Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2215 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Modalità di tenuta delle scritture contabili

Dispositivo dell'art. 2215 Codice civile

I libri contabili, prima di essere messi in uso, devono essere numerati progressivamente in ogni pagina e, qualora sia previsto l'obbligo della bollatura o della vidimazione, bollati in ogni foglio dall'ufficio del registro delle imprese [2188] o da un notaio secondo le disposizioni delle leggi speciali. L'ufficio del registro o il notaio deve dichiarare nell'ultima pagina dei libri il numero dei fogli che li compongono.

Il libro giornale e il libro degli inventari devono essere numerati progressivamente e non sono soggetti a bollatura né a vidimazione. (1)

Note

(1) Il testo dell'articolo è stato introdotto dall'art. 8 della legge 18 ottobre 2001 n. 383 che ha sostituito completamente il precedente dispositivo.

Ratio Legis

L'utilizzo di libri contabili non vidimati priva di valore probatorio la scrittura contabile in esso contenuta, con la conseguenza che l'amministrazione erariale procederà ad una ricostruzione induttiva dell'imponibile.

Spiegazione dell'art. 2215 Codice civile

La norma determina le formalità estrinseche iniziali riguardanti il libro giornale e quello degli inventari.
La modifica legislativa (L. 383/2001) ha eliminato l'obbligo di bollatura del libro giornale e del libro degli inventari. Tale obbligo permane per i libri sociali previsti dall'art. 2421 e per gli altri libri per i quali il medesimo obbligo è previsto da leggi speciali.

Permane l'obbligo della numerazione progressiva.

La norma parla di libri, quindi si ritiene esclusa una tenuta a fogli mobili, consentita per le altre scritture contabili, che possono essere tenute anche con schede perforate o nastri magnetici.

Massime relative all'art. 2215 Codice civile

Cass. civ. n. 14018/2007

L'abrogazione dell'obbligo della bollatura e della vidimazione del libro giornale e del libro degli inventari (disposta dall'art. 8 della legge n. 383 del 2001), già prevista dall'art. 2215 c.c., è entrata in vigore il 25 ottobre 2001, senza effetto retroattivo. Da ciò consegue che le violazioni del suddetto obbligo, commesse prima di tale data, conservano il loro rilievo ai fini fiscali, e legittimano l'erario a procedere all'accertamento sintetico del reddito risultante da libri contabili non vidimati o vidimati posteriormente alle annotazioni.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Le azioni di responsabilità nel concordato preventivo

    Editore: Giappichelli
    Collana: Studi di diritto dell'impresa
    Data di pubblicazione: giugno 2018
    Prezzo: 28,00 -5% 26,60 €
    La presente monografia sviluppa il dibattuto tema dell'esercizio delle azioni di responsabilità nei confronti di organi di società di capitali (in particolare, gli amministratori) che abbiano depositato domanda di concordato preventivo e siano state poi ammesse alla relativa procedura. L'autrice si interroga sulla permanente possibilità di esercitare l'azione sociale di responsabilità, da un lato, e l'azione dei creditori sociali, dall'altro, sia nel corso della... (continua)
  • Le crisi d'impresa in un'economia finanziaria

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: settembre 2018
    Prezzo: 17,00 -5% 16,15 €
    Il volume cerca di cogliere il senso delle riforme (soprattutto il Codice della crisi e dell'insolvenza elaborato dalla Seconda Commissione Rordorf) che stanno mutando il volto del diritto concorsuale. Il problema di fondo è costituito dal progressivo ridimensionamento del ruolo della responsabilità patrimoniale e della par condicio creditorum: invece di confidare su meccanismi liquidatori, si cerca d'intervenire d'anticipo sulla gestione dell'impresa; invece di puntare sulla... (continua)
  • Profili tipologici delle garanzie personali

    Autore: Renna Mario
    Editore: Aracne
    Collana: Studi sul diritto delle imprese
    Pagine: 312
    Data di pubblicazione: agosto 2018
    Prezzo: 16 €
    Lo studio esamina le principali forme di garanzia elaborate nella prassi commerciale attraverso la prospettiva dell'autonomia d'impresa. Questa impostazione legittima e impone una riconsiderazione di alcuni capisaldi del diritto comune dei contratti (come le regole che definiscono gli elementi della causa e dell'oggetto) e permette di rivisitare la tenuta delle norme imperative previste per il tipo fideiussorio, alla luce di un confronto con il tipo di interessi ritenuti meritevoli secondo il... (continua)
  • Operazioni straordinarie e tutela degli investitori. Tra rimedi compensativi e rimedi ostativi

    Editore: Giappichelli
    Collana: Studi di diritto dell'impresa
    Pagine: 392
    Data di pubblicazione: luglio 2018
    Prezzo: 49,00 -5% 46,55 €
    La monografia "Operazioni straordinarie e tutela degli investitori. Tra rimedi compensativi e rimedi ostativi" affronta il tema della tutela degli investitori in occasione di operazioni straordinarie. L'opera offre una proposta di categorizzazione dei rimedi a disposizione degli investitori secondo la distinzione tra "rimedi compensativi" e "rimedi ostativi". Il problema indagato, ricorrente nelle operazioni esaminate (aumento di capitale e fusione in presenza di più categorie di... (continua)