Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2612 Codice Civile 2020

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Iscrizione nel registro delle imprese

Dispositivo dell'art. 2612 Codice Civile 2020

Se il contratto prevede l'istituzione di un ufficio destinato a svolgere un'attività con i terzi [2618, 2619], un estratto del contratto deve, a cura degli amministratori, entro trenta giorni dalla stipulazione, essere depositato per l'iscrizione presso l'ufficio del registro delle imprese [2188] del luogo dove l'ufficio ha sede [2626].

L'estratto deve indicare:

  1. 1) la denominazione e l'oggetto del consorzio e la sede dell'ufficio;
  2. 2) il cognome e il nome dei consorziati;
  3. 3) la durata del consorzio;
  4. 4) le persone a cui vengono attribuite la presidenza, la direzione e la rappresentanza del consorzio ed i rispettivi poteri [2613, 2615];
  5. 5) il modo di formazione del fondo consortile e le norme relative alla liquidazione.

Del pari devono essere iscritte nel registro delle imprese le modificazioni del contratto concernenti gli elementi sopra indicati [2607, 2642].

Ratio Legis

La norma disciplina il sistema di pubblicità legale relativo alla struttura organizzativa del consorzio che svolge anche attività esterna, ovvero attività ausiliari per le imprese consorziate.
In questo modo i consorzi diventano autonomi centri di imputazione di rapporti giuridici e di responsabilità.




Massime relative all'art. 2612 Codice Civile 2020

Cass. civ. n. 18206/2006

L'attività svolta dai Consorzi di Bonifica deve essere accertata non alla stregua di criteri generali ed astratti, ma in conformità dell'enunciazione del primo comma dell'art. 2070 c.c., posta in necessario collegamento con gli artt. 2195 e 2135 c.c., sulla base dell'attività effettivamente esercitata da tali enti. (Nella specie, la S.C. ha cassato con rinvio l'impugnata sentenza con la cui motivazione si era ritenuto di poter accertare la natura agricola dell'impresa svolta dal Consorzio, non già sulla base dell'attività in concreto esercitata, bensì sulla scorta di elementi estrinseci e formali, quali l'assoggettamento dei lavoratori al CCNL dei braccianti, l'asserita assunzione tramite il collocamento agricolo od il rapporto di connessione funzionale od economica, che si ritiene di poter stabilire tra il servizio di irrogazione del Consorzio di Bonifica e l'attività agricola dei proprietari dei terreni inclusi nel comprensorio di bonifica).

Cass. civ. n. 4867/1983

L'art. 2612 c.c., in tema di iscrizione dei contratti di consorzio di imprese, fa decorrere il termine per il deposito dell'atto costitutivo del consorzio dal momento della sua stipulazione e non da quello dell'istituzione di una sede che renda concreto l'esercizio dell'attività esterna.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 2612 Codice Civile 2020

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Studio A. E. chiede
venerdì 08/05/2020 - Campania
“Un Consorzio con attività esterna può essere iscritto al registro delle imprese per l'attività di agente e rappresentante di commercio e come tale ricevere mandati di agenzia da aziende proponenti?”
Consulenza legale i 18/05/2020
La risposta al quesito è positiva per la seguente ragione.

Il Consorzio con attività esterna, rispetto al consorzio con attività interna, è un soggetto che, seppur privo di personalità giuridica, può essere considerato come un centro autonomo di rapporti giuridici, cosicché può essere inclusa nell'oggetto del Consorzio con attività esterna anche l'attività di agente di commercio.

Occorre, tuttavia, che, in tal caso, siano rispettate le cause di decadenza, di sospensione e di divieto stabili dall'art. 67 del D.Lgs 159/2011 - e che non siano stati emessi i seguenti provvedimenti contro - dai seguenti soggetti:

a) ciascuno dei consorziati che nei consorzi e nelle societa consortili detenga una partecipazione superiore al 10%;b) ciascuno dei consorziati che nei consorzi e nelle societa consortili detenga una partecipazione inferiore al 10% e che abbia stipulato un patto parasociale riferibile ad una partecipazione pari o superiore al 10%; c) i soci o i consorziati per conto dei quali le societa consortili o i consorzi operino in modo esclusivo nei confronti della pubblica amministrazione.