Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2949 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n.262)

Prescrizione in materia di società

Dispositivo dell'art. 2949 Codice civile

Si prescrivono in cinque anni i diritti che derivano dai rapporti sociali, se la società è iscritta nel registro delle imprese (1).
Nello stesso termine si prescrive l'azione di responsabilità che spetta ai creditori sociali verso gli amministratori nei casi stabiliti dalla legge [2394] (2).

Note

(1) Si sottopone a prescrizione, dallo stesso momento in cui sorgono, quei diritti derivanti da rapporti societari, non invece quelli relativi a relazioni giuridiche di singoli soggetti (si intendono quindi le azioni giudiziali tra i soci o tra i medesimi e la società, ma non anche l'azione intentata per ottenere l'annullamento del contratto).
(2) La disposizione rimanda esplicitamente all'azione che i creditori societari possono porre in atto nei confronti degli amministratori nell'ipotesi in cui sia avvenuta una diminuzione dell'integrità del patrimonio sociale con corrispondente pregiudizio al soddisfacimento dei loro crediti (v. art. 2394). Il termine prescrizionale breve inizia il suo decorso dal momento in cui si attesta la diminuzione del patrimonio.

Ratio Legis

La disposizione in commento dispone altre ipotesi di cosiddetta prescrizione breve quinquennale (v artt. 2947 e 2948), che derogano al termine ordinario decennale,

Spiegazione dell'art. 2949 Codice civile

Limiti di efficacia della prescrizione. Oggetto. Initium praescriptionis
A seguito dell'assorbimento nel codice civile di una., notevole parte delle materie regolate dal codice di commercio, anche alcune specie di prescrizioni di cui questo si occupava nel titolo quarto, sono considerate nell'ultimo titolo del libro della tutela.
Nell'articolo in esame è disciplinata la prescrizione in materia di società registrate. Per essa è stato mantenuto il termine di cinque anni ; ma non si ripete più la tormentata. formulazione del n. 1 dell'art. 919 del codice di commercio abrogato. Lo studioso certamente ricorda le vivaci dispute cui questo aveva dato luogo principalmente per stabilire il significato da darsi a quello che era l'oggetto della prescrizione : azioni derivanti dal contratto di società » e azioni « derivanti dalle operazioni sociali ».
Ritenevano alcuni, i quali consideravano la norma nella sua lata eccezione, che questa accanto alle azioni aventi origine dal contratto di società, poneva, per sottoporle alla stessa prescrizione, pure le operazioni dipendenti dal funzionamento esteriore della società nei rapporti con i terzi ; si obbiettava da altri, e con fondatezza, che attribuendo al termine «operazioni-sociali » il significato di « affari compiuti dalla società », si doveva ritenere ordinaria in materia di società, una prescrizione che appariva, ovviamente, eccezionale per le azioni che potevano farsi valere da e contro la società.
La nuova formulazione dell'art. 2949 evita il riproporsi di tali dispute ; in questo si parla di « diritti che derivano dai rapporti sociali » ; ci sembra, quindi, chiaro che la prescrizione colpisce soltanto quei diritti che o hanno origine dal contratto di società o derivano dall'esplicamento organico della vita della società e dall'uno e dall'altro attingono il loro speciale carattere, mentre altrettanto certo è, a nostro giudizio, che ne restano esclusi tutti gli altri diritti i quali trovano la loro ragion d'essere negli ordinari rapporti giuridici che una società può contrarre al pari di ogni altra persona e per il cui esercizio è del tutto indifferente la circostanza di essere stati posti in essere da una società. Volendo, ora, dare una indicazione, meramente esemplificativa, dei diritti in discorso, potremmo dire che in essi sono da ritenersi comprese le azioni : a) che un socio può esercitare- contro l'altro socio per l'esecuzione degli obblighi sociali ; b) che e la società, attraverso i suoi amministratori, e i terzi interessati hanno facoltà di proporre contro il socio che non abbia adempiuto ai suoi obblighi sociali, come ad es., se non ha fatto i promessi versamenti ; e) che i soci possono intentare contro la società per il riconoscimento di quanto è loro dovuto, come il pagamento dei dividendi, la corresponsione degli utili ; d) che la società esercita per ottenere dal socio il rimborso di quegli utili da lui indebitamente percetti ; e) che la società può intentare contro il socio responsabile di aver distolto dal fondo comune più di quanto gli era stato assegnato per le sue spese particolari. Ma perchè tutte queste azioni possano ritenersi colpite dalla prescrizione quinquennale è necessario che la società sia regolarmente iscritta nel registro delle imprese: questa formalità corrisponde a quella richiesta dall'abrogato art. 919, per il quale la prescrizione in esame operava qualora fossero state eseguite regolarmente le pubblicazioni ordinate nel titolo IX del libro primo del codice del commercio. Da ciò segue che anche oggi per le società non iscritte non può invocarsi la prescrizione breve.
Dell'initium praescriptionis, l'articolo in commento, diversamente dall'art. 949, non si occupa ; riprende, perciò, vigore il principio generale enunciato dall'art. 2935.
Azioni di responsabilità contro gli amministratori
Il capoverso dell'art. 2949 sottopone alla stessa prescrizione di cinque anni l'azione di responsabilità che spetta ai creditori sociali verso gli amministratori nei casi stabiliti dalla legge. La dottrina, nel silenzio del codice abrogato, aveva fatto rientrare questa prescrizione egualmente nell'ampia terminologia dell'art. 919, n. 1, per il giusto rilievo che le azioni in discorso si riportavano, sempre, nella loro esistenza, alla società e traevano origine da responsabilità degli amministratori incontrate nelle operazioni sociali ; cosi si precisavano anche i Limiti di applicabilità di tale prescrizione breve, che non colpiva, invece, le azioni di responsabilità di un socio contro gli amministratori, le quali erano soggette all'ordinaria prescrizione. Ora il capoverso dell'art. 2949, parlando di un'azione di responsabilità che spetta ai creditori sociali verso gli amministratori (a) nei casi stabiliti dalla legge (b), pone gli stessi limiti soggettivi (a) ed oggettivi (b), per cui, in ogni altro caso, è applicabile l'ordinaria prescrizione di dieci anni.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

1208 Assorbita nel codice civile gran parte delle materie regolate dal codice di commercio, occorreva disciplinare talune delle brevi prescrizioni che quest'ultimo stabiliva nel quarto libro. L'ambito della prescrizione quinquennale in materia di società iscritte nel registro delle imprese è delineato dall'art. 2949 del c.c., primo comma, con una formula che si adegua all'insegnamento della migliore dottrina. Mi sembra che la nuova formula eviti le critiche e le gravi difficoltà d'interpretazione alle quali l'art. 919, n. 1, del codice di commercio apriva l'àdito, parlando di « azioni derivanti dal contratto di società o delle operazioni sociali », sì che, considerata nella sua letterale accezione, la norma poteva indurre a ritenere che alla prescrizione quinquennale fossero soggetti anche i diritti derivanti dai rapporti posti in essere dalla società con i terzi nell'esplicazione della sua attività. Lo stesso termine di cinque anni è stabilito per la prescrizione dell'azione di responsabilità che spetta ai creditori sociali verso gli amministratori (art. 2949, secondo comma). Quanto al diritto del mediatore al pagamento della provi vigione, il termine prescrizionale di due anni (art. 922 del codice di commercio) è ridotto a un anno (art. 2950 del c.c.). La prescrizione dei diritti derivanti dal contratto di spedizione e dal contratto di trasporto è regolata dall'art. 2951 del c.c., che eleva i termini, eccessivamente brevi, stabiliti per il trasporto di cose dall'art. 926 del codice di commercio. Rimane immutato il termine di un anno per la prescrizione del diritto al pagamento delle rate di premio nel contratto di assicurazione, ma, circa la prescrizione degli altri diritti in materia assicurativa, a differenza del codice di commercio (art. 924), che non poneva distinzione alcuna, l'art. 2952 del c.c. distingue quelli che derivano dal contratto di assicurazione da quelli che derivano dal contratto di riassicurazione: per i primi è stabilito il termine di un anno; per i secondi il termine di due anni. Particolari disposizioni regolano la decorrenza di questi termini e la sospensione di essi. Ad eliminare il dubbio, in ordine ai diritti per i quali la legge stabilisce una prescrizione più breve di dieci anni, se, intervenuta sentenza di condanna passata in giudicato, torni a decorrere la prescrizione breve a cui è soggetto il rapporto deciso ovvero inizi il suo corso il termine di prescrizione ordinaria, provvede l'art. 2953 del c.c., il quale risolve la questione in quest'ultimo senso.

Massime relative all'art. 2949 Codice civile

Cass. civ. n. 2180/2016

La prescrizione breve in materia di società, sancita dall'art. 2949 c.c., è applicabile non solo alle società commerciali ma anche ai consorzi a rilevanza esterna di cui all'art. 2612 c.c. ed alle società consortili di cui all'art. 2615 ter c.c., in quanto anch'essi, in base al disposto dell'art. 8 della l. n. 580 del 1993 e dell'art. 7 del d.p.r. n. 581 del 1995, sono iscritti nella sezione ordinaria del registro delle imprese, mentre non si applica ad imprenditori agricoli, piccoli imprenditori e società semplici, in quanto iscritti in sezioni speciali di detto registro.

