Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1339 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Inserzione automatica di clausole

Dispositivo dell'art. 1339 Codice civile

Le clausole, i prezzi di beni o di servizi, imposti dalla legge o da norme corporative (1) sono di diritto inseriti nel contratto, anche in sostituzione delle clausole difformi apposte dalle parti [1419] (2).

Note

(1) L'espressione "o da norme corporative" è da ritenersi abrogata dal d.lgs.lgt. 23 novembre 1944, n. 369, che ha soppresso l'ordinamento corporativo.
(2) La norma fa riferimento alle c.d. fonti eteronome, cioè quelle che non dipendono dalla volontà delle parti ma dalla legge. La loro applicazione è, ad oggi, meno rilevante che in passato poichè il mercato è improntato ad un ottica concorrenziale dove l'intervento statale è minimo.

Ratio Legis

La norma fa salve le determinazioni che la legge abbia stabilito in via imperativa circa alcuni elementi del contratto, atteso che nel fare ciò essa ha tenuto conto di esigenze ritenute preminenti e non derogabili dalle parti.

Relazione al Libro delle Obbligazioni

(Relazione del Guardasigilli al Progetto Ministeriale - Libro delle Obbligazioni 1941)

168 Particolare aspetto dell'obbligo di contratto è il dovere di costituire il contratto con un contenuto predeterminato dalla norma.
In tali casi si può discutere se la nullità di una clausola contrattuale conduca alla nullità del contratto; ma, dato il pericolo a cui questo principio può condurre, la legge 3 aprile 1926, n. 563, ritenne di affermare, a proposito delle clausole del contratto individuale di lavoro difformi dal contenuto del contratto collettivo, che il contenuto medesimo dovesse inserirsi automaticamente nel contratto individuale.
Si è dubitato per molto tempo se questo effetto si dovesse riconoscere anche nel caso di difformità tra contratto individuale e accordo economico collettivo; ma la Corte suprema ha superato il dissidio affermando che anche la disciplina corporativa posta per i rapporti economici ha la forza di sostituirsi alle clausole contrarie dei contratti individuali.
Con l'art. 194 viene a farsi un passo più avanti: si stabilisce che ogni norma imperativa della legge supera la volontà delle parti ed entra nella disciplina contrattuale anche se ne fu voluta una diversa. Resta vietato così al giudice di indagare se la clausola sostituita appartiene all'essenza del contratto e se le parti avrebbero ugualmente contrattato senza il patto al quale la norma si sostituisce: i contraenti, in tal caso, rimangono tenuti al contratto e al suo contenuto legale per la superiore volontà della legge.

Massime relative all'art. 1339 Codice civile

Cass. pen. n. 5650/2014

In tema di sequestro probatorio, a differenza di quanto previsto per le misure cautelari personali disposte per esigenze probatorie, la mancata indicazione di un termine di durata del vincolo non incide sulla validità originaria del provvedimento, potendo semmai l'eccessivo ed ingiustificato protrarsi del sequestro abilitare l'interessato alla richiesta di revoca della misura, nel presupposto della illegittimità del suo ulteriore mantenimento nel tempo.

Cass. civ. n. 17746/2009

L'inserzione automatica di clausole, prevista dall'art. 1339 c.c., costituisce una restrizione significativa del diritto di libertà economica consacrato dall'art. 41 Cost. di cui è espressione l'autonomia privata; e deve quindi trovare il suo fondamento in una legge formale o in un altro atto avente valore di legge in senso sostanziale o da esso richiamato tramite rinvio integrativo; pertanto, con riferimento al contratto avente ad oggetto la prestazione di servizi di vigilanza da parte di un istituto privato, tale integrazione non può aver luogo in base al decreto con cui il prefetto approva la relativa tariffa ai sensi dell'art. 135 del R.D. n. 773 del 1931, trattandosi di un mero atto amministrativo espressivo di un sindacato di congruità, avente natura di merito, del prezzo di una prestazione contrattuale, né l'ingerenza con efficacia reale sulla tariffa proposta dall'istituto e liberamente accettata dal committente può trovare fondamento nella generale potestà del prefetto di impartire prescrizioni nell'interesse pubblico, in sede di rilascio di autorizzazioni di polizia, ai sensi dell'art. 9 del R.D. n. 773 cit.

