Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2757 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Crediti per somministrazioni e lavori occorrenti per la produzione agricola

Dispositivo dell'art. 2757 Codice civile

I crediti per le somministrazioni di sementi, di materie fertilizzanti e antiparassitarie e di acqua per irrigazione, come pure i crediti per lavori di coltivazione e di raccolta(1) dell'annata agricola hanno privilegio sui frutti, alla cui produzione abbiano concorso [2778, nn. 5-6].

Il privilegio si può esercitare finché i frutti si trovano nel fondo o nelle sue dipendenze(2).

Si applica la disposizione del secondo comma dell'articolo 2756(3).

Note

(1) Si specifica che tra i vari lavori di raccolta qui intesi possono essere compresi anche quelli inerenti la trasformazione dei prodotti agricoli, ossia quel momento di diversificazione produttiva che porta il prodotto alla dimensione agroalimentare, purché tale processo venga effettuato sul fondo stesso.
(2) In tema, tutti i crediti inerenti alle prestazioni di attività e servizi che abbiano contribuito a produrre i frutti in una determinata annata agricola vengono preferiti attraverso l'apposizione della causa di prelazione del privilegio generale; non risultano invece sottoposti allo stesso trattamento i crediti relativi alle spese di irrigazione (ad esempio per canalizzazione o convogliamento di sorgenti).
(3) La disposizione opera un esplicito richiamo al comma 2 dell'art. 2756, consentendo quindi che il privilegio generale sia opposto anche ai terzi che vantino diritti sui frutti, purché venga tuttavia dimostrata la buona fede del creditore.

Ratio Legis

L'intento della norma è il medesimo delle disposizioni precedenti, ossia quello di indicare determinati crediti preferiti rispetto ad altri, in ragione della considerazione sociale relativa ai beni mobili sopra i quali vengono posti.

Spiegazione dell'art. 2757 Codice civile

Crediti garantiti dal privilegio, e cose sulle quali questo si esercita

Il primo comma dell'articolo in esame riproduce il privilegio che l'art. 1958, n. 5, del codice precedente accordava ai crediti per somministrazioni di sementi e per lavori di coltivazione e di raccolta, e che una legge speciale, del 7 luglio 1901, n. 334, estese ai crediti di somme per somministrazione di concimi e di materie anticrittogamiche.

Il nuovo codice, però, usa una locuzione più comprensiva, dichiarando privilegiati i crediti per somministrazioni di materie fertilizzanti ed antiparassitarie in genere, nonché i crediti per somministrazione di acqua per irrigazione. Quest'ultima aggiunta è dovuta ad un suggerimento delle organizzazioni agricole.

Il privilegio colpisce i frutti prodotti nell’annata agricola a cui si riferiscono i crediti. La parola agricola, aggiunta dal nuovo codice, il quale ,vale ad eliminare il dubbio cui dava luogo il codice precedente, circa ki determinazione del periodo in cui i frutti dovevano essere prodotti per essere soggetti al privilegio. Inoltre essa giova ad escludere che il privilegio possa esercitarsi su beni che non provengano direttamente a coltivazione del suolo, come, ad esempio, i parti degli animali, i prodotti delle miniere, cave, e torbiere, per quanto l'art. 82o annoveri tali cose fra i frutti naturali. Per ragioni analoghe riteniamo che non potrebbero essere assistiti dal privilegio i crediti per lavori di ta­glio di un bosco, non rientrando essi tra quelli a cui possa riferirsi la locazione di annata agricola.

L'art. 2757 poi specifica ancora che il privilegio può solo farsi va­lere sul frutti alla cui produzione (i crediti) abbiano concorso. Tale espressione non va presa alla lettera, nel senso cioè che debba esistere una relazione diretta ed immediata fra il credito e l'utilità risentita dalla produzione dei frutti singolarmente considerati : il che sarebbe spesso d'impossibile constatazione. Ciò viole solo significare che il pri­vilegio non può esercitarsi che su quella specie di frutti, considerati nel loro complesso, per il cui incremento le somministrazioni o i lavori sono stati eseguiti : cosi la somministrazione di solfato di rame occorso per le viti di un terreno nel quale si coltivassero anche degli alberi da frutto, potrebbe esercitarsi su tutta la produzione dell'uva, ma non sui frutti degli alberi.

Rileviamo infine che il privilegio non vien meno per il fatto che i frutti abbiano subito una trasformazione industriale, quando sia bene identificabile la loro provenienza dal fondo (esempio uva trasformata in vino), non potendo ritenersi che il prodotto cosi ottenuto abbia perduto la sua caratteristica di frutto del fondo stesso.


Condizioni di esercizio del privilegio : permanenza dei frutti sul fondo e nelle sue dipendenze. Conflitto con i diritti dei terzi

Il secondo comma dell'articolo richiede, come condizione di esercizio del privilegio, che i frutti si trovino ancora nel fondo o nelle sue dipendenze. Quest'ultimo termine prescinde da una relazione materiale tra il fondo ed il luogo nel quale i frutti siano stati trasportati, dovendo intendersi per dipendenze tutti quei locali od aree che, per la loro destinazione, servano al fondo da cui frutti provengono, e che se tali locali od aree fossero contemporaneamente destinati al servizio di più fondi, spetterebbe, in caso di contestazione, al creditore la prova che i frutti ivi depositati provengono dal fondo al quale il suo credito si riferisce.

L'ultimo comma dell'articolo richiama per il privilegio in esame la disposizione del secondo comma dell'art. 2756, che concede al credi­tore di esercitare il suo privilegio anche in pregiudizio dei diritti dei terzi, sempre che egli fosse stato in buona fede. A proposito di tale condizione non abbiamo che a rimetterci all'illustrazione che ne ab­biamo fatta nel commento dell'articolo precedente. Solo, per quel che riguarda la buona fede del creditore privilegiato, crediamo opportuno ricordare la disposizione dell'art. 821, secondo la quale colui che fa propri i frutti è tenuto a rimborsare i terzi che abbiano fatto delle spese per la produzione e il raccolto dei frutti medesimi. Tale rimborso, al pari di quello disposto dal successivo art. 1149, nei riguardi del pos­sessore che abbia indebitamente percepito i frutti, non potrebbe essere assistito dal privilegio in esame se non concorresse, in colui che ha fatto le spese, l'elemento della buona fede.


Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • I privilegi

    Collana: Trattato dir. civ. Cons. naz. notariato
    Pagine: 272
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 38 €
    Categorie: Privilegi
    Il volume, dopo una breve disamina delle problematiche connesse alla responsabilità patrimoniale in generale ed alla individuazione del patrimonio su cui ricadono le conseguenze dell'inadempimento dell'obbligazione, si occupa dei privilegi del credito quale causa legittima di prelazione. Premessa la distinzione tra i diversi tipi di privilegi, vengono, inoltre, affrontati i temi relativi alla individuazione del credito privilegiato e dei suoi accessori, alla determinazione dell'oggetto del... (continua)