Cass. civ. n. 13084/2015

L'interesse del socio ad erogare un finanziamento alla società è collegato al rapporto sociale solo in via di fatto poiché opera soltanto sul piano dei motivi ed è connesso alla soddisfazione delle esigenze finanziarie della società, salvo che non rinvenga la sua fonte in un obbligo giuridico derivante da una deliberazione o dal contratto sociale. Ne consegue che il diritto del socio ad ottenere la restituzione del finanziamento erogato si prescrive nel termine ordinario e non in quello breve, quinquennale, di cui all'art. 2949, primo comma, cod. civ., la cui portata riguarda le sole relazioni tra i soggetti dell'organizzazione sociale, sorte in dipendenza diretta del contratto di società o di deliberazioni sociali.

Cass. civ. n. 21903/2013

I rapporti sociali, ai quali si applica il termine di prescrizione quinquennale previsto dall'art. 2949 c.c., si riferiscono a quei diritti che derivano dalle relazioni che si istituiscono fra i soggetti dell'organizzazione sociale in dipendenza diretta con il contratto di società e delle situazioni determinate dallo svolgimento della vita sociale, mentre ne restano esclusi tutti gli altri diritti che trovano la loro ragion d'essere negli ordinari rapporti giuridici che una società può contrarre al pari di ogni altro soggetto. Il termine di prescrizione previsto dall'art. 2949 c.c. si applica, quindi, anche al diritto della società cooperativa a ricevere dai soci i versamenti di denaro disposti a loro carico, quali prestazioni accessorie previste dallo statuto per far fronte alle spese di normale funzionamento della società, determinate dalla delibera assembleare e con decorrenza del termine dalla stessa.

Cass. civ. n. 17587/2005

La prescrizione breve in materia di società, stabilita dall'art. 2949 c.c., è applicabile esclusivamente alle società commerciali, e cioè alle società per le quali è prevista l'iscrizione nella sezione ordinaria del registro delle imprese, restando escluso che l'introduzione di sezioni speciali del registro delle imprese per gli imprenditori agricoli, i piccoli imprenditori e le società semplici abbia reso applicabile anche a queste ultime l'art. 2949 cit.

Cass. civ. n. 5113/2003

Il diritto azionato dal creditore sociale insoddisfatta nei confronti del socio dopo la cancellazione della società dal registro delle imprese, ai sensi dell'art. 2456, secondo comma, c.c., conservando la propria causa (estranea al rapporto sociale) e la propria originaria natura giuridica, è soggetto al medesimo termine di prescrizione cui soggiacerebbe se esso fosse stato azionato direttamente nei riguardi della medesima società; deve pertanto escludersi che esso ricada tra quelli per i quali l'art. 2949, primo comma, c.c. stabilisce il termine di prescrizione quinquennale.

Cass. civ. n. 10570/1994

La domanda, con la quale una società chiede dichiararsi che la cessione di quote del proprio capitale, stipulata dal titolare delle stesse a favore di un terzo, è inefficace nei confronti di essa società. per mancanza del consenso degli altri soci, previsto dallo statino sociale, non è soggetta a prescrizione, trattandosi di azione di accertamento negativo, esercitabile in qualunque momento, in quanto collegata ad un'autonoma potestà della società attrice, non già ad un diritto nascente da rapporti sociali.

Cass. civ. n. 6107/1993

I rapporti sociali ai quali si applica la prescrizione breve di cui all'at. 2949 c.c. si riferiscono a quei diritti che derivano dalle relazioni che si istituiscono fra i soggetti dell'organizzazione sociale in dipendenza diretta con il contratto di società e delle situazioni determinate dallo svolgimento della vita sociale, mentre ne restano esclusi tutti gli altri diritti che trovano la loro ragion d'essere negli ordinari rapporti giuridici che una società può contrarre al pari di ogni altro soggetto. Pertanto, la cennata prescrizione breve è applicabile all'azione di regresso proposta dal socio che, avendo assunto con altri soci di provvedere al pagamento di un debito sociale (o di fornire alla società i mezzi per provvedervi), siasi rivolto ad altro socio per il recupero della quota facente capo a quest'ultimo, solo ove risulti accertato che il rapporto costituitosi fra i soci trovi la sua fonte in un obbligo derivante dal contratto sociale o da una deliberazione della società, presentando anche per quanto riguarda i mezzi di attuazione di esso (nella specie, con la sottoscrizione della girata di un assegno bancario), un vincolo di conseguenzialità genetica con i rapporti e l'ordinamento della società stessa.

Cass. civ. n. 11973/1992

In presenza di un'iscrizione di trasferimento di quota nei libri sociali, la domanda proposta, da chi risulti socio cedente, nei confronti della società e di chi risulti socio cessionario, al fine di denunciare l'illegittimità di quell'annotazione in carenza di corrispondente rapporto sottostante, e quindi di rivendicare la persistenza dello status di socio con i diritti ad esso connessi, rientra, nella previsione dell'art. 2949, primo comma, c.c., sulla prescrizione breve quinquennale, riferendosi tale norma, nelle relazioni fra i soci o fra questi e la società, ad ogni diritto che derivi dal patto costitutivo della società medesima o da successivi atti da essa posti in essere nell'ambito della sua vita istituzionale.

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 2949 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Emanuele G. chiede
mercoledì 02/02/2011
“Salve,
vorrei sapere se la violazione del diritto di prelazione, previsto dallo statuto per la cessione delle quote, può essere fatta valere entro il termine prescrizionale stabilito dall'art. 2949 c.c.
Grazie.”
Consulenza legale i 11/02/2011

L’esercizio del diritto di prelazione, prevista nello Statuto della società per le ipotesi di cessione delle quote, sottosta al regime prescrizionale dell’art. 2949 del c.c. se la società è iscritta nel registro delle imprese.
La cessione stessa è inefficace nei confronti del socio prelazionario pretermesso il quale, ove il trasferimento non sia venuto meno - sì che il socio alienante abbia riacquistato la titolarità delle quote cedute - può esercitare il diritto di riscatto, se previsto.
In capo al socio prelazionario pretermesso sussiste, altresì, la legittimazione a chiedere il risarcimento dei danni nei confronti del socio cedente per l’inadempimento delle regole che disciplinano il contratto di società.


Testi per approfondire questo articolo

  • Prescrizione e decadenza. Come farle valere in giudizio e relative strategie processuali

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: marzo 2015
    Prezzo: 65,00 -10% 58,50 €

    Il volume affronta il tema della prescrizione e decadenza, sia sotto il profilo sostanziale che processuale, tenendo anche presente le sempre maggiori contaminazioni di matrice europea.

    Si è dato conto delle principali novità normative (l. 162/2014 in tema di degiurisdizionalizzazione e d.lgs. 21/2014 che ha modificato i tempi per l’esercizio del diritto di recesso), nonché degli orientamenti presenti in dottrina e giurisprudenza. In particolare, il testo... (continua)

  • Prescrizione e decadenza

    Editore: Giuffrè
    Collana: Il diritto privato oggi
    Data di pubblicazione: settembre 2009
    Prezzo: 80,00 -10% 72,00 €

    Il volume ricostruisce in maniera organica due istituti di grande rilievo e dai confini non sempre ben delineati.
    Partendo dai principi generali, l'Autore analizza le applicazioni pratiche della prescrizione e della decadenza in tutta la casistica del diritto civile: dai diritti reali ai contratti, dalle successioni alla famiglia, dalle obbligazioni all'azione risarcitoria, senza tralasciare i termini di decadenza previsti dal codice di procedura civile, recentemente riformati.(continua)

  • Prescrizione e decadenza. Tutele sostanziali e strategie processuali. Con CD-ROM

    Editore: CEDAM
    Collana: Il diritto applicato
    Data di pubblicazione: ottobre 2009
    Prezzo: 95,00 -10% 85,50 €

    Il volume affronta le tematiche inerenti la prescrizione e decadenza, sia sotto il profilo sostanziale che sotto quello processuale (anche alla luce della Riforma del Codice di Procedura Civile, avvenuta con la recentissima Legge 69/2009).
    Inoltre, si è dato conto degli orientamenti della dottrina e giurisprudenza, utilizzando un linguaggio chiaro ed esemplificativo.
    Sono stati sviluppati analiticamente, oltre i temi generali del computo dei termini, della sospensione ed... (continua)

  • Le prescrizioni nel diritto civile, penale e tributario. Analisi e casistica

    Collana: I manuali di Guida al Diritto
    Data di pubblicazione: marzo 2011
    Prezzo: 36,00 -10% 32,40 €

    La prescrizione determina l'estinzione di alcuni diritti nel caso in cui i titolari non li esercitino nei tempi stabiliti dalla legge. In ogni campo del diritto l'istituto ha pertanto l'importante funzione di garantire la certezza dei rapporti giuridici. Il presente volume si propone di offrire all'operatore una trattazione completa ed aggiornata sulla prescrizione, descrivendone gli elementi fondamentali e soffermandosi sull'incidenza che l'istituto ha nei vari settori del diritto civile,... (continua)