Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 992 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Pali per vigne e per altre coltivazioni

Dispositivo dell'art. 992 Codice civile

L'usufruttuario può prendere nei boschi i pali occorrenti per le vigne e per le altre coltivazioni che ne abbisognano, osservando sempre la pratica costante della regione (1).

Note

Spiegazione dell'art. 992 Codice civile

Forme eccezionali di godimento del bosco

La norma riproduce nella sostanza una parte dell'art. 489 del codice del 1865 e conferma un principio tradizionale che risale al diritto romano. Essa rappresenta una estensione del godimento dell'usufruttuario al quale è attribuita la facoltà di ricavare dal bosco (anche se non destinato al taglio) i pali che siano necessari per le vigne e per le altre coltivazioni esistenti nel fondo dato in usufrutto. Tale facoltà si aggiunge a quella riconosciuta all'usufruttuario di far proprio il reddito legnoso del bosco ed è riconducibile al medesimo principio per cui l'usufruttuario può servirsi degli alberi di alto fusto atterrati per accidente per le riparazioni che sono a suo carico, ma probabilmente è meno giustificabile perchè l'obbligo della manutenzione che ha l'usufruttuario è correlato al vantaggio dei frutti e non si vede perchè quell'obbligo debba essere economicamente attenuato attraverso la estensione della sfera del godimento dell'usufruttuario. Probabilmente la norma andava abolita, così come è stata soppressa la facoltà dell'usufruttuario di atterrare alberi di alto fusto allo scopo di adoperarli per riparazioni.

Invece la norma è stata addirittura allargata perchè mentre l' art. 489 permetteva, almeno letteralmente, il prelevamento di pali per le vigne, l'art. 992 estende la regola anche alle altre coltivazioni. Il codice del 1865 chiariva inoltre che si doveva trattare di vigne comprese nell'usufrutto, ma questo chiarimento è scomparso nel nuovo testo probabilmente perchè è sembrato assolutamente superfluo non potendo essere dubbio che quella eccezionale facoltà dell'usufruttuario è accordata in quanto il bosco può, al di fuori e oltre il reddito da esso prodotto, rappresentare un' utilità per it resto del fondo in cui il bosco si trova.

Quanto al modo, all'epoca, dei tagli occorrenti perchè l'usufruttuario eserciti il diritto attribuitogli dalla disposizione in oggetto, egli deve uniformarsi a ciò che si suole praticare nella regione. Il codice infatti ha riprodotto qui lo stesso limite stabilito per il godimento dei boschi, sostituendo il criterio oggettivo della pratica costante della regione a quello accolto dall'art. 489 dell'uso del paese o della pratica dei proprietari, dove peraltro il riferimento all'uso del paese era prevalente rispetto a quello della pratica individuale dei proprietari.

Non è stata invece riprodotta la parte dell'art. 489 nella quale si riconfermava il principio per cui l'usufruttuario poteva profittare dei prodotti annuali o periodici degli alberi osservando sempre l'uso del paese e la pratica dei proprietari. Ora non v'è dubbio che nell'economia dell'art. 489 la disposizione era fuori posto e che il diritto dell'usufruttuario di godere dei prodotti principali o accessori degli alberi del bosco (frutti, rami, foglie, resina, gomma, ecc.) era incontestabile in base ai principi generali dell'usufrutto, ma la norma aveva pure la funzione di imporre sia per la determinazione dei prodotti suscettibili di appropriazione sia per il modo di ricavarli un comportamento conforme all'uso del paese e alla pratica dei proprietari. Il che non era certo inopportuno, trattandosi di utilizzare superfici boschive, ed era in armonia con quanto sia il vecchio che il nuovo codice stabiliscono per la principale forma di utilizzazione dei boschi e cioè per i tagli. Invece la soppressione pura e semplice della norma (che era stata mantenuta nel Progetto preliminare), pur non giustificata affatto nei lavori preparatori, deve far concludere che nella determinazione dei prodotti e nel modo di percezione l'usufruttuario non debba attenersi alla pratica costante della regione, non potendosi argomentare in contrario dall'art. 989 che non è applicabile per analogia all'ipotesi nostra e tanto meno dall' art. 992 che regola una forma eccezionale di godimento dell'usufruttuario.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

476 Relativamente all'usufrutto dei boschi, dei filari e degli alberi sparsi di alto fusto, al criterio della «pratica costante dei proprietari» (art. 485 del codice precedente) ho sostituito (art. 989 del c.c.) quello più obiettivo e più razionale della «pratica costante della regione». A questo criterio, oltre che alle leggi e ai regolamenti forestali deve uniformarsi l'usufruttuario per il modo, l'estensione, l'ordine e l'epoca dei tagli. Naturalmente, egli è tenuto anche ad assicurare il mantenimento della consistenza dei boschi e dei filari, di guisa che il bosco sussista integro alla fine dell'usufrutto. Ho poi soppresso la facoltà concessa all'usufruttuario dall'art. 488 del codice del 1865 di atterrare alberi del fondo per eseguire riparazioni. E' già eccezionale la facoltà conferitagli dall'art. 990 del c.c. di servirsi per le riparazioni a suo carico degli alberi di alto fusto divelti, spezzati o periti per accidente; un'ulteriore attenuazione dell'obbligo della manutenzione mi è sembrata eccessiva. Gli articoli 991, 992 e 993 riproducono, nella sostanza, i corrispondenti articoli 490, 489 e 491 del codice del 1865. Nel secondo e nel terzo, per altro, ho prescritto l'osservanza della «pratica costante della regione», in coerenza a quanto è disposto nell'art. 989.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Uso, abitazione e servitù irregolari

    Editore: Zanichelli
    Collana: Strumenti del diritto
    Pagine: 632
    Data di pubblicazione: dicembre 2012
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €

    I diritti di uso e di abitazione si rivelano strumenti utili per i privati, nonché per il legislatore e per la giurisprudenza che ne hanno ampliato notevolmente l'ambito di applicazione: si è risposto così non solo a questioni di diritto immobiliare (si pensi al diritto di uso delle aree a parcheggio), ma anche di diritto di famiglia e delle successioni (come nel caso dei diritti di uso e abitazione in capo al coniuge superstite e per alcuni dell'assegnazione della... (continua)

  • Rapporti familiari ed esigenze abitative. (Le risposte in uno studio comparato)

    Pagine: 262
    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 15,00 -5% 14,25 €

    La casa di abitazione familiare è al centro in questa indagine, finanziata in parte dal MIUR, volta a ricostruire e rendere conoscibili la normativa vigente in materia in vari paesi dell'area europea, e a verificare il più possibile la sua attuazione nella realtà concreta. Il gruppo di ricerca modenese (C.Æ.DI.C Centro Æmilia di Diritto Comparato) ha approntato un questionario su argomenti di particolare interesse giuridico, statistico e sociologico,... (continua)

  • I diritti reali
    [volume 3] Usufrutto, uso, abitazione, superficie

    Collana: Trattato di diritto civile
    Pagine: 256
    Data di pubblicazione: ottobre 2009
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €

    Un’opera approfondita e completa della materia che fornisce una lettura teorico-pratica della normativa contenuta nel codice e l’analisi di tutta la casistica più significativa.

    PIANO DELL’OPERA

    I diritti sulle cose limitati nel tempo
    I problemi
    La costituzione dell’usufrutto
    Il contenuto dell’usufrutto
    I poteri di disposizione
    La conservazione della cosa e i carichi di godimento
    L’estinzione(continua)

  • Il «consumatore» acquirente di immobili da costruire fra diritto al risparmio e diritto all'abitazione

    Collana: Consumatori oggi
    Pagine: 264
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 28 €
    In un momento storico in cui l'attenzione del legislatore per chi si trova a rivestire il ruolo di contraente debole e/o di consumatore è particolarmente sentita, anche la tutela dell'acquirente di beni immobili segna traguardi importanti. La rilevanza sociale del fenomeno è vasta - come è testimoniato dal numero delle famiglie vittime, in circa dieci anni, dei fallimenti di costruttori immobiliari, superiore a 200.000 unità - mentre i rimedi specifici esistenti sino a poco tempo fa nel... (continua)
  • Usufrutto, uso, abitazione

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: luglio 2010
    Prezzo: 85,00 -5% 80,75 €

    Il volume attualizza il tradizionale ambito dei diritti reali di usufrutto, uso ed abitazione, alla luce dei nuovi orientamenti offerti dalla giurisprudenza.
    In particolare, ampio risalto è concesso alle “nuove” figure del diritto reale d'uso, “ope legis”, sulle aree a parcheggio e dei diritti d'uso e d'abitazione a favore del coniuge superstite.
    Completa l'opera la disamina della nuova disciplina della mediazione civile (D.lgs. n. 28 del 4.3.2010),... (continua)

  • Il diritto all'abitazione nella prospettiva dell'housing sociale

    Collana: Quaderni della Rassegna di dirit. civile
    Pagine: 208
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 24 €
    Categorie: Uso e abitazione
    Le migrazioni, le emergenze legate al nomadismo, e più in generale la domanda diffusa e delusa di case, suggeriscono una rimodulazione del diritto all'abitazione, declinato come diritto all'alloggio e come diritto all'ospitalità. Ne consegue una apertura del predicato della normatività a nuove modalità espressive, a misura di emergenti profili di rilevanza della persona. L'housing sociale è, allo stato, un insieme eterogeneo di esperienze, dalla prima accoglienza all'alloggio, situate... (continua)