Cass. civ. n. 1689/2006

Relativamente ad un rapporto contrattuale di durata, l'intervento nel corso di essa, di una nuova disposizione di legge diretta a porre, rispetto al possibile contenuto del regolamento contrattuale, una nuova norma imperativa condizionante l'autonomia contrattuale delle parti nel regolamento del contratto, in assenza di una norma transitoria che preveda l'ultrattività della previgente disciplina normativa non contenente la norma imperativa nuova, comporta che la contrarietà a quest'ultima del regolamento contrattuale non consente più alla clausola di operare, nel senso di giustificare effetti del regolamento contrattuale che non si siano già prodotti, in quanto, ai sensi dell'art. 1339 c.c., il contratto, per quanto concerne la sua efficacia normativa successiva all'entrata in vigore della norma nuova, deve ritenersi assoggettato all'efficacia della clausola imperativa da detta norma imposta, la quale sostituisce o integra per l'avvenire (cioè per la residua durata del contratto) la clausola difforme, relativamente agli effetti che il contratto dovrà produrre e non ha ancora prodotto.

Cass. civ. n. 11264/1998

Il principio posto dall'art. 1339 c.c. (inserzione automatica di clausole) non è invocabile nell'ipotesi in cui si prospetti la sostituzione di clausole contrattuali difformi rispetto a norme imperative di legge ma solo l'integrazione di lacune della manifestazione della volontà negoziale, al fine, peraltro, di ottenere non già effetti derivanti dall'applicazione della norma imperativa ma effetti del tutto diversi, che possono dipendere solo dalle pattuizioni delle parti (nella specie, la S.C. ha escluso che la disciplina contrattuale relativa alla distribuzione su cinque giorni del lavoro settimanale dei piazzisti potesse essere integrata con la disciplina in tema di limiti all'orario di lavoro, di cui al R.D. 15 marzo 1923, n. 692, per derivarne la riduzione contrattuale dell'orario a quaranta ore settimanali e quindi il diritto ad un compenso ulteriore per il lavoro svolto — di sabato — oltre l'orario contrattuale ma entro i limiti legali).

Cass. civ. n. 2630/1981

L'inserzione automatica di clausole imposte dalla legge in sostituzione delle clausole contrattuali difformi, postulando che dal testo o dallo spirito della disposizione sia ricavabile l'invalidità di ogni clausola contraria, non è ipotizzabile quando sia prevista, per l'inosservanza del precetto normativo, una sanzione diversa dalla sostituzione o dalla invalidità della clausola contrattuale difforme.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Diritto dell'informazione e della comunicazione. Con e-book

    Editore: CEDAM
    Pagine: 540
    Data di pubblicazione: giugno 2018
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    L'obiettivo di questo manuale, nato nell'università e arricchito dalla pratica, è quello di offrire, con l'ausilio di dottrina e giurisprudenza, il quadro dei principali istituti che caratterizzano il diritto dell'informazione e della comunicazione in Italia, a partire dai principi costituzionali. L'art. 21 (libertà di espressione e d'informazione) e l'art. 15 (libertà di comunicazione) della Costituzione con i loro contenuti e con i loro limiti costituiscono la... (continua)
  • Metodo giuridico e interpretazione. Un confronto interdisciplinare su Senso e consenso di Aurelio Gentili

    Editore: Edizioni ETS
    Collana: Jura. Temi e problemi del diritto
    Pagine: 180
    Data di pubblicazione: dicembre 2018
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Il volume raccoglie una serie di contributi nati da una giornata di studi dedicata alla discussione del testo di Aurelio Gentili, "Senso e consenso. Storia, teoria e tecnica dell'interpretazione dei contratti". In un dialogo ideale - oltre che reale - con l'autore, docenti e giovani studiosi di diritto civile e di filosofia del diritto dell'Università di Pisa hanno esercitato la propria riflessione sul metodo giuridico e sull'interpretazione del diritto, con un'attenzione specifica... (continua)
  • Clausola penale e caparra

    Collana: Soluzioni di diritto
    Pagine: 80
    Data di pubblicazione: settembre 2018
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Categorie: Clausola penale
    L'opera affronta gli istituti della penale e della caparra quali rimedi forniti dall'ordinamento per far fronte a situazioni patologiche del rapporto contrattuale, in via alternativa o cumulativa rispetto alle domande risarcitorie o di risoluzione dei rapporti obbligatori. Nel primo capitolo verranno fornite le definizioni e le nozioni di ordine generale nel quadro normativo di riferimento, per poi passare negli altri capitoli ad approfondire le tematiche oggetto di interesse anche e... (continua)
  • La regolarità contributiva e fiscale nelle gare d'appalto

    Editore: Giuffrè
    Collana: Officina. Fisco e tributi
    Pagine: 78
    Data di pubblicazione: giugno 2019
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Categorie: Appalto