Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 685 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 31/08/2021]

Effetti del ritiro del testamento segreto

Dispositivo dell'art. 685 Codice Civile

Il ritiro del testamento segreto [604, 608 c.c.], a opera del testatore, dalle mani del notaio o dell'archivista [614, 617 c.c.] presso cui si trova depositato, non importa revocazione del testamento quando la scheda testamentaria può valere come testamento olografo(1) [607 c.c.].

Note

(1) In caso contrario si ha un'ipotesi di revocazione tacita.

Ratio Legis

Il testamento segreto cessa di essere tale, ove sia stato ritirato, in quanto viene meno un requisito formale necessario per la sua esistenza. Si tende, tuttavia, a conservare la volontà del testatore qualora l'atto di ultima volontà abbia le caratteristiche del testamento olografo poichè, dalla conservazione di esso ad opera del testatore, si deduce l'assenza della volontà di revocarlo.

Spiegazione dell'art. 685 Codice Civile

L’art. #922# del vecchio codice del 1865 parlava del ritiro del testamento segreto e ne disciplinava le forme; ne parlava, anzi, sotto la rubrica della revocazione dei testamenti, che con quella disposizione si chiudeva, ma non diceva che il ritiro valeva revoca. A tal proposito, era stato pure osservato che, per ciò che riguarda il testamento segreto, se esso è ritirato dal notaio dal quale fu ricevuto, più che di revoca, si deve parlare di nullità del testamento, perché, separato dall’atto di ricevimento, esso non ha valore giuridico di sorta.
L’art. 685 si propone di salvare l’eventuale testamento olografo contenuto nella scheda, anziché di regolare gli effetti del ritiro rispetto al testamento segreto. Si poteva, infatti, ritenere che il ritiro della scheda dal notaio o dall’archivio presso cui era depositata, oltre all’effetto di togliere ad essa la qualità di testamento segreto, potesse includere la volontà tacita o presunta di revocare comunque le disposizioni testamentarie contenute nella scheda, ostacolando quella conversione formale che, in linea normale, aveva stabilito l’art. 607. Così, in sostanza, l’art. 685 è opportuno appunto al fine di eliminare ogni dubbio sull’applicabilità dell’art. 607 anche all’ipotesi di (sopravvenuta nullità per) ritiro del testamento segreto. In sostanza, il nuovo legislatore ha considerato il ritiro come un fatto neutro, dal punto di vista psicologico; anzi ha ritenuto più conforme alla natura delle cose che il semplice ritiro indichi l’intento di tenere presso di sé il testamento. Per sé, dunque, non vale revoca, né viene considerato come elemento di fatto sufficiente a produrre gli effetti della revoca, quand’anche si provi che il testatore avesse l’intenzione di revocare.
Si capisce che ciò non poteva escludere gli effetti propri del ritiro, in quanto capace di sopprimere i presupposti necessari per la validità del testamento segreto.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto