Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1542 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Garanzia

Dispositivo dell'art. 1542 Codice civile

Chi vende [1470] un'eredità (1) senza specificarne gli oggetti non è tenuto a garantire che la propria qualità di erede (2).

Note

(1) In tal caso la vendita ha ad oggetto le situazioni giuridiche attive e passive acquistate dall'erede purché di contenuto patrimoniale e con esclusione, quindi, dei rapporti di carattere personale.
(2) Egli, quindi, non è tenuto alla garanzia per evizione secondo le previsioni generali (v. 1483 ss. c.c.) ma se non č erede si verifica un'ipotesi di vendita di bene altrui (1478 c.c.).

Ratio Legis

La previsione si giustifica proprio in considerazione del fatto che la vendita avviene in blocco.

Spiegazione dell'art. 1542 Codice civile

Vendita d'eredità

Chi vende l'eredità non vende tanto le singole cose che ne fanno parte quanto universum jus. Egli deve perciò garantire la qualità ereditaria: solo se non è in condizione di garantirla, egli è inadempiente.
Le norme sulla vendita dell'eredità hanno notevole analogia con gli artt. 2555-2562 cod. civ. circa l'azienda e i negozi che hanno per oggetto l'azienda commerciale, anch'essa universitas jurium.


Beneficio d'inventario

L'erede beneficiato decade dal beneficio d'inventario per il solo fatto d'aver alienato ad altri l'eredità? Dell'amministrazione dei beni ereditari egli non risponde se non per colpa grave: art. 491 cod. civ.. E non può ritenersi immune da colpa grave se trasmette all'acquirente il possesso e l'amministrazione dei beni ereditari. Se invece conserva possesso ed amministrazione, poiché l'alienazione dell'eredità non è alienazione di singoli beni ereditari, non incorre nella decadenza comminata dall'art 493 cod. civ..

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 1542 Codice civile

Cass. civ. n. 5145/2012

Nell'oggetto del contratto di vendita di ereditą, di cui agli artt. 1542 e segg. c.c., non rientra anche l'azione di petizione ereditaria, essendo quest'ultima diretta all'accertamento della qualitą di erede, per sua natura intrasmissibile, e configurandosi, invece, la vendita dell'ereditą come alienazione di componenti patrimoniali e non di mere qualificazioni giuridiche. Ne consegue che deve escludersi la legittimazione attiva a proporre l'azione di "petitio hereditatis" in capo al compratore dell'ereditą, potendo questi, in quanto creditore del venditore per i frutti percepiti, i crediti riscossi ed i beni venduti e, per contro, terzo rispetto al conflitto tra erede e possessore di beni ereditari, proporre azione surrogatoria in caso di inerzia del venditore stesso nell'esercizio della petizione d'ereditą.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Trattato di diritto civile del Consiglio Nazionale del Notariato
    La compravendita

    Pagine: 616
    Data di pubblicazione: luglio 2013
    Prezzo: 70 €
    Categorie: Compravendita

    "Contratto per antonomasia e, più ancora, prototipo sotto ogni cielo del fenomeno contrattuale" - come è stato scritto -, la vendita costituisce da sempre non solo luogo privilegiato di applicazione di numerosi istituti del diritto contrattuale, ma altresì oggetto di attenzione continua da parte del legislatore, di recente anche nella prospettiva di una disciplina sovranazionale (come dimostra la recente Proposta di regolamento per un "diritto comune europeo" della... (continua)

  • Dal preliminare alla compravendita immobiliare

    Collana: Diritto in chiaro
    Pagine: 229
    Data di pubblicazione: aprile 2019
    Prezzo: 23,00 -5% 21,85 €
    Il volume esamina le diverse fasi della vendita di un immobile: dalla predisposizione della puntuazione, al contratto preliminare fino a giungere al momento del contratto definitivo. Ampio spazio è dedicato non solo alla disciplina codicistica ma anche a quella speciale, in particolare modo alle norme urbanistiche, alla disciplina dei beni sottoposti a vincoli culturali, alla normativa sulla compravendita di immobili da costruire e all'edilizia convenzionata. Il volume affronta e... (continua)
  • La compravendita

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: settembre 2018
    Prezzo: 46,00 -5% 43,70 €
    Categorie: Compravendita
    Tra gli argomenti trattati: Nozione e causa; Accordo e forma; Oggetto e contenuto; Effetti ed esecuzione; Vendite speciali; Garanzia e responsabilità nella vendita disciplinata dal codice civile; Responsabilità e rischio nella vendita di beni di consumo; L'autotutela nella vendita mobiliare; Il preliminare di vendita; Vendita e fallimento; La vendita internazionale (profili generali). (continua)
  • L'acquisto di immobili in costruzione tra rischio economico e tutela della persona

    Data di pubblicazione: settembre 2010
    Prezzo: 21 €

    A circa cinque anni dall’entrata in vigore del d.lg. 20 giugno 2005, n. 122, la riflessione giuridica sull’acquisto di immobili in costruzione si incentra sull’effettività delle regole operative poste e sui problemi sollevati dal regime protettivo speciale introdotto per le ipotesi di vendita c.d. «sulla carta», in una convergenza dialettica tra diritto dei contratti, diritto della crisi d’impresa e legislazione di settore. Le disfunzioni... (continua)