Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2716 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Mancanza dell'atto originale o di copia depositata

Dispositivo dell'art. 2716 Codice civile

In mancanza dell'originale dell'atto pubblico o di una copia di esso presso un pubblico depositario, le copie spedite in conformità dell'articolo 2714 fanno piena prova; ma se tali copie, o anche la copia esistente presso un pubblico depositario quando manca l'originale, presentano cancellature, abrasioni, intercalazioni o altri difetti esteriori, è rimesso al giudice di apprezzarne l'efficacia probatoria [116 c.p.c.](1).

In mancanza dell'originale scrittura privata, le copie di essa spedite in conformità dell'articolo 2715 fanno egualmente prova; ma se presentano cancellature, abrasioni, intercalazioni o altri difetti esteriori, è rimesso parimenti al giudice di apprezzarne l'efficacia probatoria. Resta in ogni caso salva la questione circa l'autenticità dell'originale mancante (2).

Note

(1) Per le ipotesi nelle quali, per qualunque motivo, non sia reperibile l'originale dell'atto pubblico e nel contempo non sia nemmeno possibile ottenere copie conformi, la disciplina stabilisce che la copia spedita ex art. 2714 possa assumere efficacia probatoria piena. Tuttavia, contrariamente alla copia autentica che può essere contestata soltanto attraverso la proposizione della querela di falso ex art. 2700, se la copia semplice presenta una qualsiasi cancellatura, abrasione o altro difetto, generando sospetti di inautenticità, la sua efficacia probatoria è discrezionalmente valutata dal giudice.
(2) Come dettato dal comma 1 relativamente agli atti pubblici, la copia della scrittura privata può rivestire efficacia probatoria in luogo dell'originale, ma, se difettosa, fa prova solo se adeguatamente riconosciuta dalla parte contro cui è fornita, con il chiaro risultato che senza tale riconoscimento non può essere considerata dal giudice (v. 2702).

Ratio Legis

La norma definisce le limitazioni in materia di efficacia probatoria relativamente alle copie di atti pubblici o scritture private, nelle ipotesi in cui manchino documenti originali e non possano essere fornite copie autenticate.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • L'istruzione probatoria nel processo civile

    Editore: CEDAM
    Collana: Sapere diritto
    Data di pubblicazione: settembre 2015
    Prezzo: 80,00 -5% 76,00 €
    Categorie: Istruzione

    Il regime probatorio, specie dopo la fondamentale riforma del processo civile, attuata con la L. 26.11.1990, n. 353, e le modifiche apportate all'art. 183 c.p.c., con la L. 14 maggio 2005, n. 80, ha assunto un ruolo primario innanzitutto per il sistema delle preclusioni che, in pratica, delimitano l'attività istruttoria, salvo poche eccezioni, al primo grado del giudizio.

    In questi anni, il maggior impegno del legislatore è stato nel senso di istituire regimi... (continua)