Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2025 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Usufrutto

Dispositivo dell'art. 2025 Codice civile

Chi ha l'usufrutto del credito menzionato in un titolo nominativo ha diritto di ottenere un titolo separato da quello del proprietario (1).

Note

(1) Con la costituzione dell'usufrutto sul titolo di credito si creano due distinte figure: l'usufruttuario, che ha diritto ad un secondo documento che incorpora il suo diritto (978 c.c.) ed il nudo proprietario che ha il possesso del titolo ed il diritto alla prestazione contenuta.

Ratio Legis

Il diritto ad avere un altro documento si spiega col fatto che costituendo l'usufrutto (978 c.c.) sul titolo di credito l'usufruttuario ha, appunto, il diritto di usufrutto ed il nudo proprietario ha diritto alla prestazione.

Spiegazione dell'art. 2025 Codice civile

Il diritto dell'usufruttuario di un titolo nominativo, di ottenere «un titolo se­parato da quello del proprietario »

Già l'abrogato art. 1, 70 comma R. D. L. 7 giugno 1923, n. 1364 riconosceva all'usufruttuario di un titolo nominativo « il diritto ad ottenere dall'emittente un titolo separato da quello della nuda proprietà ». Ed ora, in maniera sostanzialmente conforme, l'art. 2025 nuovo cod. civ. dispone che « chi ha l'usufrutto del credito menzionato in un titolo nominativo ha diritto di ottenere un titolo separato da quello del proprietario ».

Da questa norma risulta:
a) Che l'usufruttuario cumula il diritto in parola con quelli di ottenere la consegna del titolo e l'annotazione del vincolo sul medesimo titolo e nel registro, come presupposti della piena efficacia di esso vincolo, a tenore degli artt. 1997 e 2024 Cod. civ.;

b) Che a tale diritto corrisponde un preciso obbligo dell'emittente;

c) Che, in via di estensione analogica delle disposizioni sancite nei pre­cedenti artt. 1999, 2 comma, 2000, 1 comma, 2005 e 2007, 2 comma, le spese del rilascio del « titolo separato » devono ritenersi a carico dell'usufrut­tuario richiedente.

Che, in conseguenza dell'esercizio del diritto in esame, si realizza la coesistenza di un titolo nominativo del nudo proprietario e di un titolo nomi­nativo dell'usufruttuario, con struttura e disciplina giuridica diverse.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Commentario breve al diritto delle cambiali, degli assegni e di altri strumenti di credito e mezzi di pagamento

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 130,00 -5% 123,50 €
    Categorie: Titoli di credito

    La nuova edizione del commentario è stata profondamente riscritta ed ampliata:

    - revisionati profondamente i commenti della PARTE I, dedicata alla CAMBIALE (Regio decreto 14 dicembre 1933, n.1669, Modificazioni alle norme sulla cambiale e sul vaglia cambiario), cambiale tratta garantita mediante cessione di credito derivante da forniture, cambiale agraria e cambiale pesca, grazie all’entrata di nuovi autori e di nuovi punti di vista sulla materia;

    - interamente... (continua)