Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2024 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Vincoli sul credito

Dispositivo dell'art. 2024 Codice civile

Nessun vincolo sul credito (1) produce effetti nei confronti dell'emittente e dei terzi, se non risulta da una corrispondente annotazione sul titolo e nel registro [1997, 2026] (2).

Per l'annotazione si osserva il disposto del secondo comma dell'articolo 2022.

Note

(1) Anche sui titoli nominativi può essere costituito, ad esempio, un pegno (2784 c.c.).
(2) Viene riprodotta la regola della annotazione (2022 c.c.).

Ratio Legis

Pur essendo ammessa la possibilità di costituire vincoli sui titoli nominativi, questi sono sottoposti a limitazioni che si giustificano, così come vale per la legittimazione (2021 c.c.) ed il trasferimento (2022 c.c.), a causa dell'importanza dei rapporti fondamentali che possono generare tali titoli di credito (ad esempio rapporti societari).

Spiegazione dell'art. 2024 Codice civile

I presupposti della piena efficacia dei vincoli sui titoli nominativi

L'art. 2024, 1 comma, Cod. civ., in quanto dispone che « nessun vincolo sul credito produce effetti nei confronti dell'emittente e dei terzi se non risulta da una corrispondente annotazione sul titolo nel registro », — statuisce, rispetto a tutti i titoli nominativi, una norma speciale, che integra la norma ge­nerale, sancita nel precedente art. 1997; e regolante tutti i titoli di credito.

Invero, si è già detto a proposito di alcuni vincoli sui titoli no­minativi (usufrutto, pegno....: v. retro), che l’ « attuazione » o « esecuzione sul titolo » del vincolo, - attuazione o esecuzione la quale importa, secondo i casi, la soppressione o la restrizione della disponibilità materiale sulla cosa - è condizione necessaria, ma non sufficiente, per la piena efficacia del vincolo, nel senso che questa [piena efficacia] presuppone, oltre la consegna della cosa all'usufruttuario, al creditore pignoratizio...., « una corrispondente annotazione sul titolo e nel registro »; — e ciò, appunto, a tenore del cit. art. 2024, 1 comma. E questi rilievi sono, in forza di quest'ultima disposizione, riferibili a Turri i vincoli su titoli nominativi, precisamente nel senso che la efficacia di essi vincoli anche nei confronti dell'emittente e dei terzi — presuppone, oltre la « attuazione sul titolo », di cui nel cit. art. 1997, — la «corrispondente annotazione sul titolo e nel registro », di cui nell'art. 2024, 1 comma.


La discipina giuridica della annotazione del vincolo (richiami)

Il successivo secondo comma dello stesso art. 2024 prescrive, per l'an­notazione in parola, l'osservanza del disposto del secondo comma dell'art. 2022; e ciò per quanto concerne sia la prova della propria identità e capacità di disporre, sia l'obbligo della esibizione del titolo e della dimostrazione del proprio diritto mediante atto autentico, da parte del soggetto attivo del vincolo, sia l’ esecuzione della annotazione e la relativa responsabilità dell'emittente.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo