti di costruttori immobiliari, superiore a 200.000 unità - mentre i rimedi specifici esistenti sino a poco tempo fa nel... (continua)
  • Il diritto all'abitazione nella prospettiva dell'housing sociale

    Collana: Quaderni della Rassegna di dirit. civile
    Pagine: 208
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 24 €
    Categorie: Uso e abitazione
    Le migrazioni, le emergenze legate al nomadismo, e più in generale la domanda diffusa e delusa di case, suggeriscono una rimodulazione del diritto all'abitazione, declinato come diritto all'alloggio e come diritto all'ospitalità. Ne consegue una apertura del predicato della normatività a nuove modalità espressive, a misura di emergenti profili di rilevanza della persona. L'housing sociale è, allo stato, un insieme eterogeneo di esperienze, dalla prima accoglienza all'alloggio, situate... (continua)
  • Usufrutto, uso, abitazione

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: luglio 2010
    Prezzo: 85,00 -5% 80,75 €

    Il volume attualizza il tradizionale ambito dei diritti reali di usufrutto, uso ed abitazione, alla luce dei nuovi orientamenti offerti dalla giurisprudenza.
    In particolare, ampio risalto è concesso alle “nuove” figure del diritto reale d'uso, “ope legis”, sulle aree a parcheggio e dei diritti d'uso e d'abitazione a favore del coniuge superstite.
    Completa l'opera la disamina della nuova disciplina della mediazione civile (D.lgs. n. 28 del 4.3.2010),... (continua)